2 maggio 2023

Guida agli affari in Brasile

di lettura

La Guida dell’Ambasciata d’Italia a Brasília illustra le opportunità di investimento in Brasile e le strategie di ingresso nel mercato.

Image

Il Brasile è il quinto Paese al mondo per dimensioni geografiche (due volte l’UE) e il sesto per abitanti. Il suo PIL è oltre la metà di quello dell’intero Sud America.

Il parco industriale è sviluppato con tecnologie di punta in settori come oil & gas, bioetanolo, aeronautica, fintech. Dopo la Norvegia, è il paese che genera più energia pulita al mondo. Il Brasile detiene alcuni importanti primati:

  • 1º produttore e 1º esportatore mondiale di: zucchero, caffè, succo d’arancia, semi di soia
  • 2º produttore di carne bovina, biocombustibili, minerali di ferro, cellulosa
  • 1º esportatore di tabacco, alcool e carne di pollame.

Dopo la contrazione degli investimenti diretti esteri (IDE) tra il 2011 e il 2015, legata anche alla recessione brasiliana, e dopo quella del 2020 causata dalla pandemia, gli afflussi di IDE sono raddoppiati nel 2022.

Relazioni economiche Italia - Brasile

Profondi i legami economici, culturali e di sangue legano Brasile e Italia: sono circa 32 milioni gli italo discendenti; operano nel Paese 986 PMI e grandi aziende italiane (in particolare nel Sud e Sudest: São Paulo, Minas Gerais, Rio de Janeiro, Espírito Santo, Santa Catarina e Rio Grande do Sul).

L’Italia è il secondo partner commerciale europeo del Brasile, dopo la Germania, e il settimo a livello mondiale.

Il Brasile nel 2022 ha importato dall’Italia 5.568,5 mln di dollari contro un totale di esportazioni pari a 4.891,7 mln di dollari confermando la storica tendenza della prevalenza di esportazioni italiane nei confronti delle importazioni dal Brasile.

ENEL è primo investitore privato nel settore dell’energia elettrica, primo distributore di energia elettrica e primo generatore di energia da fonti rinnovabili.

Stellantis ha confermato gli investimenti per circa 4 miliardi di euro per il potenziamento delle due fabbriche esistenti.

TIM nel novembre 2021, si è aggiudicato la licenza di circa un terzo dei progetti 5G del paese e raggiunge quasi 70 milioni di utenti.

Pirelli ha inaugurato vicino a San Paolo il più moderno circuito di testing dell’America Latina durante la pandemia.

Ecorodovias, controllata brasiliana del gruppo Gavio, è primo operatore privato del Paese con oltre 4.700 km di concessioni, mentre INC S.p.A. di Torino, ha vinto una gara nello stato di Minas Gerais per la costruzione e gestione del grande raccordo anulare di Belo Horizonte.

Leonardo si è aggiudicata, attraverso il Consorzio CIO, un contratto per la fornitura di Veicoli blindati leggeri Centauro 2 per un valore sino ad euro 2 miliardi.

SAIPEM sta gestendo commesse in giacimenti offshore per un valore di circa 3 miliardi di Euro.

Le grandi aziende fanno da traino per le PMI italiane, che sono presenti numerose come loro fornitori di beni e servizi, ma la maggior parte delle aziende presenti in Brasile sono interessate alla clientela del mercato domestico.

Il territorio

Il capitolo della Guida dedicato alla mappatura delle opportunità presenta delle schede regionali con i dati macroeconomici, la descrizione dei settori di punta, le Zone franche e i principali poli industriali e tecnologici dell’area.

  • La Regione del Nord rappresenta circa il 45% del territorio nazionale (la foresta amazzonica copre circa l'86% di questo territorio). L'attività economica è concentrata nella Zona Franca di Manaus.
  • La Regione del Nord-Est rappresenta circa il 18% del territorio nazionale. Con il PIL pro capite minore del Paese e con un tasso di disoccupazione superiore alla media nazionale, concentra il maggior numero di beneficiari di programmi di assistenza sociale.
  • La Regione del Centro-Ovest copre circa il 19% del territorio nazionale e concentra le più grandi aree per l'attività agricola. È la Regione con il PIL pro capite più alto del Paese e con il secondo tasso di disoccupazione più basso. Tuttavia l'infrastruttura logistica rimane precaria, soprattutto per il flusso della produzione agricola.
  • La Regione Sud-Est è la più sviluppata: circa il 42% della popolazione vive in questa regione che rappresenta circa l'11% del territorio nazionale. Produce circa il 52% del PIL nazionale ed è un importante centro finanziario. Ha la migliore disponibilità di infrastrutture economiche e la più grande offerta di manodopera qualificata. Il prezzo degli immobili e il costo della vita sono elevati.
  • La Regione Sud copre circa il 7% del territorio nazionale e rappresenta circa il 17,6% del PIL nazionale. La sua attività economica si basa principalmente sull'industria e sull'agricoltura. Possiede buone infrastrutture logistiche ed economiche e dispone di una buona offerta di manodopera qualificata.

