19 marzo 2021

SACE - Simest: Export italiano Gennaio 2021

di lettura

Il 2021 si è aperto con una contrazione dell'export di beni pari all'8,5% rispetto allo stesso mese dell’anno precedente. Il dato risente del confronto con un inizio 2020 ancora esente dagli effetti della pandemia.

SACE - Simest: Export italiano Gennaio 2021

La congiuntura. Nel primo mese dell’anno l’export torna a crescere rispetto al mese precedente, dopo l’osservazione negativa di dicembre (+2,3% gen.‘21 vs. dic.‘20). Anche il dato trimestrale mostra un andamento positivo (+2,4% nell’ultimo trimestre rispetto a agosto-ottobre), grazie in particolare all’aumento delle vendite di beni intermedi.

Il trend. A gennaio il valore dell’export si è contratto dell’8,5% su base annua, influenzato dal calo dei volumi a fronte di una stabilità dei valori medi unitari.

Contesto globale. La performance di gennaio 2021 risente del confronto con un inizio di 2020 ancora esente dagli effetti della pandemia.

Andamento primo mese

Il dato tendenziale di gennaio è fortemente condizionato dalla flessione delle vendite di beni di consumo non durevoli, tra cui prodotti farmaceutici (-9,0% rispetto a gennaio 2020) e alimentari e bevande (-7,2%), e di beni strumentali, quali mezzi di trasporto (-19,5%) e meccanica strumentale (-3,0%)

Dentro e fuori l’Unione Europea

Pur rimanendo in negativo, la domanda dei Paesi Ue si è contratta meno rispetto a quella complessiva (-4,7% rispetto a gennaio 2020), attenuata dall’andamento in Polonia (+5,8%) e Germania (+0,9%). In forte calo invece l’export verso Belgio (-8,3%), Austria (-7,2%) e Francia (-7,0%).

La contrazione è più accentuata  nei mercati extra-Ue (-12,7%), specie in Regno Unito (-37,4%), Stati Uniti (-20,6%), Russia (-16,3%) e Turchia (-15%). In controtendenza l’export verso Cina (+29,2%), Mercosur (+8,2%) e Oceania (+3,3%).

Focus Paesi

A gennaio 2021 le performance positive di Cina, Polonia e Germania sono accomunate da una marcata crescita in alcuni settori del raggruppamento dei beni intermedi, a dimostrazione di una ripresa dell’attività economica in atto.

A trainare nelle tre geografie è stata proprio la domanda di prodotti in metallo (rispettivamente +35,3%, +25,4% e +10,8%) e quella di apparecchi elettrici (+134,8%, +13,1% e +10,6%). Positivo anche l’export di farmaceutica, in controtendenza con quello complessivo del settore (+3,1% verso Pechino, +49,9% verso Varsavia e +17,5% verso Berlino).

Focus industrie e settori

L’anno si apre in negativo per tutti i raggruppamenti principali di industrie. Il calo è tuttavia più contenuto per i beni intermedi (-3,4% rispetto a gennaio 2020), data anche la loro natura di anticipatori del ciclo economico.

Marcata, invece, la contrazione per i beni strumentali (-9,8%), influenzati dall’andamento particolarmente negativo degli altri mezzi di trasporto (-34,7%), che tuttavia nel gennaio 2020 erano stati soggetti a movimentazioni occasionali di cantieristica navale, specie verso gli Stati Uniti. Simile la dinamica per i beni di consumo (-9,7%), condizionati dall’andamento negativo dei beni non durevoli (-11,3%). Rimangono stabili i beni durevoli (+0,1%).

Dopo una performance positiva nel 2020 (+1,9%), l’anno inizia in contrazione per alimentari e bevande, a causa di una riduzione marcata della domanda nei mercati extra-Ue (-10,3%) e più contenuta all’interno dell’Ue (-4,4%). Fa eccezione la dinamica del blocco asiatico: in Cina, India e Giappone si osserva infatti una crescita del 19,4%, 7,8% e 7,7% rispettivamente.

Calo relativamente più contenuto per l’export di meccanica strumentale, attenuato dalle performance in Cina (+20,0%), Stati Uniti (+15,6%) e Germania (+0,3%).

Stabili invece le esportazioni di elettronica, per cui la flessione nei Paesi extra-Ue (-1,0%) è stata compensata dalla crescita dei mercato europeo (+2,6%)

Fonte: SACE – Simest

Analisi di mercato
Buone prospettive per l’export di vino italiano
15 aprile 2024 Buone prospettive per l’export di vino italiano
Nel 2023 le esportazioni enologiche italiane, che rappresentano più del 20% dell’export totale del settore alimentari e bevande, hanno raggiunto € 7,8 miliardi (in leggera flessione rispetto al 2022).
Proiezioni per l’economia italiana 2024 – 2026
11 aprile 2024 Proiezioni per l’economia italiana 2024 – 2026
Secondo le proiezioni macroeconomiche elaborate dalla Banca d’Italia, il PIL nazionale aumenterebbe dello 0,6% nel 2024, dell’1% nel 2025 e dell’1,2% nel 2026.
Bilancia agroalimentare italiana 2023
8 aprile 2024 Bilancia agroalimentare italiana 2023
Nel 2023 le esportazioni italiane di prodotti agroalimentari hanno registrato una crescita del 5,7% rispetto al 2022, raggiungendo i 64 miliardi di euro (prodotti trasformati 55,3 miliardi, prodotti agricoli 8,8 miliardi).
Istat: Rapporto sulla competitività dei settori produttivi 2024
2 aprile 2024 Istat: Rapporto sulla competitività dei settori produttivi 2024
Il XII Rapporto sulla competitività dei settori produttivi analizza gli shock che dal 2020 hanno colpito l’economia italiana e valuta le conseguenze sulla performance del sistema e sui comportamenti d’impresa.
Export prodotti cosmetici nel 2023
25 marzo 2024 Export prodotti cosmetici nel 2023
Centro Studi di Cosmetica Italia ha presentato al Cosmoprof Worldwide Bologna 2024 i dati congiunturali e l’andamento dell'export del settore cosmetico nazionale.
Geografia produttiva delle rinnovabili in Italia 2024
21 marzo 2024 Geografia produttiva delle rinnovabili in Italia 2024
Fondazione Symbola racconta il futuro delle energie rinnovabili da qui al 2030 e aggiorna la geografia delle imprese attive nelle filiere del fotovoltaico, eolico, idroelettrico, geotermico e bioenergie.
Export italiano gennaio 2024
20 marzo 2024 Export italiano gennaio 2024
A gennaio il valore dell’export italiano è rimasto pressoché stabile su base annua (-0,2%). L’incremento dei valori medi unitari (+1,7%) è stato compensato da una simile riduzione del dato in volume (-1,8%).
Where to Export Map 2024
15 marzo 2024 Where to Export Map 2024
SACE ha pubblicato un aggiornamento, dedicato alle imprese che guardano alle opportunità provenienti dai mercati esteri, che analizza come si sta muovendo la domanda mondiale.
Mercato globale dei beni di lusso 2024
14 marzo 2024 Mercato globale dei beni di lusso 2024
Secondo il report di RetailX “Global Luxury” nel 2023 il mercato mondiale dei beni di lusso ha raggiunto i 354,81 miliardi di dollari (erano 312,63 nel 2022).
Esportazioni delle regioni italiane 2023
12 marzo 2024 Esportazioni delle regioni italiane 2023
Nel 2023, rispetto all’anno precedente, l’export nazionale in valore risulta stazionario e riflette dinamiche territoriali molto differenziate.