31 gennaio 2023

Export Filatura italiana nel 2022

di lettura

Centro Studi Confindustria Moda ha presentato una ricerca sulla filatura italiana (produzione di filati lanieri, cotonieri e linieri).

Image

Secondo le elaborazioni preliminari del Centro Studi di Confindustria Moda per SMI, il fatturato settoriale è stimato in aumento mediamente del +27,8% su base annua.

L’evoluzione favorevole del 2022 ha interessato tutti i comparti: sia la filatura laniera (che detiene una quota dell’81% sul fatturato settoriale totale) sia la cotoniera e liniera.

Il valore della produzione al netto della commercializzazione dei filati importati è atteso in aumento del +28,2%.

Commercio con l’estero

Tutte le tipologie di filato hanno superato i valori delle esportazioni pre-pandemici, con variazioni che si estendono dal +11% circa dei filati di lana (sia cardati che pettinati) al +44% dei filati di cotone.

Il recupero annuo delle esportazioni è stato superiore al +22%, mentre le importazioni dovrebbero crescere del +48,5%. Tali dinamiche porterebbero il fatturato estero settoriale a quota 1.025 milioni di euro, mentre l’import dovrebbe salire a quasi 1.200 milioni. L’incidenza dell’export sul fatturato totale si ridimensionerebbe quindi al 30,9% e il deficit commerciale di comparto si avvicinerebbe a -173 milioni di euro.

Sulla base dei dati ISTAT disponibili sui primi nove mesi del 2022, la filatura nel suo complesso registra in termini di export un consistente aumento del +23,2%. La crescita dell’import è ancora più vivace, pari al +56%. Nel periodo in esame, il valore dei filati esportati raggiunge i 770,3 milioni di euro, mentre quello dei filati importati passa a 875,9.

In ambito laniero le esportazioni di filati sia cardati sia pettinati presentano un incremento rispettivamente del +24,1% e del +24,8%, mentre i filati misti chimico-lana fanno registrare una variazione pari al +17,6%; rallentano al +0,6%, invece, le vendite estere di filati per aguglieria. L’export di filati di cotone sperimenta una crescita pari al +31,2%, mentre quello di lino pari al +33,3%.

Da gennaio a settembre 2022, le importazioni di filati dall’estero rimangono interessate da un’evoluzione positiva, con la sola eccezione dei filati per aguglieria, che flettono del -0,8%.  Considerando la filatura laniera, l’import di filato cardato mette a segno +18,5%, il misto chimico/lana +19,6%, mentre i filati pettinati +41%. Le importazioni di filati di cotone e lino sperimentano delle dinamiche molto vivaci, pari rispettivamente al +75,6% e al +93,9%.

Commercio estero filatura italiana per comparto (gennaio - settembre 2022)

Import export filati Italia 2022

Principali destinazioni dell’export

Da gennaio a settembre 2022, le principali destinazioni dell’export di filato cardato evidenziano tutte delle crescite, a esclusione della Cina (-20,1%) che scivola dal terzo posto del 2021 al sesto:

  • Hong Kong assorbe il 16% dei flussi totali di comparto e si conferma il primo cliente dei filati cardati italiani (+16,2% su base annua).
  • Il Regno Unito, sempre secondo, presenta un aumento del +42,1% e passa a una quota del 14,6%.
  • In terza posizione, grazie a una vivace variazione del +54,9%, sale la Turchia, che si assicura un’incidenza dell’8,1%.
  • Seguono Romania e Corea del Sud, rispettivamente in crescita del +4,9% e del +24,4%.
  • Dinamiche favorevoli caratterizzano le vendite dirette in Portogallo (+35,9%), Croazia (+28,8%), Bulgaria (+34,0%) e Tunisia (+134,6%).

Nel periodo in esame, il principale cliente di filato pettinato è la Romania (+40,9%) che concorre all’11,1% dell’export totale di questa merceologia.

  • Hong Kong scende in seconda posizione e sperimenta una contrazione pari al -7,7%, assicurandosi l’8,6% delle esportazioni.
  • Gli altri principali Paesi partner a seguire in graduatoria sono: la Francia che registra un +37,7%, la Turchia +37,9%, il Portogallo +35,2%, la Germania +14,7%.
  • Le vendite di filato pettinato in Cina e Regno Unito aumentano rispettivamente del +10,1% e del +48,5%, e quelle in Bulgaria e Repubblica Ceca crescono ciascuna del +87,7% e del +47%.

