11 novembre 2020

Esportare formaggi stagionati in Giappone

di lettura

La scheda rappresenta uno strumento di valutazione delle opportunità e delle condizioni tecnico operative necessarie a esportare formaggi stagionati in Giappone.

Image

Il lavoro, realizzato dall’Ismea col supporto di Si.Camera, contiene informazioni inerenti il posizionamento competitivo dei concorrenti, le caratteristiche del mercato, dazi, documenti doganali, normativa sanitaria, etichettatura.

Scenario internazionale

Nel 2019 gli scambi mondiali di formaggi stagionati sono stati pari a 3,8 milioni di tonnellate per un valore pari a 17 miliardi di euro.

Nella graduatoria mondiale dei paesi esportatori l’Italia occupa nel 2019 la quarta posizione in valore e la sesta in volume, detenendo una quota dell’export totale pari rispettivamente al 10% e al 4,7%.

Sul fronte delle importazioni, la Germania guida la classifica dei primi cinque paesi acquirenti di formaggi stagionati, con il 18% del valore dell’import mondiale e il 15% dei volumi; seguono Regno Unito, USA, Italia e Belgio. Per ciascuno di questi paesi l’Italia figura sempre tra i principali fornitori, detenendo nel caso degli Usa la prima posizione con una quota in valore superiore al 29%.

In Giappone

Il Giappone si colloca in nona posizione per un valore dell’import pari a 692 milioni di euro nel 2019; l’Italia si configura come ottavo fornitore con poco più del 4% del valore importato complessivamente.

Il mercato del Giappone è risultato molto dinamico nel medio periodo; la domanda di questo paese infatti è cresciuta tra il 2015 e il 2019 del 33,6% in valore (a 692 milioni di euro nel 2019) e del 35,2% in volume (a 186 mila tonnellate nel 2019).

Le richieste del Giappone dei formaggi stagionati italiani valgono 30 milioni di euro nel 2019 per volumi pari a 3 mila tonnellate, con una dinamica positiva sul fronte dei valori (+13,5% sul 2015) mentre i quantitativi sono risultati in calo (-5,7% sul 2015). Circa il 60% delle forniture è rappresentato da grana padano e parmigiano reggiano.

Economic Partnership Agreement (EPA): UE-Giappone

Entrato in vigore il 1° febbraio 2019, l’Accordo prevede l’azzeramento della quasi totalità dei dazi doganali da entrambe le parti, l’eliminazione di diverse barriere tecnico- normative e l’armonizzazione di standard tecnici. Il trattato tutela i prodotti alimentari IGP europei (46 dell’agroalimentare italiano, tra questi 10 formaggi: Asiago, Fontina, Gorgonzola, Grana Padano, Mozzarella di Bufala Campana, Parmigiano Reggiano, Pecorino Romano, Pecorino Toscano, Provolone Valpadana, Taleggio).

Non tutte godranno di una piena e immediata tutela e alcune sono soggette ad una deroga temporanea che consente il porzionamento e il confezionamento in loco (non consentito dai disciplinari di produzione), concesso per esigenze commerciali degli operatori giapponesi.

Le aziende italiane interessate ad esportare in Giappone, beneficiando delle tariffe agevolate previste dall’accordo EPA, dovranno dimostrare l’origine europea/ italiana del prodotto spedito. L’accordo EPA prevede due modalità alternative: la dichiarazione di origine (attraverso sistema REX) o la “conoscenza dell’importatore”.

Documenti per l’esportazione

  • Fattura commerciale
  • Notifica di importazione
  • Certificazioni per esportazione - Latte e Prodotti a base di Latte
  • Certificato d’origine (solo se richiesto dal compratore
  • Dichiarazione di origine o conoscenza dell’importatore
  • Lista di imballaggio (Packing List)
  • Polizza di carico marittima (Bill of Lading) o lettera di trasporto aereo Air Way Bill)
  • Polizza d’assicurazione (se richiesta o ritenuta necessaria).

