13 aprile 2022

Certificati Eur1: nuove procedure di rilascio ordinario o facilitato

di lettura
Dal 1° aprile è entrata a regime la nuova procedura di rilascio dei certificati di origine preferenziale Eur1.
Image

Gli operatori non potranno più beneficiare di un certificato stampato su fogli speciali firmati “in bianco” dagli Uffici competenti. Con le nuove disposizioni le imprese:

  • prima dovranno stampare il documento compilato
  • poi, dovranno recarsi presso le Dogane di riferimento per ottenere la validazione del documento che consente alle merci UE di presentarsi a destinazione a dazio zero o ridotto.

Questa nuova operatività, molto discussa e oggetto di vari interventi di semplificazione, si esplica ora su 3 possibili binari operativi, oggetto della circolare 12/2022: procedura ordinaria, procedura facilitata e procedura full digital.

1 Con la procedura ordinaria, il certificato generato in automatico dal sistema dichiarativo è stampato e presentato all’Ufficio dove è stata registrata la dichiarazione di esportazione per l’apposizione di timbro e firma. In caso di canale verde (nessun controllo), è disposto che l’Ufficio “provveda con immediatezza alla validazione del certificato”.

Le Dogane rammentano che resta impregiudicata la facoltà di accertare la sussistenza dei requisiti sostanziali sottesi alla richiesta di rilascio del certificato, all’atto dell’operazione, o a posteriori. Da quanto chiarito dalla Dogana, però, questa riserva sarà esercitata con misura e sulla base di criteri specifici, perché il rilascio dovrebbe avvenire a vista e senza indugio.

In particolare, con successive precisazioni ha disposto l’autorità che “in procedura ordinaria, l’Ufficio delle Dogane di esportazione procede alla vidimazione dei certificati di circolazione in questione relativi a merci svincolate senza chiedere l’esibizione della richiesta di rilascio del certificato, né la documentazione sottesa al medesimo”.

Sempre sul piano operativo è bene osservare che l’operatore economico, direttamente o tramite suo rappresentante doganale, dopo aver inviato la dichiarazione doganale nella quale ha indicato la richiesta di un certificato di circolazione EUR.1, EUR MED o A.TR e ottenuto lo svincolo delle merci, deve procedere alla stampa del certificato medesimo per la successiva vidimazione a cura dell’Ufficio delle Dogane di esportazione.

Per la stampa del certificato, le imprese possono utilizzare i dati contenuti nel file XML prodotto da AIDA o, in alternativa, usare gli stessi dati già in loro possesso. In ogni caso, i dati in questione possono essere integrati con le specificità previste dai singoli accordi sottoscritti dalla Commissione Europea con il/i paese/gruppi di Paesi Accordisti destinatario/i delle merci. A titolo esemplificativo, potranno essere integrate le descrizioni delle merci in lingue diverse o potranno essere integrate ulteriori unità di misura supplementari relative alle merci (kg, metri quadri, metri cubi, ecc).

2. Con la procedura “facilitata”, invece, si introducono le vere innovazioni in materia. In questa ipotesi, infatti, si continuerà a stampare il certificato su un formulario che è stato in precedenza validato con timbro e firma dal competente Ufficio.

L’accesso a tale procedura è però riservato ai soggetti AEO che siano titolari di autorizzazione a luogo approvato e “che abbiano manifestato e dimostrato specifiche ed oggettive difficoltà operative anche correlate alla distanza dall’Ufficio delle Dogane di esportazione (a titolo esemplificativo, un tempo di percorrenza di oltre mezz’ora), oppure all’effettuazione delle operazioni di esportazione al di fuori dell’orario di operatività dell’Ufficio medesimo”.

Il riferimento alla certificazione AEO e al luogo approvato lascia supporre che, in prevalenza, il beneficio sia riservato alle case di spedizione, permanendo comunque accessibile anche ai privati titolari di questi status.

Sarà interessante seguire gli sviluppi di questi nuovi procedimenti che pure paiono ad alto rischio disomogeneità. Ciò in quanto è disposto che gli operatori chiederanno ora l’accesso al regime e le istanze saranno “valutate e calibrate” in relazione alle effettive realtà locali, alla frequenza e al numero delle operazioni dell’anno precedente.

