2 febbraio 2024

Settore calzaturiero: preconsuntivo 2023 e aspettative per il 2024

di lettura

Area Studi Mediobanca ha pubblicato un report sul settore calzaturiero che, dopo un biennio di crescita a doppia cifra, chiude il 2023 al +2%.

Image

Nel 2023 il rallentamento innescatosi in primavera, si è reso più evidente nella seconda parte dell’anno, per l’incertezza del contesto geopolitico internazionale e per la debolezza dell’economia in diverse importanti aree del mondo.

Il lieve incremento del fatturato dello scorso anno appare come il risultato della coesistenza di due segmenti:

  • le calzature di alta gamma, attese in rialzo del +6%
  • mentre per le referenze mass-market si stima una contrazione del 6%.

Nel medio-lungo termine la sfida dell’upgrade qualitativo appare come la sola frontiera sulla quale le imprese italiane potranno raggiungere risultati soddisfacenti.

Nel 2023 l’export cala del 2%, in buona parte per il rallentamento degli Stati Uniti. Meglio le vendite in Cina, legate però soprattutto alle performance delle multinazionali del lusso, in un mercato non di facile approccio per le aziende con marchio proprio.

Per il 2024 è atteso un adeguamento, quantificabile intorno al -1% del giro d’affari, con una campagna di investimenti sostanzialmente allineata a quella dell’anno precedente.

Industria calzaturiera italiana

Le 162 aziende produttive calzaturiere italiane (che rappresentano l’83% del totale nazionale quanto a fatturato, secondo dati Istat) nel 2022 hanno realizzato vendite pari a 12 miliardi di euro, superando i livelli pre-emergenziali del +16,8%, con l’impiego di quasi 54mila dipendenti.

Sono cresciute più della media sui livelli pre-Covid le imprese di componentistica (+39,7%), le calzature sportive (+34,2%) e quelle da donna (+17,2%).

I terzisti hanno incrementato il giro d’affari più dei produttori a marchio proprio (+21,8% vs +13,8% sul 2019), trainati dalla brillante performance dei grandi gruppi internazionali cui forniscono i propri prodotti.

Le medie imprese hanno accelerato (+47% sul 2019), rispetto al +6,9% delle medio-grandi e al ridimensionamento delle piccole (-11,1%), confermando la migliore dinamicità e flessibilità di questa classe dimensionale.

L’Italia è il dodicesimo produttore mondiale e primo dell'Unione Europea, con un terzo delle calzature comunitarie prodotte (32,6%, pari a 162 milioni di paia), davanti a Portogallo (16,9%) e Spagna (16,7%).

Ricavi

Nel 2022 al primo posto per ricavi si colloca Salvatore Ferragamo (1,2mld) che precede Tod’s (1,0mld) e Lir-Geox (0,9mld). Seguono Tecnica Group (561mln) e Golden Goose (501mln).

La redditività della filiera produttiva della calzatura segna una dinamica crescente dal 7,1% di Ebit margin del 2019, all’8,0% del 2021 e all’8,7% del 2022, dopo l’impatto dirompente della pandemia nel 2020 (1,4%).

La filiera della calzatura ha una forte connotazione distrettuale che riguarda 129 società rappresentative dell’80,8% del fatturato totale con presenze significative nelle province di Treviso, Firenze e Fermo.

Le imprese a controllo italiano rappresentano l’83,6% delle vendite complessive, mentre il contributo degli operatori a controllo estero è pari al 16,4% del totale (di cui il 7,4% francese, in primis LVMH, Kering e Hermès) e coinvolge 22 delle 162 aziende. La presenza estera è di assoluto rilievo nel segmento di alta gamma, a conferma del particolare apprezzamento degli stranieri per l’elevata qualità del Made in Italy.

Proiezione internazionale

Il 64,6% del fatturato complessivo dell’industria calzaturiera proviene dall’estero, con in testa le calzature sportive (82,7%). I principali mercati di sbocco delle aziende italiane sono:

  • l’Europa, che accoglie quasi la metà delle vendite oltreconfine (45%)
  • l’Asia trainata dalla Cina (30%)
  • le Americhe sostenute dagli Stati Uniti (25%).

