17 luglio 2023

Export italiano maggio 2023

di lettura

Tra gennaio e maggio 2023 le esportazioni italiane di beni in valore sono cresciute del 4,8% rispetto allo stesso periodo dello scorso anno.

Image

La congiuntura. A maggio le esportazioni registrano una leggera flessione su base mensile (-0,3%) a causa del calo verso i Paesi Ue (-1,7%); in positivo invece le vendite verso quelli extra-Ue (+1,2%). Anche l’andamento trimestrale risulta negativo (-3,3%) rispetto al periodo dicembre’22 - febbraio’23.

Il trend. Torna a crescere l’export su base annua (+0,9%): la contrazione dei volumi (-3,6%) è infatti più che controbilanciata dall’aumento dei valori medi unitari (vmu; +4,6%).

Contesto globale. Cresce, rispetto ad aprile, l’avanzo commerciale (€4,7 mld vs. €318 mln) grazie soprattutto all’apporto dei Paesi extra-Ue.

Primi cinque mesi

Tra gennaio e maggio 2023 le esportazioni italiane di beni in valore sono cresciute del 4,8% rispetto allo stesso periodo dello scorso anno, proseguendo il rallentamento fisiologico iniziato negli scorsi mesi. Tale dinamica vede andamenti contrapposti dei valori medi unitari – che segnano una buona crescita – (+8,3%) e dei volumi, in contrazione del 3,2%.

Dentro e fuori l’Unione Europea

L’export verso i Paesi Ue registra un aumento contenuto (+2,2%), che racchiude performance relativamente positive verso partner quali Spagna (+6,4%), Francia (+5,4%), Paesi Bassi (+5,1%) e Romania (+5%) e andamenti più deboli per altri quali Polonia (+1,6%), Germania (-0,9%) e Belgio (-7,1%).

Risulta più vivace la dinamica verso i Paesi extra-Ue (+7,9%), che risente comunque di effetti base sfavorevoli verso gli Stati Uniti. Ancora ampia la crescita della Cina (+58,1%), a doppia cifra anche le vendite verso altri paesi asiatici (+18%) e India (+10,4%). In calo Regno Unito (-1,5%), Giappone (-2,5%) e Russia (-15,6%).

Focus Paesi

Nei primi cinque mesi dell’anno a guidare la performance dell’export verso la Cina sono stati i prodotti farmaceutici (+799,6%), che risultano invece stabili in Romania (+0,4%) e in contrazione in Germania (-35,5%). Berlino e Bucarest hanno aumentato la propria domanda di autoveicoli e componentistica (+47,9% e +18,2% rispettivamente), a fronte del calo di quella da Pechino (-43,7%). In crescita verso tutte e tre le destinazioni l’export di tessile e abbigliamento: +18,4% in Cina, grazie al comparto degli articoli in pelle, +6,9% in Germania, in particolare per l’abbigliamento, e +4,9% in Romania.

Focus industrie e settori

In termini di raggruppamenti principali di industrie, i beni strumentali continuano a registrare crescite a doppia cifra (+12,3%) guidate dai vmu, sebbene l’apporto negativo dei volumi si stia riducendo.

Significativo anche il rialzo dei beni di consumo (+8,7%), al cui interno si registrano andamenti differenziati tra i beni durevoli (+0,3%) – che scontano una forte contrazione dei volumi (-11,2%) – e quelli non durevoli (+10,5%), spinti dalla farmaceutica (+17,8%).

Si accentua il negativo dei beni intermedi (-2,5%), nonostante la buona performance dei vmu. Registra infine una contrazione significativa l’energia (-17%), al netto della quale l’export crescerebbe del 5,7%.

L’export di meccanica strumentale segna un aumento significativo (+12,3%) grazie a crescite robuste verso i principali partner, ma anche a rialzi marcati verso geografie con un potenziale non ancora pienamente espresso quali India (+19,9%) e Mercosur (+14,8%).

L’ottima performance degli articoli di abbigliamento (+8,4%) è supportata soprattutto dalla domanda europea (+11,2%), in rapida crescita in particolare da Polonia (+27,6%), Francia (+16,3%) e Spagna (+11,4%).

Segna invece una contrazione l’export di prodotti chimici (-3,9%) a causa della flessione dei Paesi Ue (-6,8%) a fronte di una stabilità di quelli extra-Ue (+0,3%) sostenuti dalle vendite verso gli Stati Uniti e i Paesi OPEC (entrambi +19,9%).

Fonte: SACE SIMEST

Analisi di mercato
Trend quote export di Italia, Germania, Francia e Spagna
27 febbraio 2024 Trend quote export di Italia, Germania, Francia e Spagna
Agenzia ICE ha pubblicato un documento che analizza l’evoluzione delle quote di mercato dell’Italia, rispetto ai principali competitor europei, dal 2010 al 2022.
Export italiano dicembre 2023
19 febbraio 2024 Export italiano dicembre 2023
Nel 2023 il valore dell’export italiano è rimasto stazionario rispetto all’anno precedente. L’aumento dei valori medi unitari (+5,3%) è stato pienamente compensato da una riduzione, superiore alle attese dei volumi (-5,1%).
Previsioni export italiano di servizi
19 febbraio 2024 Previsioni export italiano di servizi
Secondo il “Focus on” di SACE, nel 2023 l’export italiano di servizi è cresciuto dell’11,2% a € 135 miliardi; per il 2024 è atteso un incremento del 4,6%.
Turchıa: crescono Aerospazıo e Dıfesa
17 febbraio 2024 Turchıa: crescono Aerospazıo e Dıfesa
Negli ultimi dieci anni, l’industria turca dell’Aerospazio e della Difesa è passata dal semplice approvvigionamento alla progettazione e alla produzione.
Previsioni della Commissione europea inverno 2024
16 febbraio 2024 Previsioni della Commissione europea inverno 2024
Secondo la Commissione europea, l'attività economica è cresciuta solo dello 0,5% nel 2023, sia nell'UE che nella zona euro. Le prospettive per il 2024 sono riviste al ribasso allo 0,9% nell'UE e allo 0,8% nell'area dell'euro.
Ismea: export prodotti lattiero caseari
7 febbraio 2024 Ismea: export prodotti lattiero caseari
Nel periodo gennaio - settembre 2023, le esportazioni di formaggi e latticini italiani sono cresciute del 13,7% in valore e poco meno del 5% in volume, trainate dal mercato tedesco (+10% in volume) e dai freschi (+17% in valore).
Settore calzaturiero: preconsuntivo 2023 e aspettative per il 2024
2 febbraio 2024 Settore calzaturiero: preconsuntivo 2023 e aspettative per il 2024
Area Studi Mediobanca ha pubblicato un report sul settore calzaturiero che, dopo un biennio di crescita a doppia cifra, chiude il 2023 al +2%.
Italia leader nell’industria della pasta
25 gennaio 2024 Italia leader nell’industria della pasta
Secondo un’analisi dell’Area Studi Mediobanca, l’Italia è prima al mondo per produzione di pasta con 3,7 mln di tonnellate (pari al 22,3% del totale).
Bollettino economico Banca d’Italia gennaio 2024
23 gennaio 2024 Bollettino economico Banca d’Italia gennaio 2024
Alla fine del 2023 l’attività economica mondiale si è ulteriormente indebolita. La produzione manifatturiera ha continuato a ristagnare e la dinamica dei servizi ha perso vigore.
Export italiano novembre 2023
16 gennaio 2024 Export italiano novembre 2023
Tra gennaio e novembre 2023, l’export italiano in valore è aumentato dello 0,7% rispetto allo stesso periodo dello scorso anno.