2 marzo 2023

Export distretti: Piemonte, Lombardia e Triveneto

di lettura

Risultati export delle principali regioni del nord ad elevata intensità distrettuale nei primi 9 mesi 2022, elaborati dal Centro Studi e Ricerche di Intesa Sanpaolo.

Export distretti: Piemonte, Lombardia e Triveneto

Piemonte

Nei primi nove mesi del 2022 l’export dei distretti piemontesi è stato pari a 9 miliardi di euro e ha registrato un aumento del 13,8% rispetto allo stesso periodo del 2021 (+1,1 miliardi di euro in valore) e del 7,5% rispetto ai primi nove mesi del 2019 (632 milioni di euro).

Il periodo tra gennaio e settembre 2022 evidenzia la ripartenza dei distretti del sistema moda piemontese, in crescita rispetto allo stesso periodo 2021 del 28%.

Le esportazioni dei primi nove mesi 2022 segnano un rimbalzo forte anche per l’Oreficeria di Valenza (+23,9%). Le esportazioni sono aumentate verso tutti i principali mercati di sbocco, ad eccezione di Cina e Hong Kong. Da segnalare il contributo positivo di Francia, Svizzera, Irlanda, Stati Uniti e Giappone.

Buono l’andamento sui mercati esteri dei distretti agro-alimentari piemontesi, rispetto sia ai primi nove mesi del 2021 (+8%), che ai primi nove mesi del 2019 (+28,1%). I primi nove mesi sono stati particolarmente brillanti per il distretto del Caffè, confetterie e cioccolato torinese, che ha conseguito un balzo del 23% rispetto ai primi nove mesi del 2021. Esportazioni in notevole aumento anche per il Riso di Vercelli, le cui vendite estere hanno sfiorato i 242 milioni di euro (+18,2%).

Esportazioni in aumento anche per la meccanica distrettuale piemontese (+8,1%). Il recupero rispetto ai livelli 2019 è stato solo sfiorato (-0,6%).

Lombardia

L’export dei distretti industriali della Lombardia nei primi nove mesi dell’anno ha raggiunto quota 27,8 miliardi di euro (+18,8%). Si evidenzia un progresso del 24,7% rispetto al 2019, quando l’export distrettuale era pari a 22,3 miliardi.

Tra le filiere distrettuali spicca la Metalmeccanica (+17,3% rispetto ai primi nove mesi del 2021), trainata dai Metalli di Brescia. Il distretto si colloca al top della classifica regionale per valori esportati tra gennaio e settembre e fa segnare un progresso pari a oltre 1,2 miliardi di euro rispetto allo stesso periodo del 2021 (+31,8%).

Bene anche il Sistema casa (+18,9%). In evidenza i Rubinetti, valvole e pentolame di Lumezzane (+16,5%), seguiti da Legno e arredamento della Brianza (+21,1%) e Legno di Casalasco Viadanese (+45,9%).

Segnali positivi anche per i distretti della Gomma e della plastica, che continuano il loro trend di crescita (+18,5%).

Anche per il Sistema moda le vendite all’estero nei primi nove mesi del 2022 mostrano un progresso rispetto al 2021 (+28%).

Nella filiera dell’Agro-alimentare (+20,2% ) spiccano i distretti del Lattiero caseario (+20,7%) e del Riso di Pavia (+37,2%).

Triveneto

Nei primi 9 mesi del 2022, i distretti del Triveneto sono riusciti a superare i 31 miliardi di euro di esportazioni a prezzi correnti, 4 miliardi in più rispetto allo stesso periodo del 2021 e oltre 5,4 miliardi in più rispetto al periodo pre-pandemico.

Le aree geografiche che hanno maggiormente contribuito all’incremento delle vendite dei distretti del Triveneto sono state l’Europa (+2,5 miliardi di euro) e il Nord America (+1,4 miliardi di euro), seguite dal Medio Oriente (+404 milioni di euro) e dall’Asia Orientale (+307 milioni di euro).

