16 maggio 2022

Rapporto sul turismo enogastronomico italiano 2022

di lettura

Il Rapporto analizza le produzioni di eccellenza, l’offerta ristorativa, gli agriturismi, i musei del gusto, le Strade del vino e il posizionamento del sistema eno-gastro-turistico italiano.

Image

L’Italia ha un patrimonio di prodotti, identità, culture e paesaggi unico al mondo: tutte le regioni e province italiane possono vantare almeno una produzione certificata.

I viaggiatori mostrano una crescente attenzione alla salubrità del cibo e al consumo responsabile anche in vacanza, tanto da considerarli tra i possibili driver di scelta.

Nel 2021, il 13% circa delle prenotazioni effettuate sul portale Tripadvisor con destinazione Italia ha riguardato proposte a tema enogastronomico, solo i tour culturali ne hanno accolte un numero maggiore (27%).

Coniugando turismo e agroalimentare  si possono generare  valore economico e nuove opportunità per le destinazioni. La sfida è proporre al turista esperienze che gli consentano di sentirsi parte attiva, di entrare direttamente in contatto con i produttori locali (nelle viti durante la vendemmia, nelle risaie, nei birrifici artigianali…).

Ristorazione

La ristorazione è uno dei capisaldi dell’offerta enogastronomica dell’Italia. Dà visibilità alle produzioni e alla specialità culinarie locali, offre prelibatezze, consente di scoprire piatti di altre Regioni e Paesi.

Il numero di ristoranti italiani menzionati nelle principali guide del settore è andato aumentando negli anni; nel 2018 ne figuravano 731, nel 2021-22 erano 1.062.

Tra i trend più interessanti i ricercatori segnalano la crescita di nuovi format non tradizionali: Food as a Service, modello che unisce i servizi di ristorazione con supermercati; i ristoranti virtuali e i luoghi interamente dedicati alla consegna a domicilio. Aumenterà anche l’attenzione verso l’etica, la sostenibilità, il riutilizzo degli scarti alimentari e il benessere dei dipendenti.

Agriturismi

Le aziende con proposte di degustazione e di altre attività uniscono le dimensioni del benessere psico-fisico e del gusto, aggiungendo l’amenità dei luoghi rurali. Numerosi agriturismi hanno iniziato a offrire  percorsi di food e wine trekking, o percorsi in bicicletta tra i vigneti, gli uliveti, … abbinate a degustazioni di prodotti locali.

È la Toscana ad avere la maggiore concentrazione di aziende agrituristiche: sono 5.406 al 2020, pari al 22% del totale nazionale. La regione primeggia per consistenza in ogni tipologia di servizio: dalla ristorazione all’alloggio, passando per le degustazioni e l’offerta di altre esperienze. A seguire il Trentino-Alto Adige, che vanta il primato per densità -  circa 27 agriturismi per 100 km2 (ISTAT, 2021). La Campania, pur non essendo tra le regioni con la più alta concentrazione dell’offerta, ha visto il numero di agriturismi crescere del 13,2% tra il 2019 e il 2020.

Vino e olio: in crescita la produzione bio

Vino ed olio sono fra i prodotti più rappresentativi del patrimonio agroalimentare italiano. L’Italia ha visto aumentare costantemente le superfici biologiche a vite e ulivo – rispettivamente +109% (2010-2019) e +95% (2010-2018). La Toscana vanta il maggior numero di cantine – 592, pari al 28% del totale nazionale – mentre la Sicilia la più ampia superficie dedicata – oltre 30 mila ettari, ossia il 26%.

Nel 2019 l’enoturismo contava almeno 15 milioni di presenze tra turisti ed escursionisti e generava un fatturato complessivo di circa 2,65 miliardi di euro.

La valorizzazione dell’olio nel turismo è, invece più recente. La nuova legge che definisce i requisiti e gli standard minimi di qualità per l’esercizio delle attività oleo-turistiche nelle aziende di produzione rappresenta un importante passo in avanti. La Puglia vanta la più ampia superficie biologica olivata (oltre 72 mila ettari) mente la Calabria il maggior numero di frantoi biologici (858, pari al 40% del totale nazionale).

Musei del gusto

Nel nostro Paese sono presenti 129 musei del gusto al 2021, diffusi sul territorio (18 su 20 regioni accolgono almeno una struttura). I musei a tema vino sono 46 (36% del totale), ma numerose sono le altre produzioni (formaggi, olio, frutta e verdura, prodotti trasformati).

La ricchezza e la varietà del patrimonio museale legato all’enogastronomia esprime un’attenzione verso la tutela delle produzioni locali e rappresenta un valore aggiunto, ma rimangono due criticità: le dimensioni spesso modeste e il gap digitale: solo 36 musei su 129 hanno un sito web.

La riconfigurazione di tali luoghi in hub enogastronomici – spazi poli-funzionali che possono favorire la scoperta del territorio e mettere in rete i produttori garantendo loro visibilità e facilitando l’arrivo dei turisti – potrebbe essere una soluzione vincente soprattutto per le realtà presenti nelle aree rurali.

Strade del vino e dei sapori

Oggi il turista è più esigente, valuta attentamente non solo la qualità dei prodotti e delle singole attrazioni, ma anche il paesaggio. Percorsi come le Strade del vino e dei sapori, soprattutto se fruibili a piedi e in bicicletta, appagano il desiderio di stare all’aria aperta e di vivere le aree rurali.

Le Strade del vino e dei sapori sono più di 100 (la maggior parte aderisce alla Federazione Italiana delle Strade del Vino, dell’Olio e dei Sapori). Di queste, 93 hanno un sito web attivo (90%). Toscana e Veneto ne ospitano rispettivamente 20 e 16, il numero più alto.