Il 73% delle aziende esaminate ha base produttiva in Italia, il restante 27% è in Paesi stranieri: 22% Europa (in massima parte dell’Est), 2,5% Africa, 1,8% Asia e 0,7% Americhe. Per le aziende dell’alta gamma, la concentrazione della produzione nazionale sale all’89%.

Nella mappa esportativa globale l’Italia è il terzo esportatore mondiale a valore, con il 7,6% delle esportazioni complessive, preceduta dalla Cina (32,9%) e dal Vietnam (17,1%), e l’ottavo a volume.

L’Italia è leader tra i produttori di calzature di alta gamma: il prezzo medio delle esportazioni italiane (USD 61,66/paio) è di gran lunga il più elevato al mondo, davanti a quello della Francia (USD 39,37/paio) e superiore di oltre dieci volte quello cinese (USD 6,19/paio).

L’Italia mostra un saldo commerciale positivo per 5,7 miliardi di dollari nel 2022, primo Paese europeo dietro solo al trio asiatico (Cina, Vietnam e Indonesia).

Fonte: Area Studi Mediobanca (Focus sul settore calzaturiero)

Analisi di mercato
Trend quote export di Italia, Germania, Francia e Spagna
27 febbraio 2024 Trend quote export di Italia, Germania, Francia e Spagna
Agenzia ICE ha pubblicato un documento che analizza l’evoluzione delle quote di mercato dell’Italia, rispetto ai principali competitor europei, dal 2010 al 2022.
Export italiano dicembre 2023
19 febbraio 2024 Export italiano dicembre 2023
Nel 2023 il valore dell’export italiano è rimasto stazionario rispetto all’anno precedente. L’aumento dei valori medi unitari (+5,3%) è stato pienamente compensato da una riduzione, superiore alle attese dei volumi (-5,1%).
Previsioni export italiano di servizi
19 febbraio 2024 Previsioni export italiano di servizi
Secondo il “Focus on” di SACE, nel 2023 l’export italiano di servizi è cresciuto dell’11,2% a € 135 miliardi; per il 2024 è atteso un incremento del 4,6%.
Turchıa: crescono Aerospazıo e Dıfesa
17 febbraio 2024 Turchıa: crescono Aerospazıo e Dıfesa
Negli ultimi dieci anni, l’industria turca dell’Aerospazio e della Difesa è passata dal semplice approvvigionamento alla progettazione e alla produzione.
Previsioni della Commissione europea inverno 2024
16 febbraio 2024 Previsioni della Commissione europea inverno 2024
Secondo la Commissione europea, l'attività economica è cresciuta solo dello 0,5% nel 2023, sia nell'UE che nella zona euro. Le prospettive per il 2024 sono riviste al ribasso allo 0,9% nell'UE e allo 0,8% nell'area dell'euro.
Ismea: export prodotti lattiero caseari
7 febbraio 2024 Ismea: export prodotti lattiero caseari
Nel periodo gennaio - settembre 2023, le esportazioni di formaggi e latticini italiani sono cresciute del 13,7% in valore e poco meno del 5% in volume, trainate dal mercato tedesco (+10% in volume) e dai freschi (+17% in valore).
Settore calzaturiero: preconsuntivo 2023 e aspettative per il 2024
2 febbraio 2024 Settore calzaturiero: preconsuntivo 2023 e aspettative per il 2024
Area Studi Mediobanca ha pubblicato un report sul settore calzaturiero che, dopo un biennio di crescita a doppia cifra, chiude il 2023 al +2%.
Italia leader nell’industria della pasta
25 gennaio 2024 Italia leader nell’industria della pasta
Secondo un’analisi dell’Area Studi Mediobanca, l’Italia è prima al mondo per produzione di pasta con 3,7 mln di tonnellate (pari al 22,3% del totale).
Bollettino economico Banca d’Italia gennaio 2024
23 gennaio 2024 Bollettino economico Banca d’Italia gennaio 2024
Alla fine del 2023 l’attività economica mondiale si è ulteriormente indebolita. La produzione manifatturiera ha continuato a ristagnare e la dinamica dei servizi ha perso vigore.
Export italiano novembre 2023
16 gennaio 2024 Export italiano novembre 2023
Tra gennaio e novembre 2023, l’export italiano in valore è aumentato dello 0,7% rispetto allo stesso periodo dello scorso anno.