Veneto

Nei primi 9 mesi del 2022 i distretti veneti hanno superato i 24,7 miliardi di euro di esportazioni, +3,4 miliardi di euro rispetto al 2021 (+15,8%) e +4,2 miliardi di euro rispetto al periodo pre-Covid (+20,6%).

I distretti del sistema moda sono risultati determinanti con il loro incremento di 1,6 miliardi di euro di esportazioni (pari a +18,1%) con al primo posto l’Occhialeria di Belluno (+533,1 milioni di euro, pari a +24,7%) seguiti dall’Oreficeria di Vicenza (+346,4 milioni di euro, pari a +29,3%) e dalla Calzatura sportiva e sportsystem di Montebelluna (+239,5 milioni di euro, pari a +20,8%). La Concia di Arzignano ha aumentato le esportazioni del +10,1%. Le Calzature del Brenta presentano un incremento rilevante (+27,9% gen-set 2022 su 2021) che definitivamente archivia le perdite del periodo pandemico.

Da segnalare le performance sui mercati esteri delle Materie plastiche di Treviso Vicenza e Padova (+15,1%) con le imprese di Treviso che segnano la maggior crescita (+21,5%) grazie al rafforzamento delle esportazioni in Germania (+49%), Francia e Spagna.

Il Grafico veronese si attesta come il primo tra i distretti veneti per intensità della crescita nei primi 9 mesi del 2022 sul 2021: +48,8% grazie alla grande richiesta di packaging e di carta e cartone per le spedizioni.

In ripresa anche il comparto metalmeccanico veneto, in cui spicca la Meccanica strumentale di Vicenza (+14,7%), la Termomeccanica scaligera (+14,4%), la Termomeccanica di Padova (+12,8%) e le Macchine agricole di Padova e Vicenza (+16,7%).

Nel comparto agro-alimentare da segnalare la performance del Prosecco di Conegliano Valdobbiadene (+28,1%).

Trentino Alto Adige

I I distretti del Trentino-Alto Adige superano i 4 miliardi di euro di esportazioni nei primi 9 mesi del 2022, in crescita di 276,9 milioni rispetto al 2021, pari a +7,4%.

Le migliori performance sono state quelle della Meccatronica di Trento (+193,7 milioni di euro pari a +20,6%), delle Marmellate e succhi del Trentino-Alto Adige (+63,1 milioni di euro pari a +27,2%) e del Legno e arredamento dell’Alto Adige (+24,6 milioni di euro pari al +7,7%).

La Meccatronica dell’Alto Adige (-0,2% nel periodo gennaio-settembre) ha invece risentito del calo nel mercato tedesco (-7,8%) e in quello svedese (-79%) della componentistica auto.

Tra i distretti dell’agro-alimentare le Mele dell’Alto Adige (+3,1%) hanno mantenuto un profilo di crescita nonostante i cali nei mercati europei; i Vini e distillati di Bolzano (+3,5%) sono riusciti a controbilanciare i cali a doppia cifra subiti nel mercato tedesco, grazie agli Stati Uniti (+15%), ai Paesi Bassi e alla Svezia. I Vini e distillati di Trento risultano in calo nei primi 9 mesi del 2022 (-1,4%). Le Mele del Trentino hanno ridotto le esportazioni (-24,9%) a causa di cali rilevanti in Spagna, Egitto e Germania.

Nel comparto casa, il Legno e arredamento dell’Alto Adige (+7,7%) segna un incremento delle vendite di legno, pannelli e prodotti in legno in Germania (+10,3%), Svizzera e Spagna, a fronte di un calo in Austria. Il Porfido di val di Cembra (+17,1%) prosegue nell’espansione delle vendite in Francia (+85%), Germania, Svizzera e Danimarca.

Friuli Venezia Giulia

I distretti monitorati del Friuli-Venezia Giulia superano nei primi 9 mesi del 2022 i 2,4 miliardi di euro, in crescita di 432,5 milioni di euro, pari a +21,6% sul 2021.

I Mobili e pannelli di Pordenone hanno ottenuto i maggiori risultati nel comparto del mobile negli Stati Uniti (+60%), nel Regno Unito (+25%) e in Spagna (+67%). Le Sedie e complementi di arredo di Udine hanno registrato ottime performance nel  Regno Unito (+41,3%), Stati Uniti, Francia, Germania e Grecia.

