9 gennaio 2024

Trasporto aereo: sfide e opportunità

di lettura

Il trasporto aereo è fattore abilitante per il commercio internazionale, l’accesso a nuovi mercati e per il turismo (il 40% dei turisti stranieri transita da un aeroporto).

Image

Secondo il Brief di Cdp, l’efficientamento delle operazioni aeroportuali e l’aggiornamento delle infrastrutture possono essere implementati su larga scala con significative ricadute positive nel breve termine.

A livello europeo, si stima un fabbisogno di investimenti per oltre 200 miliardi di euro al 2040 per l’ammodernamento delle infrastrutture esistenti in chiave sostenibile.

In Italia, nel 2022 gli investimenti infrastrutturali dei gestori aeroportuali hanno raggiunto circa 510 milioni di euro, di cui quasi 69 milioni riconducibili a digitalizzazione, transizione ecologica e intermodalità.

A trainare gli investimenti sono soprattutto gli scali ad elevato traffico: gli aeroporti di Milano Malpensa, Venezia e Roma Fiumicino assorbono infatti il 60% degli investimenti green e digitali. Si rilevano esempi virtuosi anche tra gli scali minori, come l’aeroporto di Treviso che ha destinato oltre il 40% degli investimenti del 2022 a interventi di digitalizzazione.

Sul fronte della transizione energetica, gli investimenti dei gestori vanno dalla realizzazione di impianti fotovoltaici all’interno del sedime aeroportuale, all’installazione di stazioni di ricarica per veicoli elettrici, dall’adozione di veicoli ad alimentazione sostenibile per i servizi di handling e le operazioni di terra, all’efficientamento energetico degli edifici.

Complessivamente, in Italia il settore del trasporto aereo vale il 3,8% del PIL nazionale (vs media europea del 4,1%), impiegando quasi 1,3 milioni di addetti di cui 165 mila diretti.

Il 2022 ha segnato un recupero di quasi il 90% sul 2019 e nel corso del 2023 il traffico aereo italiano ha continuato a crescere, raggiungendo volumi superiori al periodo pre-pandemico in termini di passeggeri. La crescita è stata trainata soprattutto dall’incremento della quota di traffico internazionale (+6 punti percentuali nel primo semestre 2023 rispetto a 2022).

Aeroporti a impatto zero

I carburanti sostenibili per l’aviazione (SAF Sustainable Aviation Fuels) potrebbero contribuire per quasi due terzi al raggiungimento della neutralità climatica. L'uso di questi carburanti, che derivano da scarti di produzione, olii esausti e derivati vegetali, riduce le emissioni di CO2 fino all’80% rispetto ai combustibili tradizionali.

A differenza di altre soluzioni, i SAF sono un tipo di carburante utilizzabile senza apportare alcuna modifica all’aeromobile. Tuttavia, il costo dei carburanti sostenibili, che oscilla da due a sei volte in più rispetto al carburante fossile, rappresenta uno dei principali ostacoli alla loro penetrazione su larga scala nel mercato.

La sostenibilità del trasporto aereo passa anche dall’evoluzione delle infrastrutture aeroportuali. Sarà necessario realizzare infrastrutture per il trasporto, lo stoccaggio e il rifornimento di carburanti sostenibili. Due aeroporti italiani hanno lanciato iniziative per l’utilizzo di SAF:

  • Roma Fiumicino è stato il primo in Italia a rendere disponibile carburante green
  • Milano Malpensa sostiene in via sperimentale l’utilizzo di SAF per l’alimentazione di aerei cargo.

L’obiettivo di lungo periodo è trasformare gli scali in veri e propri hub energetici, strumentali alla decarbonizzazione non solo delle attività aeroportuali e dei vettori, ma anche di tutte le operazioni di terra. Grazie a questo cambio di paradigma l’aeroporto non è più una realtà energivora, ma energifera.

Il progetto Hydrogen Valley Malpensa lanciato a settembre 2023, punta a realizzare un ecosistema che sfrutta il vettore idrogeno integrando tutta la relativa filiera (produzione, trasporto, stoccaggio e consumo), in un’ottica di decarbonizzazione dei siti industriali adiacenti all’infrastruttura aeroportuale, andando così oltre la copertura dei propri fabbisogni energetici.

Innovazione digitale

L’ammodernamento degli scali passa anche dall’applicazione di innovazioni digitali, in particolare sui su due fronti:

  • soluzioni per una gestione più efficiente delle operazioni core (sorveglianza aree di manovra e veicoli in movimento, gestione dati aeroportuali, manutenzione asset), ambito in cui gli scali italiani presentano un grado di maturità digitale ancora modesto
  • miglioramento della passenger experience, attraverso tecnologie in grado di elevare la qualità dei servizi (snellimento dei processi e dei i tempi di attesa).

