22 agosto 2023

Io sono cultura 2023

di lettura

Secondo il rapporto annuale di Fondazione Symbola e Unioncamere, a livello globale le industrie culturali e creative rappresentano il 3% del Pil. La filiera cresce ogni anno in media del 9%.

Io sono cultura 2023

L’economia creativa è uno dei settori dell’economia mondiale in più rapida crescita grazie all’integrazione tra cultura e digitale. Piattaforme e streaming sempre più decidono gli equilibri del mercato globale dell’intrattenimento.

Il mercato musicale, ad esempio, è cresciuto del 9% nel 2022 arrivando a 26,2 miliardi di dollari e lo streaming in abbonamento è aumentato del 10.3% a 12,7 miliardi di dollari, raggiungendo 589 milioni di clienti, rappresentando il 66,7% dei ricavi totali dell’industria discografica.

Anche l’industria dell’audiovisivo ha modificato il proprio modello di business e proprio lo streaming è oggi considerata priorità strategica. Con ricavi globali di circa 79 miliardi di dollari lo streaming, oltre alle grandi realtà consolidate come Netflix, guarda alle nuove applicazioni mobile come Kodi e Popcornflix.

Negli ultimi 5 anni, i videogiochi hanno registrato una crescita costante e maggiore tra tutti i settori culturali e creativi a livello globale, con un fatturato che nel 2022 è stato di 92,3 miliardi di dollari.

In Italia il settore dei videogiochi e software contribuisce alla ricchezza della filiera con 14,6 miliardi di euro di valore aggiunto (il 15,3% dell’intera filiera, +9,6% rispetto al 2021). Il comparto cresce anche in termini di giro d’affari delle imprese produttrici di videogiochi (+30% rispetto al 2021) e di export nei mercati extra UE, in particolare in Nord America (40% del fatturato delle imprese italiane).

Comparti del settore culturale e creativo

Nel Rapporto Io sono cultura 2023 le attività economiche che rientrano all’interno del Sistema Produttivo Culturale e Creativo (SPCC), sono suddivise in sette macro-domini:

  • Architettura e design
  • Comunicazione
  • Audiovisivo e musica
  • Videogiochi e software
  • Editoria e stampa
  • Performing arts e arti visive
  • Patrimonio storico e artistico.

In Italia, sono 1.490.738 i lavoratori della filiera (+3% rispetto al 2021), 275.318 le imprese (+1,8% nel 2022) e 37.668 le organizzazioni non-profit che si occupano di cultura e creatività (il 10,4% del totale delle organizzazioni non-profit).

La filiera nel 2022 ha generato un valore aggiunto pari a 95,5 miliardi di euro (+6,8% rispetto all’anno precedente, +4,4% rispetto al 2019). Complessivamente, per ogni euro di valore aggiunto prodotto dalle attività culturali e creative se ne attivano altri 1,8 in settori economici diversi, come quello turistico, dei trasporti e del made in Italy, per un valore pari a 176,4 miliardi di euro.

Turismo culturale

Il turismo culturale è una forma di turismo incentrata sulla scoperta della cultura, della storia, dell’arte e delle tradizioni di una destinazione. Queste attività generano una spesa turistica che contribuisce all’economia dei luoghi visitati e possono includere: visite a musei, siti storici, monumenti, gallerie d’arte, festival culturali, spettacoli teatrali, concerti, eventi artistici e altre esperienze legate alla cultura.

A livello nazionale, la spesa complessiva sostenuta da turisti con consumi culturali (che include l’alloggio, ma anche le altre spese sul territorio) sfiora i 35 miliardi di euro nel 2022, pari al 44,9% della spesa turistica complessiva. Tale ammontare è generato da oltre 243 milioni di presenze turistiche che hanno incluso nella propria esperienza di visita consumi legati alla cultura (il 31,4% delle presenze turistiche totali).

