12 luglio 2022

Indagine sul turismo internazionale 2021

di lettura

La pubblicazione annuale di Banca d'Italia fornisce informazioni sulla spesa, sui viaggiatori in entrata e in uscita dall'Italia con dettagli su: origine e destinazione, motivi del viaggio e tipologia di alloggio utilizzata.

Image

Nel 2021 le entrate mondiali da turismo internazionale sono cresciute del 6 per cento, a 509 miliardi di euro (pari a circa il 40 per cento dei livelli pre-pandemici).

L’Italia ha ulteriormente ampliato la propria quota di mercato, dal 3,6 al 4,2 per cento, diventando il quarto paese al mondo per entrate. Anche le quote globali di Francia e Spagna sono aumentate mentre sono scese quelle degli Stati Uniti e, in misura minore, della Germania, che tuttavia aveva registrato un forte incremento nel 2020.

Principali destinazioni del turismo internazionale

Principali destinazioni turistiche 2021

Sulla base dell’indagine condotta dalla Banca d’Italia, la spesa dei viaggiatori stranieri in Italia è tornata a crescere del 23 per cento, dopo la contrazione del 61 per cento nel 2020. Anche la spesa dei viaggiatori italiani all’estero ha riassorbito parte della flessione registrata nel primo anno pandemico. Entrambi i flussi sono pari a circa la metà rispetto a quelli osservati nel 2019.

L’avanzo della bilancia dei pagamenti turistica si è mantenuto allo 0,5 per cento del PIL, pressoché invariato rispetto al 2020 (era l’1 per cento nel 2019).

Nella media del 2021 l’aumento delle entrate turistiche è stato guidato principalmente dai viaggiatori provenienti dai paesi della UE, la cui spesa è arrivata a circa due terzi di quella del 2019. Sono cresciute soprattutto le entrate provenienti da Paesi Bassi, Spagna e Austria; il recupero è stato più modesto per la Germania, frenato dal calo del numero di viaggiatori tedeschi in Italia.

Le esportazioni di servizi turistici verso i paesi esterni alla UE sono state invece meno di un terzo di quelle del 2019, anche per effetto delle regole d’ingresso generalmente più stringenti per i viaggiatori non europei e delle forti limitazioni in uscita in vigore in alcuni stati (ad esempio Australia e Canada, che figuravano tra i primi dieci paesi per spesa nel 2019).

Alla ripresa delle entrate complessive hanno contribuito in misura rilevante gli afflussi dagli Stati Uniti, il secondo maggiore importatore di servizi turistici dell’Italia dopo la Germania nel periodo pre-pandemico. Per contro, le misure per prevenire la diffusione della variante Delta del coronavirus hanno penalizzato gli afflussi dal Regno Unito, ancora in diminuzione nel 2021.

La spesa per visite a città d’arte e destinazioni culturali è cresciuta del 27 per cento, beneficiando del ritorno dei turisti statunitensi e del ridotto numero di contagi anche nei mesi autunnali; tuttavia i flussi risultano ancora pari ad appena il 20 per cento dei livelli pre-pandemici. È aumentata del 21 per cento la spesa per vacanze in località balneari, che si sono confermate la meta più attrattiva, percepite come meno rischiose e favorite dal miglioramento della situazione epidemiologica in estate.

Si è ampliata ulteriormente la quota di pernottamenti in case in affitto, a scapito di quelli in albergo o in villaggio turistico, appena scesi rispetto al 2020.

Nel 2021 solo il 28 per cento dei viaggiatori stranieri ha scelto di arrivare in Italia utilizzando l’aereo (dal 41 per cento nel 2019); sul calo avrebbero inciso sia la riduzione della quota di turisti provenienti da paesi lontani, sia la preferenza per viaggi tramite mezzi propri che permettono di ridurre il rischio di contagio.

Spesa per paese e per area geografica di residenza dei viaggiatori

Spesa turistica per paese di provenienza

Nel primo trimestre del 2022 è continuato il progressivo recupero della spesa dei viaggiatori stranieri in Italia e di quella dei viaggiatori italiani all’estero, che però restano ancora inferiori di circa un quarto e di oltre un terzo, rispettivamente, nel confronto con i livelli pre-pandemici.

