13 settembre 2021

Procedura di Rimborso Iva Ue

di lettura

Per chiedere a un altro Stato comunitario il rimborso dell’Iva pagata sugli acquisti di beni e servizi effettuati nel 2020 nell’esercizio di attività economica, il contribuente italiano deve presentare domanda di rimborso, entro il 30 settembre, all’Agenzia delle Entrate.

Rimborso IVA UE

In base alla Direttiva 2008/9/CE del 12.02.2008, recepita con D.Lgs. 18/2010, la domanda deve essere presentata esclusivamente attraverso i servizi telematici Entratel o Fisconline, a seconda del canale cui si è abilitati.

La domanda dall’Agenzia delle entrate nazionale viene smistata verso le amministrazioni fiscali estere, previa verifica del Centro Operativo di Pescara, e le informazioni inerenti allo stato di lavorazione delle istanze inoltrate e/o l’eventuale rifiuto, dovranno essere richieste direttamente all’amministrazione fiscale estera competente.

Regno Unito e Irlanda del Nord

Una situazione particolare riguarda i rapporti con il Regno Unito, infatti in seguito all’entrata in vigore della Brexit, la domanda per gli acquisti di beni e servizi effettuati nel 2020, doveva essere presentata entro il 31 marzo 2021.

Quindi a partire dal 1° gennaio 2021, nelle relazioni con il Regno Unito (esclusa l’Irlanda del Nord), non sarà più applicabile la direttiva 2008/9. I soggetti stabiliti che vorranno richiedere il rimborso dell’IVA corrisposta nel Regno Unito dovranno esaminare la normativa ivi vigente, sia per quanto riguarda i presupposti, che la procedura.

Diversa la situazione per gli acquisti in Irlanda del Nord, che continua a essere considerata parte della UE per quanto riguarda le transazioni sui beni, ma non per le transazioni sui servizi:

  • per l’IVA relativa all’acquisto o all’importazione di beni nei rapporti con l’Irlanda del Nord e con i soggetti ivi stabiliti vengono seguite le regole dei rimborsi unionali
  • se invece l’IVA di cui si vuole chiedere il rimborso riguarda servizi oppure acquisti misti (beni e servizi), allora occorre procedere come previsto dalla Tredicesima direttiva (86/560 del 17 novembre 1986).

Diritto al rimborso dell’Iva

Il diritto al rimborso dell’Iva che il soggetto passivo ha assolto in uno stato membro diverso da quello nel quale è stabilito si base sugli stessi presupposti del diritto alla detrazione, essendo una procedura alternativa di recupero dell’imposta rispetto alla detrazione. Infatti, la direttiva 2008/9/CE, prevede che, per poter ottenere il rimborso in un altro stato UE, il soggetto passivo deve eseguire nello stato in cui è stabilito, operazioni che attribuiscono il diritto alla detrazione.

Dal punto di vista della detrazione dell’imposta ai fini del rimborso, valgono le normative dei singoli Stati Membri.

Il diritto al rimborso è condizionato da alcuni presupposti in capo al soggetto che avanza istanza di rimborso, ovvero, non avere un collegamento territoriale che lo obbligherebbe a registrarsi nel paese al quale ha presentato la richiesta; la mancanza di operazioni nel periodo di riferimento, territorialmente rilevanti nello stato membro del rimborso.

Quest’ultima condizione sconta la deroga rispetto ad alcune tipologie di operazioni attive, prestazioni non imponibili di servizi di trasporto e accessori, e cessioni di beni e prestazioni di servizi sottoposte al meccanismo dell’inversione contabile.

Infine, si rappresenta che con il nuovo regime OSS, vi sono meno vincoli nella richiesta di rimborso dell’Iva pagata in altri paesi UE. Di conseguenza, in deroga alle regole ordinarie, le imprese potranno chiedere il rimborso anche nel caso in cui porranno in essere nel territorio dello stato operazioni attive rientranti nel regime speciale.

Tommaso Rotella

Vuoi approfondire questi aggiornamenti? Hai quesiti da porre per qualsiasi Paese?

