12 ottobre 2022

Nubi all’orizzonte per l’economia italiana

di lettura

La Nota mensile Istat di settembre e le previsioni di ottobre del Fmi prefigurano per l’Italia un 2022 positivo. Il prossimo anno il Pil subirà però una significativa battuta d’arresto.

Image

Il perdurare della crisi energetica, le politiche monetarie restrittive e l’elevata incertezza potrebbero determinare una decelerazione dell’economia internazionale nei prossimi trimestri. Secondo le recenti previsioni dell’OCSE, la crescita del Pil mondiale è attesa rallentare dal 3% quest’anno al 2,25% nel 2023.

Le prospettive per la domanda mondiale continuano a peggiorare, come indicato dal PMI globale sui nuovi ordinativi all’export che, a settembre, si è collocato, per il settimo mese consecutivo, al di sotto della soglia di espansione (50).

A settembre, l’Economic Sentiment Indicator (ESI) rilevato dalla Commissione Europea è risultato inferiore alle aspettative e alla media storica, collocandosi sui minimi da gennaio 2021. I cali sono stati diffusi a tutte le principali economie dell’area e a tutti i settori.

In Italia

Secondo i dati Istat, in Italia il Pil nel secondo trimestre è decisamente migliorato, ma nel terzo trimestre si dovrebbe registrare un modesto aumento congiunturale. L’inflazione, a settembre, ha continuato ad accelerare, mostrando ulteriori segnali di diffusione del fenomeno.

Con riferimento agli scambi con l’estero di beni e servizi, nel primo semestre dell’anno hanno registrato un forte aumento sia le esportazioni sia e importazioni. Le vendite all’estero in volume sono aumentate di oltre il 7% rispetto al primo semestre del 2021, mentre le importazioni hanno mostrato un più elevato dinamismo (+14,2%).

Il contributo maggiore all’aumento delle esportazioni in volume nel periodo considerato è stato fornito dalle vendite di prodotti energetici e beni di consumo sia nei mercati Ue sia in quelli extra-Ue, mentre le vendite di beni intermedi e strumentali sono risultate deboli o negative in entrambi i mercati.

Il disavanzo energetico, a luglio, si è ampliato ulteriormente, superando gli 11 miliardi di euro e, nonostante vi sia stato un miglioramento dell’avanzo al netto dei beni energetici, il saldo commerciale italiano permane negativo.

L’indice del clima di fiducia delle imprese ha registrato a settembre un significativo calo diffuso a tutti i settori a eccezione delle costruzioni. Tra le imprese manifatturiere sono peggiorati sia i giudizi sugli ordini, sia le aspettative sul livello della produzione e tra quelle esportatrici è aumentata la quota di coloro che segnalano i costi e i prezzi più elevati come un ostacolo alla produzione.

Fonte: Nota mensile Istat (Settembre 2022)

Il Documento programmatico di bilancio appena approvato dal governo Draghi parla di recessione tecnica fino a inizio 2023, seguita da una ripresa dell'attività economica a partire dal secondo trimestre. Per il 2023 il governo prevede una crescita dello 0,6% (in forte calo rispetto al +2,4% stimato dal Def di primavera). Queste stime non tengono conto dell'azione di politica economica che potrà essere realizzata con la prossima legge di bilancio e con altre misure definite dal nuovo governo.

Previsioni Fmi

La crescita globale per il 2022 resta confermata al 3,2%, ma quella stimata per il 2023 subisce l’ennesima riduzione al 2,7% (rispetto al 2,9% stimato a luglio).

Il Fondo monetario internazionale rivede al rialzo le previsioni del Pil italiano per il 2022 (+3,4%), ma segnala che la ripresa dalla recessione pandemica è destinata ad arrestarsi e si attende una contrazione del Pil nel 2023 dello 0,2%. In calo dello 0,4% anche i consumi delle famiglie italiane impegnate ad affrontare il caro-energia.

Uniche note positive per la nostra economia:

  • Crescono gli investimenti (+3,1%) grazie soprattutto al Recovery Plan
  • l’inflazione è in calo (dall’8,7% di quest’anno al 5,2% del 2023).

Nell’area dell’euro il prossimo anno anche la Germania entrerà in recessione (-0,3%).

Previsioni FMI ottobre 2022

Fonte: FMI

 

Analisi di mercato
Trend quote export di Italia, Germania, Francia e Spagna
27 febbraio 2024 Trend quote export di Italia, Germania, Francia e Spagna
Agenzia ICE ha pubblicato un documento che analizza l’evoluzione delle quote di mercato dell’Italia, rispetto ai principali competitor europei, dal 2010 al 2022.
Export italiano dicembre 2023
19 febbraio 2024 Export italiano dicembre 2023
Nel 2023 il valore dell’export italiano è rimasto stazionario rispetto all’anno precedente. L’aumento dei valori medi unitari (+5,3%) è stato pienamente compensato da una riduzione, superiore alle attese dei volumi (-5,1%).
Previsioni export italiano di servizi
19 febbraio 2024 Previsioni export italiano di servizi
Secondo il “Focus on” di SACE, nel 2023 l’export italiano di servizi è cresciuto dell’11,2% a € 135 miliardi; per il 2024 è atteso un incremento del 4,6%.
Turchıa: crescono Aerospazıo e Dıfesa
17 febbraio 2024 Turchıa: crescono Aerospazıo e Dıfesa
Negli ultimi dieci anni, l’industria turca dell’Aerospazio e della Difesa è passata dal semplice approvvigionamento alla progettazione e alla produzione.
Previsioni della Commissione europea inverno 2024
16 febbraio 2024 Previsioni della Commissione europea inverno 2024
Secondo la Commissione europea, l'attività economica è cresciuta solo dello 0,5% nel 2023, sia nell'UE che nella zona euro. Le prospettive per il 2024 sono riviste al ribasso allo 0,9% nell'UE e allo 0,8% nell'area dell'euro.
Ismea: export prodotti lattiero caseari
7 febbraio 2024 Ismea: export prodotti lattiero caseari
Nel periodo gennaio - settembre 2023, le esportazioni di formaggi e latticini italiani sono cresciute del 13,7% in valore e poco meno del 5% in volume, trainate dal mercato tedesco (+10% in volume) e dai freschi (+17% in valore).
Settore calzaturiero: preconsuntivo 2023 e aspettative per il 2024
2 febbraio 2024 Settore calzaturiero: preconsuntivo 2023 e aspettative per il 2024
Area Studi Mediobanca ha pubblicato un report sul settore calzaturiero che, dopo un biennio di crescita a doppia cifra, chiude il 2023 al +2%.
Italia leader nell’industria della pasta
25 gennaio 2024 Italia leader nell’industria della pasta
Secondo un’analisi dell’Area Studi Mediobanca, l’Italia è prima al mondo per produzione di pasta con 3,7 mln di tonnellate (pari al 22,3% del totale).
Bollettino economico Banca d’Italia gennaio 2024
23 gennaio 2024 Bollettino economico Banca d’Italia gennaio 2024
Alla fine del 2023 l’attività economica mondiale si è ulteriormente indebolita. La produzione manifatturiera ha continuato a ristagnare e la dinamica dei servizi ha perso vigore.
Export italiano novembre 2023
16 gennaio 2024 Export italiano novembre 2023
Tra gennaio e novembre 2023, l’export italiano in valore è aumentato dello 0,7% rispetto allo stesso periodo dello scorso anno.