Tuttavia, permangono elementi di incertezza che potrebbero nuovamente rallentare il recupero del turismo internazionale nel corso dell’anno, quali il prolungarsi del conflitto russo in Ucraina, gli effetti dei rincari energetici sui costi di trasporto e più in generale sul potere d’acquisto dei consumatori, nonché l’evoluzione della situazione epidemiologica.

Fonte: Banca d’Italia (Indagine sul turismo internazionale)

Travel Awards 2022: Italia prima in due categorie

Più di 270.000 lettori del Times e del Sunday Times hanno espresso il loro giudizio su città e Paese preferito, operatori turistici, compagnie aeree, di crociera, hotel in 120 destinazioni. I vincitori dei premi di quest'anno sono stati rivelati nel corso di un evento a Matera (28 - 30 giugno).

Per il sesto anno consecutivo l’Italia vince come migliore destinazione al mondo e l’Hotel Feltrinelli sul Garda vince la categoria Best Hotel. Il prestigioso riconoscimento del settore dei viaggi quest'anno ha introdotto anche un premio per la sostenibilità e per la migliore destinazione emergente.

Analisi di mercato
Trend quote export di Italia, Germania, Francia e Spagna
27 febbraio 2024 Trend quote export di Italia, Germania, Francia e Spagna
Agenzia ICE ha pubblicato un documento che analizza l’evoluzione delle quote di mercato dell’Italia, rispetto ai principali competitor europei, dal 2010 al 2022.
Export italiano dicembre 2023
19 febbraio 2024 Export italiano dicembre 2023
Nel 2023 il valore dell’export italiano è rimasto stazionario rispetto all’anno precedente. L’aumento dei valori medi unitari (+5,3%) è stato pienamente compensato da una riduzione, superiore alle attese dei volumi (-5,1%).
Previsioni export italiano di servizi
19 febbraio 2024 Previsioni export italiano di servizi
Secondo il “Focus on” di SACE, nel 2023 l’export italiano di servizi è cresciuto dell’11,2% a € 135 miliardi; per il 2024 è atteso un incremento del 4,6%.
Turchıa: crescono Aerospazıo e Dıfesa
17 febbraio 2024 Turchıa: crescono Aerospazıo e Dıfesa
Negli ultimi dieci anni, l’industria turca dell’Aerospazio e della Difesa è passata dal semplice approvvigionamento alla progettazione e alla produzione.
Previsioni della Commissione europea inverno 2024
16 febbraio 2024 Previsioni della Commissione europea inverno 2024
Secondo la Commissione europea, l'attività economica è cresciuta solo dello 0,5% nel 2023, sia nell'UE che nella zona euro. Le prospettive per il 2024 sono riviste al ribasso allo 0,9% nell'UE e allo 0,8% nell'area dell'euro.
Ismea: export prodotti lattiero caseari
7 febbraio 2024 Ismea: export prodotti lattiero caseari
Nel periodo gennaio - settembre 2023, le esportazioni di formaggi e latticini italiani sono cresciute del 13,7% in valore e poco meno del 5% in volume, trainate dal mercato tedesco (+10% in volume) e dai freschi (+17% in valore).
Settore calzaturiero: preconsuntivo 2023 e aspettative per il 2024
2 febbraio 2024 Settore calzaturiero: preconsuntivo 2023 e aspettative per il 2024
Area Studi Mediobanca ha pubblicato un report sul settore calzaturiero che, dopo un biennio di crescita a doppia cifra, chiude il 2023 al +2%.
Italia leader nell’industria della pasta
25 gennaio 2024 Italia leader nell’industria della pasta
Secondo un’analisi dell’Area Studi Mediobanca, l’Italia è prima al mondo per produzione di pasta con 3,7 mln di tonnellate (pari al 22,3% del totale).
Bollettino economico Banca d’Italia gennaio 2024
23 gennaio 2024 Bollettino economico Banca d’Italia gennaio 2024
Alla fine del 2023 l’attività economica mondiale si è ulteriormente indebolita. La produzione manifatturiera ha continuato a ristagnare e la dinamica dei servizi ha perso vigore.
Export italiano novembre 2023
16 gennaio 2024 Export italiano novembre 2023
Tra gennaio e novembre 2023, l’export italiano in valore è aumentato dello 0,7% rispetto allo stesso periodo dello scorso anno.