Nei primi nove mesi del 2022, il fatturato estero dei filati misti chimico/lana assiste a un incremento verso Austria (+2,9%) e Turchia (+27,2%), primo e secondo mercato di sbocco di questa tipologia di filato, che assorbono complessivamente il 22% dell’export.

  • Cresce anche la Spagna (+68,6%)
  • Arretrano Francia (-11,9%) e Germania (-7%)
  • Seguono poi: Romania (+36,3%), Croazia (+1,1%) Bulgaria (+35,7%) e Portogallo (+43,1%).

Per i filati di cotone, da gennaio a settembre 2022, i flussi diretti nei primi mercati risultano tutti interessati da dinamiche favorevoli importanti rispetto allo stesso periodo del 2021, Regno Unito escluso (che con un calo del -5,5% scivola in decima posizione):

  • La Germania, sempre al primo posto con un’incidenza del 17,4% del totale dei filati di cotone esportati dall’Italia, cresce del +45,3%.
  • Seguono Repubblica Ceca e Francia, in aumento rispettivamente del +51,0% e del +36,6%.
  • L’export in Portogallo cresce del +9,3%; in Austria del +92%. S
  • Spagna, Tunisia e Ungheria - tutte con uno share del 5% sul totale - crescono: la prima del +27,5%, la seconda del +47,1% e la terza del +27,1%.
  • Evoluzione soddisfacente anche per la Turchia, che mette a segno un +73,3%.

Fonte: Centro Studi di Confindustria Moda per SMI (La filatura italiana nel 2022-2023)

Analisi di mercato
Export italiano dicembre 2023
19 febbraio 2024 Export italiano dicembre 2023
Nel 2023 il valore dell’export italiano è rimasto stazionario rispetto all’anno precedente. L’aumento dei valori medi unitari (+5,3%) è stato pienamente compensato da una riduzione, superiore alle attese dei volumi (-5,1%).
Previsioni export italiano di servizi
19 febbraio 2024 Previsioni export italiano di servizi
Secondo il “Focus on” di SACE, nel 2023 l’export italiano di servizi è cresciuto dell’11,2% a € 135 miliardi; per il 2024 è atteso un incremento del 4,6%.
Turchıa: crescono Aerospazıo e Dıfesa
17 febbraio 2024 Turchıa: crescono Aerospazıo e Dıfesa
Negli ultimi dieci anni, l’industria turca dell’Aerospazio e della Difesa è passata dal semplice approvvigionamento alla progettazione e alla produzione.
Previsioni della Commissione europea inverno 2024
16 febbraio 2024 Previsioni della Commissione europea inverno 2024
Secondo la Commissione europea, l'attività economica è cresciuta solo dello 0,5% nel 2023, sia nell'UE che nella zona euro. Le prospettive per il 2024 sono riviste al ribasso allo 0,9% nell'UE e allo 0,8% nell'area dell'euro.
Ismea: export prodotti lattiero caseari
7 febbraio 2024 Ismea: export prodotti lattiero caseari
Nel periodo gennaio - settembre 2023, le esportazioni di formaggi e latticini italiani sono cresciute del 13,7% in valore e poco meno del 5% in volume, trainate dal mercato tedesco (+10% in volume) e dai freschi (+17% in valore).
Settore calzaturiero: preconsuntivo 2023 e aspettative per il 2024
2 febbraio 2024 Settore calzaturiero: preconsuntivo 2023 e aspettative per il 2024
Area Studi Mediobanca ha pubblicato un report sul settore calzaturiero che, dopo un biennio di crescita a doppia cifra, chiude il 2023 al +2%.
Italia leader nell’industria della pasta
25 gennaio 2024 Italia leader nell’industria della pasta
Secondo un’analisi dell’Area Studi Mediobanca, l’Italia è prima al mondo per produzione di pasta con 3,7 mln di tonnellate (pari al 22,3% del totale).
Bollettino economico Banca d’Italia gennaio 2024
23 gennaio 2024 Bollettino economico Banca d’Italia gennaio 2024
Alla fine del 2023 l’attività economica mondiale si è ulteriormente indebolita. La produzione manifatturiera ha continuato a ristagnare e la dinamica dei servizi ha perso vigore.
Export italiano novembre 2023
16 gennaio 2024 Export italiano novembre 2023
Tra gennaio e novembre 2023, l’export italiano in valore è aumentato dello 0,7% rispetto allo stesso periodo dello scorso anno.
Ismea: export vino primi 9 mesi 2023
15 gennaio 2024 Ismea: export vino primi 9 mesi 2023
Il 2023 del vino è stato caratterizzato da produzione in forte contrazione e riduzione degli scambi internazionali, sia in volume che in valore.