L’importatore deve presentare la Notifica di importazione a una delle 31 stazioni di quarantena degli alimenti (Food Quarantine Stations) del Ministero della Salute giapponese dislocate nei luoghi di ingresso delle merci in Giappone (porti e aeroporti) per consentire di compiere l’esame dei documenti e l’ispezione al fine di verificare che i prodotti siano conformi alla Food Sanitation Law. Al modulo deve essere allegata la descrizione del processo produttivo e un certificato di analisi (in originale per la prima importazione) rilasciato da laboratori riconosciuti dal Ministero della Salute giapponese.

La scheda rientra nelle attività dell’Ismea per la Rete Rurale Nazionale, con particolare riferimento all’internazionalizzazione delle aziende agricole e agroalimentari.
Le informazioni contenute nella scheda sono tratte da fonti ritenute attendibili e aggiornate al 2019.

Fonte: Ismea

Dogane
MoCRA: registrazione prodotti cosmetici destinati al mercato USA
16 gennaio 2024 MoCRA: registrazione prodotti cosmetici destinati al mercato USA
La Legge di Modernizzazione della Regolamentazione dei Cosmetici  (MoCRA) prevede la registrazione dei prodotti cosmetici secondo linee guida recentemente pubblicate da FDA.
Importazioni prodotti siderurgici e sanzioni contro la Russia
10 ottobre 2023 Importazioni prodotti siderurgici e sanzioni contro la Russia
L’Agenzia delle Dogane il 22 settembre ha diramato un primo Avviso “Divieto di importazione di prodotti siderurgici sottoposti a trasformazione in un paese terzo che incorporano prodotti siderurgici originari della Russia”.
Esportare vino in Giappone
12 settembre 2023 Esportare vino in Giappone
Nel corso degli ultimi anni, in Giappone i consumi di vini d’uva sono aumentati, in parallelo al calo dei prodotti enologici a base di riso (sakè).
African Continental Free Trade Area
9 marzo 2023 African Continental Free Trade Area
Nel luglio 2022 ha preso il via la fase pilota dell’ African Continental Free Trade Area ( AfCFTA ), un’area di libero scambio nel continente africano che, comprendendo 1,3 miliardi di persone e 54 Stati, è destinata a diventare la più grande del mondo.
Codici merceologici e interscambio con il Regno Unito
22 febbraio 2023 Codici merceologici e interscambio con il Regno Unito
InternetRetailing, in collaborazione con Landmark Global, ha pubblicato un’analisi sulle insidie ​​più comuni che i rivenditori incontrano durante la spedizione delle merci dall'UE nel Regno Unito (e viceversa).
Sportello unico dell’Unione europea per le dogane
12 gennaio 2023 Sportello unico dell’Unione europea per le dogane
Il Regolamento (Ue) 2022/2399 del parlamento europeo e del consiglio del 23 novembre 2022 istituisce l’ambiente dello sportello unico dell’Unione europea per le dogane e modifica il regolamento (UE) n. 952/2013.
Arabia Saudita: Special Economic Zones
14 novembre 2022 Arabia Saudita: Special Economic Zones
L'Arabia Saudita ha previsto di istituire una serie di zone economiche speciali che forniranno incentivi per investire in diversi settori, tra cui quello manifatturiero, delle biotecnologie e del cloud computing.
Libro blu ADM 2021
27 ottobre 2022 Libro blu ADM 2021
Pubblicato il Libro blu dell’Agenzia delle Dogane che presenta un’analisi delle ripercussioni della guerra Russia - Ucraina sull’interscambio commerciale italiano con i paesi coinvolti nel conflitto.
Nuovo corridoio ferroviario veloce per il trasporto di merci in container tra Gioia Tauro e Bologna
20 settembre 2022 Nuovo corridoio ferroviario veloce per il trasporto di merci in container tra Gioia Tauro e Bologna
Nasce il Fast Corridor ferroviario per ottimizzare lo spostamento delle merci containerizzate dal magazzino di temporanea custodia di Gioia Tauro al magazzino di Bologna Interporto.
CETA: i benefici per le imprese italiane
9 settembre 2022 CETA: i benefici per le imprese italiane
A cinque anni dall’entrata in vigore del Comprehensive Economic and Trade Agreement (CETA) tra Canada e Unione Europea, SACE traccia un primo bilancio.