25 gennaio 2024

Italia leader nell’industria della pasta

di lettura

Secondo un’analisi dell’Area Studi Mediobanca, l’Italia è prima al mondo per produzione di pasta con 3,7 mln di tonnellate (pari al 22,3% del totale).

Image

Il nostro Paese è anche il principale esportatore di pasta con 2,1 milioni di tonnellate che valgono il 43% del totale, davanti alla Turchia (1,3 milioni di tonnellate).

L’Italia ha il più alto consumo di pasta pro-capite del mondo: 23 kg all’anno, davanti a Tunisia (17 kg), Venezuela (15 Kg) e Grecia (12,2 Kg).

Questi primati sono dovuti anche alla leadership italiana nella produzione di grano duro: con 3,8 milioni di tonnellate rappresenta il 12% del totale mondiale, alle spalle del Canada (15%). La Puglia è la prima regione per produzione di grano duro (23,2% del totale nazionale).

Tuttavia, l’Italia non è autosufficiente e il rapporto tra volumi prodotti e consumati è attorno al 65%. Ecco perché l’Italia è il quarto maggiore importatore di grano duro con il 6,4% del totale mondiale (1,9 milioni di tonnellate che arrivano principalmente da Canada, Francia e Grecia).

Con 58mila tonnellate prodotte nel 2022 (+15,8% medio annuo dal 2012), pari 72 milioni di euro, l’Italia è il secondo produttore europeo di couscous dopo la Francia (128mila tonnellate, 257 milioni di euro). Circa il 90% delle esportazioni italiane di couscous è destinato al continente europeo. I principali destinatari sono: Francia (40%), Germania (10%), Spagna (8%), Paesi Bassi (6%) e Polonia (5%).

Prezzi medi I trimestre 2023

In base alle elaborazioni dell’Area Studi Mediobanca su dati Nielsen IQ, il prezzo medio della pasta nella GDO nel I trimestre 2023 ha raggiunto:

  • 2,6 euro/kg (5,28 euro/kg per la pasta fresca e 1,97 euro per quella secca)
  • 1,75 euro/kg pasta di semola
  • 2,53 euro/kg pasta integrale, farro, kamut, base legumi
  • 2,90 euro/kg couscous
  • 3,38 euro/kg gnocchi
  • 5,46 euro/kg pasta senza glutine destinata ai celiaci.

La pasta secca rappresenta il 95% circa della produzione italiana complessiva e l’85% del valore, mentre la pasta fresca arriva al 5% del volume e al 15% del valore. Quasi il 60% dei siti produttivi di pasta secca si trova al Centro e al Sud, oltre il 90% di quelli di pasta fresca è ubicato a Nord Est e Nord Ovest.

Caratteristiche regionali

Un quarto della pasta italiana venduta all’estero proviene dalla Campania. In questa regione si concentrano il 19% della produzione nazionale e il 13% dei pastifici domestici.

In seconda posizione l’Emilia-Romagna sia per il peso delle esportazioni (20,4% del totale) sia per il volume della produzione (18%), con un numero di pastifici pari all’8% del totale nazionale.

La Sicilia ospita il maggior numero di molini con il 36% nazionale, ma la propria produzione di pasta è pari al 7% e quella dell’export pari allo 0,4%.

Maggiori produttori di pasta

I pastifici del Mezzogiorno, con 115 milioni di fatturato medio, sono i più grandi d’Italia, seguiti da quelli del Nord Est (105 milioni).

Al Sud sono i produttori di pasta secca a segnare la maggiore dimensione (125 milioni), mentre a Nord Est la taglia maggiore è appannaggio dei produttori di pasta fresca (137 milioni).

I maggiori produttori di pasta si attendono per il 2023 una crescita delle vendite complessive del +5%, più marcata sul mercato nazionale (+5,9%) e meno su quello estero (+4,1), oltre a un incremento degli investimenti materiali del 7,2% e un aumento delle spese pubblicitarie.

Export e certificazioni

Le esportazioni rappresentano il 52,6% del giro d’affari complessivo, in crescita di 5,1 punti dal 2019. Per soddisfare le esigenze dei mercati internazionali:

  • il 54,1% delle imprese segue gli standard della certificazione Kosher (compatibilità con la tradizione ebraica)
  • il 32,8% fa ricorso alla Halal (rispetto della religione islamica)
  • un terzo delle società attesta la conformità dei prodotti ai criteri vegetariani e vegani (Standard VeganOK)
  • la produzione di pasta gluten free è oggetto di specifiche certificazioni nel 18% delle imprese.