Nella maggior parte delle regioni italiane, le proposte più vendute sul portale Trip Advisor sono quelle a tema vino, specialmente in Toscana e Piemonte. Nel Lazio, invece, a primeggiare sono i corsi di cucina, così come in Puglia. In Campania e Sicilia i tour di street food, mentre in Emilia Romagna i tour enogastronomici.

Confronto con l’Europa

La ristorazione è certamente la componente dell’offerta più attrattiva. La quasi totalità dei turisti si reca in questi locali per gustare specialità non solo tradizionali. Delle 1,5 milioni di imprese di ristorazione attive in Europa nel 2019, ben il 62% era concentrato in quattro Paesi: nell’ordine, Italia (18%), Spagna (17%), Francia (14%), Germania (12%).

La Francia – Paese di origine della guida Michelin – ha il maggior numero di ristoranti segnalati con 623 realtà. Seguono l’Italia (377), la Germania (297), la Spagna (208) e il Regno Unito (165).

Nei musei del gusto l’Italia primeggia con 129 musei al 2021, seguita da Spagna (107), Francia (88), Germania (13) e Regno Unito (3). Pur ospitandone in gran numero, l’Italia non ha un museo dedicato di rilevanza nazionale - al contrario di quanto avviene in Francia con La Cité du Vin di Bordeaux (nel 2019, oltre 416 mila visitatori).

Offerta eno-gastro-turistica

Italia vs competitor europei

 

Fonte: Associazione Italiana Turismo Enogastronomico

Autore

Roberta Garibaldi - Professore di Tourism Management all’Università degli Studi di Bergamo, Amministratore Delegato di ENIT, Membro del Board of Directors della World Food Travel Association

Comitato scientifico

  • Carlos Fernandes Professore presso l’Instituto Politécnico de Viana do Castelo in Portogallo
  • Greg Richards Professore presso l’Università NHTV di Breda e l’Università di Tilburg nei Paesi Bassi. È consulente internazionale nel campo del turismo culturale e creativo
  • Marcantonio Ruisi Professore Ordinario e Chief del «Contamination Lab» dell’Università degli Studi di Palermo. È vice-presidente Società Italiana di Scienze del Turismo (SISTUR)
  • Matthew J. Stone Professore presso la California State University, Chico (USA). È esperto di turismo enogastronomico e collabora con la World Food Travel Association
Analisi di mercato
Trend quote export di Italia, Germania, Francia e Spagna
27 febbraio 2024 Trend quote export di Italia, Germania, Francia e Spagna
Agenzia ICE ha pubblicato un documento che analizza l’evoluzione delle quote di mercato dell’Italia, rispetto ai principali competitor europei, dal 2010 al 2022.
Export italiano dicembre 2023
19 febbraio 2024 Export italiano dicembre 2023
Nel 2023 il valore dell’export italiano è rimasto stazionario rispetto all’anno precedente. L’aumento dei valori medi unitari (+5,3%) è stato pienamente compensato da una riduzione, superiore alle attese dei volumi (-5,1%).
Previsioni export italiano di servizi
19 febbraio 2024 Previsioni export italiano di servizi
Secondo il “Focus on” di SACE, nel 2023 l’export italiano di servizi è cresciuto dell’11,2% a € 135 miliardi; per il 2024 è atteso un incremento del 4,6%.
Turchıa: crescono Aerospazıo e Dıfesa
17 febbraio 2024 Turchıa: crescono Aerospazıo e Dıfesa
Negli ultimi dieci anni, l’industria turca dell’Aerospazio e della Difesa è passata dal semplice approvvigionamento alla progettazione e alla produzione.
Previsioni della Commissione europea inverno 2024
16 febbraio 2024 Previsioni della Commissione europea inverno 2024
Secondo la Commissione europea, l'attività economica è cresciuta solo dello 0,5% nel 2023, sia nell'UE che nella zona euro. Le prospettive per il 2024 sono riviste al ribasso allo 0,9% nell'UE e allo 0,8% nell'area dell'euro.
Ismea: export prodotti lattiero caseari
7 febbraio 2024 Ismea: export prodotti lattiero caseari
Nel periodo gennaio - settembre 2023, le esportazioni di formaggi e latticini italiani sono cresciute del 13,7% in valore e poco meno del 5% in volume, trainate dal mercato tedesco (+10% in volume) e dai freschi (+17% in valore).
Settore calzaturiero: preconsuntivo 2023 e aspettative per il 2024
2 febbraio 2024 Settore calzaturiero: preconsuntivo 2023 e aspettative per il 2024
Area Studi Mediobanca ha pubblicato un report sul settore calzaturiero che, dopo un biennio di crescita a doppia cifra, chiude il 2023 al +2%.
Italia leader nell’industria della pasta
25 gennaio 2024 Italia leader nell’industria della pasta
Secondo un’analisi dell’Area Studi Mediobanca, l’Italia è prima al mondo per produzione di pasta con 3,7 mln di tonnellate (pari al 22,3% del totale).
Bollettino economico Banca d’Italia gennaio 2024
23 gennaio 2024 Bollettino economico Banca d’Italia gennaio 2024
Alla fine del 2023 l’attività economica mondiale si è ulteriormente indebolita. La produzione manifatturiera ha continuato a ristagnare e la dinamica dei servizi ha perso vigore.
Export italiano novembre 2023
16 gennaio 2024 Export italiano novembre 2023
Tra gennaio e novembre 2023, l’export italiano in valore è aumentato dello 0,7% rispetto allo stesso periodo dello scorso anno.