Approccio strutturato per entrare nel mercato

Per entrare con successo in Brasile è necessaria una comprensione profonda del Paese, in particolare:

  • dimensioni del mercato e del suo potenziale di crescita
  • eventuali concorrenti
  • regolamentazione di settore
  • fattori che guidano la domanda e dei possibili sviluppi di quest’ultima
  • aspetti fiscali e giuslavoristi.

Ingresso nel mercato brasiliano

È consigliabile sviluppare all’interno le competenze core, vendite e sviluppo mercato, project management, delegando a società specializzate le attività non core. Gestione adempimenti e contabilità, gestione risorse umane, finanza e controllo di gestione, sono alcune attività che possono esternarsi in modo efficiente creando risparmi e riducendo i rischi.

Il sistema fiscale brasiliano è un sistema complesso. Secondo lo studio realizzato annualmente dal Banco Mondiale, il Brasile è la giurisdizione in cui si spende più tempo per adempiere alle obbligazioni fiscali.

La volatilità del cambio Eur / Real non è un fenomeno momentaneo. E’ quindi consigliabile coprire il rischio di cambio. I contratti di finanziamento con le case madri possono essere fatti sia in EURO sia in REAIS.

La Guida contiene 2 allegati:

  • un’aggiornata e sintetica Guida giuridica con informazioni pratiche su: regole societarie, capitale straniero, aspetti fiscali, concorrenza, appalti pubblici, proprietà intellettuale, norme giuslavoriste e in materia di visti
  • l’elenco delle aziende italiane presenti in Brasile censite a dicembre 2022.

Realizzato dall’Ambasciata d’Italia a Brasilia e da GM Venture con la collaborazione di KPMG.

Fonte: Ambasciata d’Italia a Brasilia (marzo 2023) 

Analisi di mercato
Trend quote export di Italia, Germania, Francia e Spagna
27 febbraio 2024 Trend quote export di Italia, Germania, Francia e Spagna
Agenzia ICE ha pubblicato un documento che analizza l’evoluzione delle quote di mercato dell’Italia, rispetto ai principali competitor europei, dal 2010 al 2022.
Export italiano dicembre 2023
19 febbraio 2024 Export italiano dicembre 2023
Nel 2023 il valore dell’export italiano è rimasto stazionario rispetto all’anno precedente. L’aumento dei valori medi unitari (+5,3%) è stato pienamente compensato da una riduzione, superiore alle attese dei volumi (-5,1%).
Previsioni export italiano di servizi
19 febbraio 2024 Previsioni export italiano di servizi
Secondo il “Focus on” di SACE, nel 2023 l’export italiano di servizi è cresciuto dell’11,2% a € 135 miliardi; per il 2024 è atteso un incremento del 4,6%.
Turchıa: crescono Aerospazıo e Dıfesa
17 febbraio 2024 Turchıa: crescono Aerospazıo e Dıfesa
Negli ultimi dieci anni, l’industria turca dell’Aerospazio e della Difesa è passata dal semplice approvvigionamento alla progettazione e alla produzione.
Previsioni della Commissione europea inverno 2024
16 febbraio 2024 Previsioni della Commissione europea inverno 2024
Secondo la Commissione europea, l'attività economica è cresciuta solo dello 0,5% nel 2023, sia nell'UE che nella zona euro. Le prospettive per il 2024 sono riviste al ribasso allo 0,9% nell'UE e allo 0,8% nell'area dell'euro.
Ismea: export prodotti lattiero caseari
7 febbraio 2024 Ismea: export prodotti lattiero caseari
Nel periodo gennaio - settembre 2023, le esportazioni di formaggi e latticini italiani sono cresciute del 13,7% in valore e poco meno del 5% in volume, trainate dal mercato tedesco (+10% in volume) e dai freschi (+17% in valore).
Settore calzaturiero: preconsuntivo 2023 e aspettative per il 2024
2 febbraio 2024 Settore calzaturiero: preconsuntivo 2023 e aspettative per il 2024
Area Studi Mediobanca ha pubblicato un report sul settore calzaturiero che, dopo un biennio di crescita a doppia cifra, chiude il 2023 al +2%.
Italia leader nell’industria della pasta
25 gennaio 2024 Italia leader nell’industria della pasta
Secondo un’analisi dell’Area Studi Mediobanca, l’Italia è prima al mondo per produzione di pasta con 3,7 mln di tonnellate (pari al 22,3% del totale).
Bollettino economico Banca d’Italia gennaio 2024
23 gennaio 2024 Bollettino economico Banca d’Italia gennaio 2024
Alla fine del 2023 l’attività economica mondiale si è ulteriormente indebolita. La produzione manifatturiera ha continuato a ristagnare e la dinamica dei servizi ha perso vigore.
Export italiano novembre 2023
16 gennaio 2024 Export italiano novembre 2023
Tra gennaio e novembre 2023, l’export italiano in valore è aumentato dello 0,7% rispetto allo stesso periodo dello scorso anno.