10 gennaio 2023

Rapporto Ismea Qualivita 2022

di lettura

Ismea e Qualivita hanno pubblicato il report sulle produzioni agroalimentari e vitivinicole italiane Dop, Igp e Stg nel 2021.

Image

Il sistema delle produzioni certificate a Indicazione Geografica si conferma un modello produttivo irrinunciabile della qualità del made in Italy agroalimentare.

I dati 2021 della Dop economy italiana, dopo un 2020 condizionato dalla pandemia, sono incoraggianti: oltre 19 miliardi di valore alla produzione (+16,1% su base annua). Il comparto agroalimentare DOP IGP raggiunge i 7,97 miliardi di euro (+9,7%), mentre il settore vitivinicolo 11,2 miliardi di euro (+21,2%).

Sul fronte esportazioni le DOP IGP agroalimentari e vitivinicole nel 2021 raggiungono i 10,7 miliardi di euro, per un peso del 21% nell’export agroalimentare italiano: il cibo con 4,41 miliardi di euro e un +12,5% su base annua e il vino con 6,29 miliardi di euro e una crescita del +13,0%.

L’Italia con 845 prodotti è il Paese con il maggior numero di filiere DOP IGP STG al mondo, un primato che la colloca davanti a Francia (698), Spagna (349), Grecia (261) e Portogallo (184). Nel corso del 2022, l’Italia ha registrato 4 nuovi prodotti, 3 IGP e 1 STG.

Per l’agroalimentare l’Italia vanta 319 prodotti e le 4 nuove registrazioni del 2022 sono i Vincisgrassi alla Maceratese STG, la Lenticchia di Onano IGP (Lazio), il Finocchio di Isola Capo Rizzuto IGP (Calabria) e la Castagna di Roccamonfina IGP (Campania). Per il settore vitivinicolo si contano 526 denominazioni, considerando anche la denominazione autorizzata a livello nazionale all’etichettatura transitoria (ai sensi dell’Art. 72 del Reg. 607/2009) Pignoletto DOP (Emilia-Romagna) e la cancellazione a livello italiano della Denominazione Valtènesi DOP (Lombardia).

Dop economy Italia 2021

Valore alla produzione e all’export cibo

I formaggi, con un valore alla produzione di 4,68 miliardi di euro, rappresentano il 59% del cibo DOP IGP, seguiti dai prodotti a base di carne con 1,95 miliardi di euro e un peso del 25% e dagli aceti balsamici con 407 milioni di euro e un recupero a doppia cifra dopo lo stop del 2020. Gli ortofrutticoli (384 mln di euro) mostrano quantità in crescita, anche se la contrazione dei listini medi all’origine per alcune grandi IG determina la riduzione del valore complessivo; crescono comunque ortaggi (+22%), frutta in guscio (+22%), frutta estiva (+7%), pomodori (+25%) e insalate (+2%).

Consolidano i risultati degli ultimi anni anche le paste alimentari (246 mln di euro) grazie alla Pasta di Gragnano IGP che si conferma fra le prime 10 IG italiane per valore nel cibo. Grande crescita per i prodotti della panetteria e pasticceria (+22,3%) che raggiungono 100 milioni di euro di valore alla produzione. Positivi i dati anche per le carni fresche (98 mln euro, +6,9%) e gli oli di oliva (91 mln di euro, +27,9%).

Sul fronte export il comparto cibo IG nel 2021 raggiunge per la prima volta i 4,4 miliardi di euro, una crescita del +12,5% su base annua e un trend del +100% dal 2011, grazie al recupero dei mercati Extra-UE e con USA, Germania e Francia che si confermano principali Paesi di destinazione.

Valore alla produzione e all’export vino

La produzione di vino imbottigliato DOP e IGP nel 2021 sfiora i 27 milioni di ettolitri per un +10,9% su base annua. Se la quantità complessiva cresce di circa 11 punti percentuali, in termini di valore si registrano aumenti quasi doppi. Il valore della produzione sfusa raggiunge i 3,85 miliardi di euro e segna un +19,1% sul 2020, mentre il valore del vino imbottigliato DOP e IGP nel 2021 supera gli 11,16 miliardi di euro segnando un +21,2% su base annua.