Vai su www.lombardiapoint.it nella sezione “Esperto risponde” e poni il quesito all’attenzione di Tommaso Rotella.

Tag dell'informativa
Ti potrebbe interessare

Fiscalità
Sistema fiscale cinese: panoramica per gli esportatori italiani
28 settembre 2023 Sistema fiscale cinese: panoramica per gli esportatori italiani
Come affrontare le questioni fiscali legate all'importazione ed esportazione con la Cina?
Problematiche applicative nelle operazioni triangolari
31 maggio 2023 Problematiche applicative nelle operazioni triangolari
Il processo di internazionalizzazione vede spesso le imprese italiane coinvolte in operazioni a cui partecipano più soggetti, sia comunitari che extracomunitari. Nelle cessioni di beni, tali operazioni possono assumere la veste di operazioni triangolari.
Prova delle cessioni intracomunitarie: regole comunitarie e chiarimenti dell’Agenzia delle Entrate
28 aprile 2023 Prova delle cessioni intracomunitarie: regole comunitarie e chiarimenti dell’Agenzia delle Entrate
A tre anni dall’entrata in vigore del Regolamento Europeo 1912/2018, che ha introdotto delle presunzioni a favore del contribuente per dimostrare la fuoriuscita dei beni dal territorio nazionale e per semplificare la normativa in attesa della riforma dell’Iva, analizziamo l’impatto che ha avuto la norma.
Deposito Iva: i vantaggi per le imprese
21 luglio 2022 Deposito Iva: i vantaggi per le imprese
I depositi Iva consentono di differire da un punto di vista finanziario il pagamento dell’Iva, attesa la distanza temporale tra il momento dell’operazione doganale e quello della vendita dei beni.
Stabile organizzazione ai fini Iva
21 aprile 2022 Stabile organizzazione ai fini Iva
La stabile organizzazione è una elaborazione del diritto tributario, svincolata da altri istituti di matrice civilistica, caratterizzata da molte incertezze ascrivibili soprattutto alla scelta del legislatore unionale di non introdurre una sua puntuale definizione.
Emirati Arabi Uniti: nuova imposta sul reddito delle società
8 febbraio 2022 Emirati Arabi Uniti: nuova imposta sul reddito delle società
Il 31 gennaio 2022 il Ministero delle Finanze degli Emirati Arabi Uniti ha annunciato che verrà istituito un regime fiscale federale per le imprese. Entro breve verrà emessa una legge federale che disciplinerà l'imposta sulle società (Corporate Tax Law).
Iva all’importazione non detraibile per i soggetti non proprietari dei beni
22 novembre 2021 Iva all’importazione non detraibile per i soggetti non proprietari dei beni
Novità per perfezionamenti e lavorazioni a seguito della recente giurisprudenza della Corte di giustizia dell’Ue (causa c-621/19).
Riforma accise, plastic tax, CBAM: dal 2022 inizia la tassazione ambientale
2 novembre 2021 Riforma accise, plastic tax, CBAM: dal 2022 inizia la tassazione ambientale
Il futuro della tassazione indiretta è sempre più orientato verso l’applicazione di meccanismi premiali per i beni poco inquinanti e, di contro, per l’imposizione di meccanismi disincentivanti fondati sulla leva fiscale.
Rimborso IVA UE
13 settembre 2021 Procedura di Rimborso Iva Ue
Per chiedere a un altro Stato comunitario il rimborso dell’Iva pagata sugli acquisti di beni e servizi effettuati nel 2020 nell’esercizio di attività economica, il contribuente italiano deve presentare domanda di rimborso, entro il 30 settembre, all’Agenzia delle Entrate.
Operazioni da e verso San Marino: approvate regole per emissione fattura elettronica
26 agosto 2021 Operazioni da e verso San Marino: approvate regole per emissione fattura elettronica
Il DM 21 giugno 2021 (in Gazzetta Ufficiale 15 luglio 2021, n. 168), da attuazione alle disposizioni dell'articolo 12 del decreto-legge n.