L’interesse delle imprese, ora, deve essere quello di accedere a tale procedura, ovvero di avvalersi di provider che possano avere accesso a tale procedura, per evitare il rischio di fermo merci o l’aggravio dei costi dovuti alla gestione di un documento cartaceo che, fisicamente deve muoversi tra più uffici.

3. Resta poi la procedura full digital, quella dove non sono più richiesti né timbri, né firme, virtuosamente realizzata dalla Dogana nazionale per ora solo per gli scambi con la Svizzera, sperando che a livello UE questo sia seguito come strada maestra per il prossimo futuro.

Ettore Sbandi

Dogane
MoCRA: registrazione prodotti cosmetici destinati al mercato USA
16 gennaio 2024 MoCRA: registrazione prodotti cosmetici destinati al mercato USA
La Legge di Modernizzazione della Regolamentazione dei Cosmetici  (MoCRA) prevede la registrazione dei prodotti cosmetici secondo linee guida recentemente pubblicate da FDA.
Importazioni prodotti siderurgici e sanzioni contro la Russia
10 ottobre 2023 Importazioni prodotti siderurgici e sanzioni contro la Russia
L’Agenzia delle Dogane il 22 settembre ha diramato un primo Avviso “Divieto di importazione di prodotti siderurgici sottoposti a trasformazione in un paese terzo che incorporano prodotti siderurgici originari della Russia”.
Esportare vino in Giappone
12 settembre 2023 Esportare vino in Giappone
Nel corso degli ultimi anni, in Giappone i consumi di vini d’uva sono aumentati, in parallelo al calo dei prodotti enologici a base di riso (sakè).
African Continental Free Trade Area
9 marzo 2023 African Continental Free Trade Area
Nel luglio 2022 ha preso il via la fase pilota dell’ African Continental Free Trade Area ( AfCFTA ), un’area di libero scambio nel continente africano che, comprendendo 1,3 miliardi di persone e 54 Stati, è destinata a diventare la più grande del mondo.
Codici merceologici e interscambio con il Regno Unito
22 febbraio 2023 Codici merceologici e interscambio con il Regno Unito
InternetRetailing, in collaborazione con Landmark Global, ha pubblicato un’analisi sulle insidie ​​più comuni che i rivenditori incontrano durante la spedizione delle merci dall'UE nel Regno Unito (e viceversa).
Sportello unico dell’Unione europea per le dogane
12 gennaio 2023 Sportello unico dell’Unione europea per le dogane
Il Regolamento (Ue) 2022/2399 del parlamento europeo e del consiglio del 23 novembre 2022 istituisce l’ambiente dello sportello unico dell’Unione europea per le dogane e modifica il regolamento (UE) n. 952/2013.
Arabia Saudita: Special Economic Zones
14 novembre 2022 Arabia Saudita: Special Economic Zones
L'Arabia Saudita ha previsto di istituire una serie di zone economiche speciali che forniranno incentivi per investire in diversi settori, tra cui quello manifatturiero, delle biotecnologie e del cloud computing.
Libro blu ADM 2021
27 ottobre 2022 Libro blu ADM 2021
Pubblicato il Libro blu dell’Agenzia delle Dogane che presenta un’analisi delle ripercussioni della guerra Russia - Ucraina sull’interscambio commerciale italiano con i paesi coinvolti nel conflitto.
Nuovo corridoio ferroviario veloce per il trasporto di merci in container tra Gioia Tauro e Bologna
20 settembre 2022 Nuovo corridoio ferroviario veloce per il trasporto di merci in container tra Gioia Tauro e Bologna
Nasce il Fast Corridor ferroviario per ottimizzare lo spostamento delle merci containerizzate dal magazzino di temporanea custodia di Gioia Tauro al magazzino di Bologna Interporto.
CETA: i benefici per le imprese italiane
9 settembre 2022 CETA: i benefici per le imprese italiane
A cinque anni dall’entrata in vigore del Comprehensive Economic and Trade Agreement (CETA) tra Canada e Unione Europea, SACE traccia un primo bilancio.