Il 34,6% delle presenze di origine straniera è da ricondurre a soggetti i cui consumi sono stati generati da almeno un’attività legata alla cultura (contro il 29,1% degli italiani), originando una spesa che incide per il 47,8% sulla spesa connessa al complesso dei turisti stranieri (il 42,2% tra gli italiani).

Tra le presenze straniere, si riscontra anche una quota più elevata di quelle relative a coloro che scelgono la destinazione di viaggio attratti dalla ricchezza del patrimonio storico e artistico offerto (il 19,7% a fronte del 17,4% di italiani).

Fonte: Io sono cultura 2023 – Fondazione Symbola e Unioncamere (ISBN 9788899265915)

Analisi di mercato
Buone prospettive per l’export di vino italiano
15 aprile 2024 Buone prospettive per l’export di vino italiano
Nel 2023 le esportazioni enologiche italiane, che rappresentano più del 20% dell’export totale del settore alimentari e bevande, hanno raggiunto € 7,8 miliardi (in leggera flessione rispetto al 2022).
Proiezioni per l’economia italiana 2024 – 2026
11 aprile 2024 Proiezioni per l’economia italiana 2024 – 2026
Secondo le proiezioni macroeconomiche elaborate dalla Banca d’Italia, il PIL nazionale aumenterebbe dello 0,6% nel 2024, dell’1% nel 2025 e dell’1,2% nel 2026.
Bilancia agroalimentare italiana 2023
8 aprile 2024 Bilancia agroalimentare italiana 2023
Nel 2023 le esportazioni italiane di prodotti agroalimentari hanno registrato una crescita del 5,7% rispetto al 2022, raggiungendo i 64 miliardi di euro (prodotti trasformati 55,3 miliardi, prodotti agricoli 8,8 miliardi).
Istat: Rapporto sulla competitività dei settori produttivi 2024
2 aprile 2024 Istat: Rapporto sulla competitività dei settori produttivi 2024
Il XII Rapporto sulla competitività dei settori produttivi analizza gli shock che dal 2020 hanno colpito l’economia italiana e valuta le conseguenze sulla performance del sistema e sui comportamenti d’impresa.
Export prodotti cosmetici nel 2023
25 marzo 2024 Export prodotti cosmetici nel 2023
Centro Studi di Cosmetica Italia ha presentato al Cosmoprof Worldwide Bologna 2024 i dati congiunturali e l’andamento dell'export del settore cosmetico nazionale.
Geografia produttiva delle rinnovabili in Italia 2024
21 marzo 2024 Geografia produttiva delle rinnovabili in Italia 2024
Fondazione Symbola racconta il futuro delle energie rinnovabili da qui al 2030 e aggiorna la geografia delle imprese attive nelle filiere del fotovoltaico, eolico, idroelettrico, geotermico e bioenergie.
Export italiano gennaio 2024
20 marzo 2024 Export italiano gennaio 2024
A gennaio il valore dell’export italiano è rimasto pressoché stabile su base annua (-0,2%). L’incremento dei valori medi unitari (+1,7%) è stato compensato da una simile riduzione del dato in volume (-1,8%).
Where to Export Map 2024
15 marzo 2024 Where to Export Map 2024
SACE ha pubblicato un aggiornamento, dedicato alle imprese che guardano alle opportunità provenienti dai mercati esteri, che analizza come si sta muovendo la domanda mondiale.
Mercato globale dei beni di lusso 2024
14 marzo 2024 Mercato globale dei beni di lusso 2024
Secondo il report di RetailX “Global Luxury” nel 2023 il mercato mondiale dei beni di lusso ha raggiunto i 354,81 miliardi di dollari (erano 312,63 nel 2022).
Esportazioni delle regioni italiane 2023
12 marzo 2024 Esportazioni delle regioni italiane 2023
Nel 2023, rispetto all’anno precedente, l’export nazionale in valore risulta stazionario e riflette dinamiche territoriali molto differenziate.