13 marzo 2023

Indagine conoscitiva sul Made in Italy

di lettura

L’Istat ha presentato il Dossier “Contributi alla ripresa del Made in Italy e segnali di vulnerabilità dei Sistemi Locali del Lavoro” alla Commissione Attività produttive della Camera dei Deputati.

Image

Dall’analisi dell’andamento dell’export in valore nei Sistemi Locali del Lavoro (SLL) tra il 2019 e il 2021 emergono i punti di forza e di vulnerabilità dei comparti che sono maggiormente identificati con il Made in Italy.

I SLL sono Unità territoriali funzionali identificate da un insieme di comuni contigui legati fra loro dai flussi di pendolarismo associati agli spostamenti per motivi di lavoro. Essi ripartiscono il territorio nazionale, prescindendo da altre classificazioni amministrative sovracomunali e l’attuale composizione conta 610 SLL.

I dati di export per SLL per gli anni 2019-2020, sono definitivi; i dati di export per SLL per il 2021, sono provvisori.

Alimentari

Nel confronto con il 2019, l’incremento dell’export è risultato pari a +17,4%. I principali Sistemi Locali, che nel 2021 detengono le quote maggiori di export di prodotti alimentari sono la Lombardia e l’Emilia-Romagna. In quest’ultima regione sono localizzati due importanti Sistemi locali, Modena e Reggio nell’Emilia, che nel 2021 hanno visto una contrazione delle proprie quote di export alimentare rispetto al 2019; per contro in Lombardia, il Sistema Locale di Milano ha realizzato un importante aumento della propria quota.

Primi 15 Sistemi Locali del Lavoro per quota di export nel settore alimentare (2021)

Export alimentari 2021

Bevande

L’export in valore del settore delle bevande ha registrato un calo contenuto nel 2020 (-1,9%), per poi segnare nel 2021 una crescita del 13,4% e portarsi su livelli di molto superiori al 2019. I principali Sistemi Locali che detengono le quote maggiori di export del settore nel 2021 sono in Piemonte, Lombardia e Veneto.

Quelli in Piemonte hanno registrato una crescita sostenuta delle esportazioni nel 2021 rispetto al 2019, in particolare nei tre Sistemi Locali (Canelli, Chieri e Alba) che detengono importanti quote di export del settore.

Nel Veneto, aumenti marcati delle esportazioni e incrementi delle quote di export per i Sistemi di San Donà di Piave, Oderzo e Valdobbiadene, da un lato, e una contrazione delle vendite all’estero e una riduzione della quota per il Sistema Locale di Verona. In forte calo anche le esportazioni del Sistema Locale di Milano; si segnala la performance positiva di quello di Roma.

Primi 15 Sistemi Locali del Lavoro per quota di export nel settore delle bevande (2021)

Export bevande 2021

Abbigliamento

Nel 2020 l’export in valore del settore dell’abbigliamento ha subito una contrazione del 16,5%. La successiva espansione nel 2021 (+17,5%) non è stata sufficiente a far recuperare il valore di export del 2019. I due Sistemi Locali del Lavoro con le quote maggiori di export del settore nel 2021, Milano e Firenze, hanno registrato una decisa crescita delle proprie esportazioni (+21,2% e +15,7% rispettivamente).

Diversamente l’apporto negativo più ampio deriva dal Sistema Locale di Novara, che ha registrato una drastica contrazione delle vendite all’estero in buona parte attribuibile a mutamenti nell’assetto logistico operati da alcune imprese del settore.

Primi 15 Sistemi Locali del Lavoro per quota di export nel settore abbigliamento (2021)

Abbogliamento export 2021

Articoli in pelle (escluso abbigliamento)

Anche per gli articoli in pelle, dopo la forte contrazione delle esportazioni nel 2020 (-20,2%), la crescita dell’export in valore nel 2021 (+20,6%) non è stata sufficiente a far recuperare il valore di export del 2019. Quasi tutti i principali Sistemi Locali hanno subito forti contrazioni delle vendite all’estero. Le due eccezioni importanti sono rappresentate dai Sistemi Locali con le quote maggiori di export del settore nel 2021, Firenze e Milano.

In particolare il Sistema Locale di Firenze, che ha incrementato le proprie vendite all’estero sia nel 2020 sia nel 2021 (con una crescita complessiva del 51,4% rispetto al 2019), ha fornito il contributo positivo più ampio all’export del settore. Buone anche la performance del Sistema Locale di Milano e, a seguire, quella del Sistema Locale di Civitanova Marche.

Sono i due Sistemi Locali del Centro, San Miniato e Roma, a fornire i contributi negativi più ampi al calo dell’export del settore nel 2021 rispetto al 2019.

Primi 15 SLL per quota di export nel settore degli articoli in pelle (2021)

Articoli in pelle export 2021

Arredamento

L’export in valore del settore dei mobili nel 2021 si è portato su un livello superiore a quello del 2019 (+9,3%). I primi 15 Sistemi Locali del Lavoro per quote di export del settore nel 2021 sono localizzati in Veneto e Friuli-Venezia Giulia. I Sistemi Locali in queste due regioni, a esclusione di quelli di Oderzo, Treviso e Bassano del Grappa, sono riusciti a recuperare i livelli di export pre-pandemia, con performance anche molto positive: è il caso di Thiene (+35,7%) e Pordenone (+28,9%), quest’ultimo con un forte incremento della quota di export del settore.