Nell’agro-alimentare spiccano i Vini e distillati del Friuli (+37,3%) grazie alle vendite negli Stati Uniti, che si confermano primo mercato per dimensione e crescita (+45,5%) seguiti da Germania, Regno Unito, Francia e Canada. Il Caffè di Trieste segna un aumento a doppia cifra (+20,8%). Il Prosciutto di San Daniele è l’unico distretto a registrare un calo seppur lieve delle esportazioni (-2%), a causa di una diminuzione delle vendite negli Stati Uniti, in Vietnam e Australia, controbilanciate in parte dal rafforzamento del mercato tedesco e del Regno Unito.

Fonte: Monitor regionale dei distretti (Intesa Sanpaolo)

Analisi di mercato
Buone prospettive per l’export di vino italiano
15 aprile 2024 Buone prospettive per l’export di vino italiano
Nel 2023 le esportazioni enologiche italiane, che rappresentano più del 20% dell’export totale del settore alimentari e bevande, hanno raggiunto € 7,8 miliardi (in leggera flessione rispetto al 2022).
Proiezioni per l’economia italiana 2024 – 2026
11 aprile 2024 Proiezioni per l’economia italiana 2024 – 2026
Secondo le proiezioni macroeconomiche elaborate dalla Banca d’Italia, il PIL nazionale aumenterebbe dello 0,6% nel 2024, dell’1% nel 2025 e dell’1,2% nel 2026.
Bilancia agroalimentare italiana 2023
8 aprile 2024 Bilancia agroalimentare italiana 2023
Nel 2023 le esportazioni italiane di prodotti agroalimentari hanno registrato una crescita del 5,7% rispetto al 2022, raggiungendo i 64 miliardi di euro (prodotti trasformati 55,3 miliardi, prodotti agricoli 8,8 miliardi).
Istat: Rapporto sulla competitività dei settori produttivi 2024
2 aprile 2024 Istat: Rapporto sulla competitività dei settori produttivi 2024
Il XII Rapporto sulla competitività dei settori produttivi analizza gli shock che dal 2020 hanno colpito l’economia italiana e valuta le conseguenze sulla performance del sistema e sui comportamenti d’impresa.
Export prodotti cosmetici nel 2023
25 marzo 2024 Export prodotti cosmetici nel 2023
Centro Studi di Cosmetica Italia ha presentato al Cosmoprof Worldwide Bologna 2024 i dati congiunturali e l’andamento dell'export del settore cosmetico nazionale.
Geografia produttiva delle rinnovabili in Italia 2024
21 marzo 2024 Geografia produttiva delle rinnovabili in Italia 2024
Fondazione Symbola racconta il futuro delle energie rinnovabili da qui al 2030 e aggiorna la geografia delle imprese attive nelle filiere del fotovoltaico, eolico, idroelettrico, geotermico e bioenergie.
Export italiano gennaio 2024
20 marzo 2024 Export italiano gennaio 2024
A gennaio il valore dell’export italiano è rimasto pressoché stabile su base annua (-0,2%). L’incremento dei valori medi unitari (+1,7%) è stato compensato da una simile riduzione del dato in volume (-1,8%).
Where to Export Map 2024
15 marzo 2024 Where to Export Map 2024
SACE ha pubblicato un aggiornamento, dedicato alle imprese che guardano alle opportunità provenienti dai mercati esteri, che analizza come si sta muovendo la domanda mondiale.
Mercato globale dei beni di lusso 2024
14 marzo 2024 Mercato globale dei beni di lusso 2024
Secondo il report di RetailX “Global Luxury” nel 2023 il mercato mondiale dei beni di lusso ha raggiunto i 354,81 miliardi di dollari (erano 312,63 nel 2022).
Esportazioni delle regioni italiane 2023
12 marzo 2024 Esportazioni delle regioni italiane 2023
Nel 2023, rispetto all’anno precedente, l’export nazionale in valore risulta stazionario e riflette dinamiche territoriali molto differenziate.