Se l’innovazione tecnologica apre a nuove forme di intermodalità che coinvolgeranno sempre di più il contesto aeroportuale,  l’integrazione con modalità di trasporto più tradizionali è avanzata a rilento negli ultimi anni, soprattutto in alcuni territori.

Si pensi all’intermodalità ferroviaria: meno di 1/3 degli aeroporti civili risulta collegato all’infrastruttura ferroviaria. La situazione è tuttavia attesa in miglioramento al 2030, quando i collegamenti ferroviari dovrebbero raggiungere oltre la metà degli scali aeroportuali.

Collegamenti ferroviari aeroporti italiani

Collegamenti aeroporti ferrovia

Fonte: elaborazione CDP su ENAC, Piano Nazionale Aeroporti, Proposta ottobre 2022. I collegamenti includono i collegamenti alla rete ferroviaria nazionale/regionale/locale ed altre modalità di trasporto su ferro (es. metropolitana, people mover)

Si stima che un incremento dell’indice di connettività impatti significativamente su: PIL e occupazione, turismo, export e internazionalizzazione dell’economia.

Il Piano Nazionale Aeroporti (PNA), in corso di revisione, è uno strumento importante per indirizzare gli interventi dei gestori aeroportuali verso la sostenibilità, la digitalizzazione e l’intermodalità, nell’ambito di un ridisegno complessivo del sistema aeroportuale nazionale, che faccia coesistere scali di dimensioni molto diverse, con differenti gradi di connettività e prospettive di crescita.

Il documento, coordinato da Andrea Montanino e Simona Camerano, è stato predisposto da: Claudio Bonomi Savignon, Alessandra Locarno, Maria Gerarda Mocella e Benedetta Scotti con le informazioni disponibili al 6 novembre 2023.

Fonte: Cdp (Il trasporto aereo verso l’impatto zero)

Analisi di mercato
Trend quote export di Italia, Germania, Francia e Spagna
27 febbraio 2024 Trend quote export di Italia, Germania, Francia e Spagna
Agenzia ICE ha pubblicato un documento che analizza l’evoluzione delle quote di mercato dell’Italia, rispetto ai principali competitor europei, dal 2010 al 2022.
Export italiano dicembre 2023
19 febbraio 2024 Export italiano dicembre 2023
Nel 2023 il valore dell’export italiano è rimasto stazionario rispetto all’anno precedente. L’aumento dei valori medi unitari (+5,3%) è stato pienamente compensato da una riduzione, superiore alle attese dei volumi (-5,1%).
Previsioni export italiano di servizi
19 febbraio 2024 Previsioni export italiano di servizi
Secondo il “Focus on” di SACE, nel 2023 l’export italiano di servizi è cresciuto dell’11,2% a € 135 miliardi; per il 2024 è atteso un incremento del 4,6%.
Turchıa: crescono Aerospazıo e Dıfesa
17 febbraio 2024 Turchıa: crescono Aerospazıo e Dıfesa
Negli ultimi dieci anni, l’industria turca dell’Aerospazio e della Difesa è passata dal semplice approvvigionamento alla progettazione e alla produzione.
Previsioni della Commissione europea inverno 2024
16 febbraio 2024 Previsioni della Commissione europea inverno 2024
Secondo la Commissione europea, l'attività economica è cresciuta solo dello 0,5% nel 2023, sia nell'UE che nella zona euro. Le prospettive per il 2024 sono riviste al ribasso allo 0,9% nell'UE e allo 0,8% nell'area dell'euro.
Ismea: export prodotti lattiero caseari
7 febbraio 2024 Ismea: export prodotti lattiero caseari
Nel periodo gennaio - settembre 2023, le esportazioni di formaggi e latticini italiani sono cresciute del 13,7% in valore e poco meno del 5% in volume, trainate dal mercato tedesco (+10% in volume) e dai freschi (+17% in valore).
Settore calzaturiero: preconsuntivo 2023 e aspettative per il 2024
2 febbraio 2024 Settore calzaturiero: preconsuntivo 2023 e aspettative per il 2024
Area Studi Mediobanca ha pubblicato un report sul settore calzaturiero che, dopo un biennio di crescita a doppia cifra, chiude il 2023 al +2%.
Italia leader nell’industria della pasta
25 gennaio 2024 Italia leader nell’industria della pasta
Secondo un’analisi dell’Area Studi Mediobanca, l’Italia è prima al mondo per produzione di pasta con 3,7 mln di tonnellate (pari al 22,3% del totale).
Bollettino economico Banca d’Italia gennaio 2024
23 gennaio 2024 Bollettino economico Banca d’Italia gennaio 2024
Alla fine del 2023 l’attività economica mondiale si è ulteriormente indebolita. La produzione manifatturiera ha continuato a ristagnare e la dinamica dei servizi ha perso vigore.
Export italiano novembre 2023
16 gennaio 2024 Export italiano novembre 2023
Tra gennaio e novembre 2023, l’export italiano in valore è aumentato dello 0,7% rispetto allo stesso periodo dello scorso anno.