Nel 2022 la crescita del fatturato dei produttori di pasta secca (+33,3%) è stata superiore a quella della pasta fresca (+20%) che, per contro, vendono di più oltreconfine (61,1% del giro d’affari vs 48,4%).

Il 2022 ha segnato un calo della redditività: l’Ebit margin (3,3%) si è ridotto del 28,3% sul 2021, il Roi (4,9%) del 9,3% e il Roe (5,7%) del 13,6%, tutti indicatori in dimezzamento rispetto a quelli del 2019. Nel 2022 il 20,8% delle società ha chiuso l’anno in perdita, quota raddoppiata sul 2019 quando erano il 9,7% del totale.

L’anteprima per il 2023 vede una crescita del giro d’affari della pasta fresca (+10,1% sul 2022) superiore a quello della pasta secca (+3,3%).

Fonte: Area Studi Mediobanca

Analisi di mercato
Trend quote export di Italia, Germania, Francia e Spagna
27 febbraio 2024 Trend quote export di Italia, Germania, Francia e Spagna
Agenzia ICE ha pubblicato un documento che analizza l’evoluzione delle quote di mercato dell’Italia, rispetto ai principali competitor europei, dal 2010 al 2022.
Export italiano dicembre 2023
19 febbraio 2024 Export italiano dicembre 2023
Nel 2023 il valore dell’export italiano è rimasto stazionario rispetto all’anno precedente. L’aumento dei valori medi unitari (+5,3%) è stato pienamente compensato da una riduzione, superiore alle attese dei volumi (-5,1%).
Previsioni export italiano di servizi
19 febbraio 2024 Previsioni export italiano di servizi
Secondo il “Focus on” di SACE, nel 2023 l’export italiano di servizi è cresciuto dell’11,2% a € 135 miliardi; per il 2024 è atteso un incremento del 4,6%.
Turchıa: crescono Aerospazıo e Dıfesa
17 febbraio 2024 Turchıa: crescono Aerospazıo e Dıfesa
Negli ultimi dieci anni, l’industria turca dell’Aerospazio e della Difesa è passata dal semplice approvvigionamento alla progettazione e alla produzione.
Previsioni della Commissione europea inverno 2024
16 febbraio 2024 Previsioni della Commissione europea inverno 2024
Secondo la Commissione europea, l'attività economica è cresciuta solo dello 0,5% nel 2023, sia nell'UE che nella zona euro. Le prospettive per il 2024 sono riviste al ribasso allo 0,9% nell'UE e allo 0,8% nell'area dell'euro.
Ismea: export prodotti lattiero caseari
7 febbraio 2024 Ismea: export prodotti lattiero caseari
Nel periodo gennaio - settembre 2023, le esportazioni di formaggi e latticini italiani sono cresciute del 13,7% in valore e poco meno del 5% in volume, trainate dal mercato tedesco (+10% in volume) e dai freschi (+17% in valore).
Settore calzaturiero: preconsuntivo 2023 e aspettative per il 2024
2 febbraio 2024 Settore calzaturiero: preconsuntivo 2023 e aspettative per il 2024
Area Studi Mediobanca ha pubblicato un report sul settore calzaturiero che, dopo un biennio di crescita a doppia cifra, chiude il 2023 al +2%.
Italia leader nell’industria della pasta
25 gennaio 2024 Italia leader nell’industria della pasta
Secondo un’analisi dell’Area Studi Mediobanca, l’Italia è prima al mondo per produzione di pasta con 3,7 mln di tonnellate (pari al 22,3% del totale).
Bollettino economico Banca d’Italia gennaio 2024
23 gennaio 2024 Bollettino economico Banca d’Italia gennaio 2024
Alla fine del 2023 l’attività economica mondiale si è ulteriormente indebolita. La produzione manifatturiera ha continuato a ristagnare e la dinamica dei servizi ha perso vigore.
Export italiano novembre 2023
16 gennaio 2024 Export italiano novembre 2023
Tra gennaio e novembre 2023, l’export italiano in valore è aumentato dello 0,7% rispetto allo stesso periodo dello scorso anno.