4 settembre 2023

La resilienza delle esportazioni italiane

di lettura

Banca d’Italia ha pubblicato il report “Esplorando la recente resilienza delle esportazioni italiane di beni: competitività, intensità energetica e strozzature dell’offerta” (EN).

Image

La prima ondata della pandemia, nel 2020, ha interrotto solo temporaneamente la ripresa delle esportazioni di beni dell’Italia registrato nel decennio precedente.

Dopo una rapida ripresa nel 2021, la crescita delle esportazioni italiane nel 2022 ha superato quella tedesca di 4,5 punti percentuali in termini di volume e quella spagnola di oltre 3 punti.

Variazioni annuali delle esportazioni di beni (In volume - %)

 

Italia

Francia

Germania

Spagna

2019

1.1

1.8

0.6

0.8

2020

-9.2

-15.2

-8.3

-8.8

2021

13.8

7.2

10.3

10.6

2022

6.1

4.7

1.6

2.8

Fonti: ISTAT, EUROSTAT

Secondo le autrici Simona Giglioli e Claire Giordano, per spiegare l’ottima performance delle esportazioni italiane e la loro maggior resilienza rispetto a Francia, Germania e Spagna, bisogna considerare tre fattori principali:

  1. la dinamica della competitività dei prezzi (tassi di cambio effettivi)
  2. gli sviluppi nel settore manifatturiero distinguendo tra settori energivori (EI) - prodotti chimici, metalli di base, altri metalli non metallici e carta più colpiti dalla crisi energetica - e settori non energivori (NEI)
  3. l’incidenza delle strozzature dell’offerta globale nei vari settori.

L’andamento della competitività dei prezzi in Italia è stato particolarmente favorevole. Metà del guadagno dell’Italia è stato spiegato dalla debole dinamica dei prezzi alla produzione rispetto ai principali partner commerciali europei.

Inoltre, le esportazioni manifatturiere  italiane non sono fortemente orientate verso i settori energivori. Il contributo negativo delle industrie EI alla crescita aggregata delle esportazioni è stato più limitato rispetto a quello della Germania.

Infine il manifatturiero italiano è stato significativamente meno colpito dalla carenza di materiali e attrezzature. Secondo l'indagine della Commissione europea sulle imprese, nel 2022 la quota di imprese italiane per cui la carenza di materiali e attrezzature era un fattore chiave che ha limitato l'aumento della produzione ha raggiunto il 18% (dal 10% dell’anno precedente); comunque al di sotto delle quote riportate per le altre economie dell’area euro.

I settori più colpiti in Italia, con oltre il 30% delle imprese che hanno segnalato carenze di offerta, sono stati macchinari, computer e materiale elettrico. Queste quote erano molto più elevate negli altri paesi, e in particolare in Germania, dove si aggiravano sul 90%.

A livello geografico, la crescita dell’export nel 2022 ha coinvolto tutti i principali mercati, a parte la Russia dove le vendite sono diminuite drasticamente dopo l’invasione dell’Ucraina e le conseguenti sanzioni, e la Cina, dove la domanda è stata compromessa dalle misure di contenimento della pandemia  durante gran parte del 2022.

La Turchia e gli Stati Uniti sono tra le destinazioni verso le quali le esportazioni italiane sono aumentate maggiormente grazie anche al deprezzamento dell’euro rispetto al dollaro statunitense.

Fonte: Banca d’Italia (Esplorando la recente resilienza delle esportazioni di beni italiane -ISSN 1972-6643 online)

 

 

Analisi di mercato
Export italiano dicembre 2023
19 febbraio 2024 Export italiano dicembre 2023
Nel 2023 il valore dell’export italiano è rimasto stazionario rispetto all’anno precedente. L’aumento dei valori medi unitari (+5,3%) è stato pienamente compensato da una riduzione, superiore alle attese dei volumi (-5,1%).
Previsioni export italiano di servizi
19 febbraio 2024 Previsioni export italiano di servizi
Secondo il “Focus on” di SACE, nel 2023 l’export italiano di servizi è cresciuto dell’11,2% a € 135 miliardi; per il 2024 è atteso un incremento del 4,6%.
Turchıa: crescono Aerospazıo e Dıfesa
17 febbraio 2024 Turchıa: crescono Aerospazıo e Dıfesa
Negli ultimi dieci anni, l’industria turca dell’Aerospazio e della Difesa è passata dal semplice approvvigionamento alla progettazione e alla produzione.
Previsioni della Commissione europea inverno 2024
16 febbraio 2024 Previsioni della Commissione europea inverno 2024
Secondo la Commissione europea, l'attività economica è cresciuta solo dello 0,5% nel 2023, sia nell'UE che nella zona euro. Le prospettive per il 2024 sono riviste al ribasso allo 0,9% nell'UE e allo 0,8% nell'area dell'euro.
Ismea: export prodotti lattiero caseari
7 febbraio 2024 Ismea: export prodotti lattiero caseari
Nel periodo gennaio - settembre 2023, le esportazioni di formaggi e latticini italiani sono cresciute del 13,7% in valore e poco meno del 5% in volume, trainate dal mercato tedesco (+10% in volume) e dai freschi (+17% in valore).
Settore calzaturiero: preconsuntivo 2023 e aspettative per il 2024
2 febbraio 2024 Settore calzaturiero: preconsuntivo 2023 e aspettative per il 2024
Area Studi Mediobanca ha pubblicato un report sul settore calzaturiero che, dopo un biennio di crescita a doppia cifra, chiude il 2023 al +2%.
Italia leader nell’industria della pasta
25 gennaio 2024 Italia leader nell’industria della pasta
Secondo un’analisi dell’Area Studi Mediobanca, l’Italia è prima al mondo per produzione di pasta con 3,7 mln di tonnellate (pari al 22,3% del totale).
Bollettino economico Banca d’Italia gennaio 2024
23 gennaio 2024 Bollettino economico Banca d’Italia gennaio 2024
Alla fine del 2023 l’attività economica mondiale si è ulteriormente indebolita. La produzione manifatturiera ha continuato a ristagnare e la dinamica dei servizi ha perso vigore.
Export italiano novembre 2023
16 gennaio 2024 Export italiano novembre 2023
Tra gennaio e novembre 2023, l’export italiano in valore è aumentato dello 0,7% rispetto allo stesso periodo dello scorso anno.
Ismea: export vino primi 9 mesi 2023
15 gennaio 2024 Ismea: export vino primi 9 mesi 2023
Il 2023 del vino è stato caratterizzato da produzione in forte contrazione e riduzione degli scambi internazionali, sia in volume che in valore.