Molto positive anche le performance dei Sistemi Locali di Bari (+31,5%) e Forlì (+41,8%) e superiore alla media del settore, la crescita delle esportazioni di quello di Milano (+16,0%), che si conferma il Sistema locale che realizza la quota di export maggiore del settore. Sono, nell’ordine, i Sistemi Locali di Pordenone, Milano e Forlì a fornire i contributi maggiori alla crescita dell’export italiano di mobili nel 2021 rispetto al 2019.

Primi 15 SLL per quota di export nel settore dei mobili (2021)

Arredamento export 2021

Principali partner commerciali

Tra i principali partner commerciali dell’Italia, Germania, Francia e Stati Uniti rappresentano destinazioni importanti per i prodotti tipici del Made in Italy.

Nel 2022, la Germania assorbe il 14,4% delle vendite di prodotti alimentari, il 9,8% del tessile, il 19,3% degli autoveicoli e il 10,7% dei macchinari, ma la sua presenza è significativa in diversi settori (come la chimica, la metallurgia e i prodotti in metallo).

La Francia risulta invece il principale mercato di sbocco per le esportazioni per abbigliamento (11,6%), pelle (14,4%) e mobili (16,4%).

Gli Stati Uniti prevalgono come principale riferimento per le vendite di bevande (22,1%), oltre che per farmaceutica (15,2%), macchinari (12,0%) e altri mezzi di trasporto (28,0%).

Fonte: Istat (Contributi alla ripresa del Made in Italy e segnali di vulnerabilità dei Sistemi Locali del Lavoro: i dati sull’export)

Analisi di mercato
Trend quote export di Italia, Germania, Francia e Spagna
27 febbraio 2024 Trend quote export di Italia, Germania, Francia e Spagna
Agenzia ICE ha pubblicato un documento che analizza l’evoluzione delle quote di mercato dell’Italia, rispetto ai principali competitor europei, dal 2010 al 2022.
Export italiano dicembre 2023
19 febbraio 2024 Export italiano dicembre 2023
Nel 2023 il valore dell’export italiano è rimasto stazionario rispetto all’anno precedente. L’aumento dei valori medi unitari (+5,3%) è stato pienamente compensato da una riduzione, superiore alle attese dei volumi (-5,1%).
Previsioni export italiano di servizi
19 febbraio 2024 Previsioni export italiano di servizi
Secondo il “Focus on” di SACE, nel 2023 l’export italiano di servizi è cresciuto dell’11,2% a € 135 miliardi; per il 2024 è atteso un incremento del 4,6%.
Turchıa: crescono Aerospazıo e Dıfesa
17 febbraio 2024 Turchıa: crescono Aerospazıo e Dıfesa
Negli ultimi dieci anni, l’industria turca dell’Aerospazio e della Difesa è passata dal semplice approvvigionamento alla progettazione e alla produzione.
Previsioni della Commissione europea inverno 2024
16 febbraio 2024 Previsioni della Commissione europea inverno 2024
Secondo la Commissione europea, l'attività economica è cresciuta solo dello 0,5% nel 2023, sia nell'UE che nella zona euro. Le prospettive per il 2024 sono riviste al ribasso allo 0,9% nell'UE e allo 0,8% nell'area dell'euro.
Ismea: export prodotti lattiero caseari
7 febbraio 2024 Ismea: export prodotti lattiero caseari
Nel periodo gennaio - settembre 2023, le esportazioni di formaggi e latticini italiani sono cresciute del 13,7% in valore e poco meno del 5% in volume, trainate dal mercato tedesco (+10% in volume) e dai freschi (+17% in valore).
Settore calzaturiero: preconsuntivo 2023 e aspettative per il 2024
2 febbraio 2024 Settore calzaturiero: preconsuntivo 2023 e aspettative per il 2024
Area Studi Mediobanca ha pubblicato un report sul settore calzaturiero che, dopo un biennio di crescita a doppia cifra, chiude il 2023 al +2%.
Italia leader nell’industria della pasta
25 gennaio 2024 Italia leader nell’industria della pasta
Secondo un’analisi dell’Area Studi Mediobanca, l’Italia è prima al mondo per produzione di pasta con 3,7 mln di tonnellate (pari al 22,3% del totale).
Bollettino economico Banca d’Italia gennaio 2024
23 gennaio 2024 Bollettino economico Banca d’Italia gennaio 2024
Alla fine del 2023 l’attività economica mondiale si è ulteriormente indebolita. La produzione manifatturiera ha continuato a ristagnare e la dinamica dei servizi ha perso vigore.
Export italiano novembre 2023
16 gennaio 2024 Export italiano novembre 2023
Tra gennaio e novembre 2023, l’export italiano in valore è aumentato dello 0,7% rispetto allo stesso periodo dello scorso anno.