L’incremento del valore è attribuibile soprattutto ai vini DOP (+22%) rispetto alle IGP (+16%) e sono le grandi denominazioni che trainano la crescita del settore, con le prime 10 che segnano un incremento medio del +24% in un anno e le prime 50 del +13%.

Il valore complessivo delle esportazioni di vino italiano DOP IGP nel 2021 è pari a 6,29 miliardi di euro (+13% in valore), con buoni risultati soprattutto per i vini DOP (+16%), in particolare gli spumanti (+25%).

Le tendenze evolutive dei settori DOP IGP, nel comparto cibo, vedono una forte attenzione verso il packaging, il cambiamento climatico e gli stili alimentari, insieme a elementi di innovazione tecnologica e nuove tipologie del prodotto.

Nel settore vino le esigenze di cambiamento sono rivolte verso nuove designazioni in etichetta, nuove tipologie, contenitori alternativi, imbottigliamento nella zona di produzione e nuovi parametri altimetrici per la produzione.

Il report si conclude con delle schede riepilogative dedicate alle regioni italiane.

Classifica regioni impatto economico - cibo e vino DOP IGP

Cibo e vino Dop Regioni italiane

Fonte: Rapporto Ismea Qualivita 2022

Analisi di mercato
Trend quote export di Italia, Germania, Francia e Spagna
27 febbraio 2024 Trend quote export di Italia, Germania, Francia e Spagna
Agenzia ICE ha pubblicato un documento che analizza l’evoluzione delle quote di mercato dell’Italia, rispetto ai principali competitor europei, dal 2010 al 2022.
Export italiano dicembre 2023
19 febbraio 2024 Export italiano dicembre 2023
Nel 2023 il valore dell’export italiano è rimasto stazionario rispetto all’anno precedente. L’aumento dei valori medi unitari (+5,3%) è stato pienamente compensato da una riduzione, superiore alle attese dei volumi (-5,1%).
Previsioni export italiano di servizi
19 febbraio 2024 Previsioni export italiano di servizi
Secondo il “Focus on” di SACE, nel 2023 l’export italiano di servizi è cresciuto dell’11,2% a € 135 miliardi; per il 2024 è atteso un incremento del 4,6%.
Turchıa: crescono Aerospazıo e Dıfesa
17 febbraio 2024 Turchıa: crescono Aerospazıo e Dıfesa
Negli ultimi dieci anni, l’industria turca dell’Aerospazio e della Difesa è passata dal semplice approvvigionamento alla progettazione e alla produzione.
Previsioni della Commissione europea inverno 2024
16 febbraio 2024 Previsioni della Commissione europea inverno 2024
Secondo la Commissione europea, l'attività economica è cresciuta solo dello 0,5% nel 2023, sia nell'UE che nella zona euro. Le prospettive per il 2024 sono riviste al ribasso allo 0,9% nell'UE e allo 0,8% nell'area dell'euro.
Ismea: export prodotti lattiero caseari
7 febbraio 2024 Ismea: export prodotti lattiero caseari
Nel periodo gennaio - settembre 2023, le esportazioni di formaggi e latticini italiani sono cresciute del 13,7% in valore e poco meno del 5% in volume, trainate dal mercato tedesco (+10% in volume) e dai freschi (+17% in valore).
Settore calzaturiero: preconsuntivo 2023 e aspettative per il 2024
2 febbraio 2024 Settore calzaturiero: preconsuntivo 2023 e aspettative per il 2024
Area Studi Mediobanca ha pubblicato un report sul settore calzaturiero che, dopo un biennio di crescita a doppia cifra, chiude il 2023 al +2%.
Italia leader nell’industria della pasta
25 gennaio 2024 Italia leader nell’industria della pasta
Secondo un’analisi dell’Area Studi Mediobanca, l’Italia è prima al mondo per produzione di pasta con 3,7 mln di tonnellate (pari al 22,3% del totale).
Bollettino economico Banca d’Italia gennaio 2024
23 gennaio 2024 Bollettino economico Banca d’Italia gennaio 2024
Alla fine del 2023 l’attività economica mondiale si è ulteriormente indebolita. La produzione manifatturiera ha continuato a ristagnare e la dinamica dei servizi ha perso vigore.
Export italiano novembre 2023
16 gennaio 2024 Export italiano novembre 2023
Tra gennaio e novembre 2023, l’export italiano in valore è aumentato dello 0,7% rispetto allo stesso periodo dello scorso anno.