19 aprile 2022

Congiuntura agroalimentare 2021

di lettura

Il Report Agrimercati di Ismea analizza le dinamiche dell’agroalimentare italiano nel 2021 e le nuove criticità legate al conflitto Russia - Ucraina.

Image

L'agroalimentare nazionale ha dimostrato una buona tenuta dopo lo shock pandemico. La lieve flessione del valore aggiunto agricolo è avvenuta in un contesto caratterizzato dalla crescita della produzione industriale, spinta dall’export  che ha raggiunto il valore record di 52 miliardi di euro (+11%).

Tuttavia, già a fine 2021 erano presenti diversi fattori di rischio per  la piena ripresa economica: il continuo incremento dei prezzi delle materie prime, la persistenza di ostacoli per la normalizzazione delle attività logistiche e di approvvigionamento, la crisi energetica internazionale, il conseguente aumento della pressione inflazionistica.

Inoltre, l’invasione dell’Ucraina da parte della Russia ha accentuato l’instabilità dei mercati finanziari e acuito le tensioni sui prezzi dei prodotti energetici e compromesso le forniture globali di alcune materie prime e mezzi tecnici agricoli.

Alle sanzioni e restrizioni agli scambi commerciali verso la Russia, si sono aggiunte le limitazioni alle esportazioni messe in atto da altri paesi per tutelare la disponibilità interna.

Previsioni

L'OCSE, a marzo 2022, ha stimato un ribasso maggiore dell’1% sulle previsioni di crescita economica globale per l’anno in corso rispetto a quanto ipotizzato prima del conflitto: la crescita del PIL mondiale nel 2022 potrebbe essere inferiore al 3,5%.

Le prospettive per il 2022 sono influenzate dalla crescita dei prezzi dei prodotti alimentari, dalla riduzione del potere d'acquisto delle famiglie per l'aumento delle bollette e dalla nuova incertezza determinata dalla guerra tra Russia e Ucraina.

Nei primi mesi del 2022 i problemi di tipo logistico e di approvvigionamento, tra cui la carenza di semiconduttori e di alcune materie prime metalliche, continueranno a pesare sulla produzione. Inoltre i prezzi dell'energia rimarranno elevati per un periodo più lungo di quello stimato in autunno, esercitando un maggiore effetto frenante sull'economia e un aumento delle pressioni inflazionistiche.

In Europa preoccupano soprattutto il gas, il costo dei carburanti, la scarsità di alcune commodity non agricole, il forte aumento delle quotazioni internazionali dei fertilizzanti e di alcuni cereali.

Le quotazioni del frumento tenero e del mais nella seconda settimana di marzo 2022 hanno raggiunto i valori record pari, rispettivamente, a 398,82 euro/t (+27,8% rispetto la seconda settimana di febbraio) e a 402,38 euro/t (+43,4%).

Import export agroalimentare di Russia e Ucraina

Le importazioni agroalimentari della Russia nel 2020 rappresentavano solo il 2% del flusso mondiale in valore, di cui l’UE-27 fornisce circa il 23%, pari a 5,8 miliardi di euro, principalmente rappresentati da vino e preparazioni alimentari varie.

Le esportazioni agroalimentari della Russia incidono solo per il 2% sul valore dell’export mondiale, di cui l’11% è destinato all’UE-27 (2,7 miliardi di euro, principalmente costituiti da semi di girasole, granchi congelati, olio di colza, frumento tenero).

Da sottolineare la rilevanza della Russia nella produzione ed esportazione di fertilizzanti: primo esportatore a livello globale con 6,9 miliardi di euro nella media 2018 - 20 (13% del totale export mondiale). Oltre il 30% dell’export in valore della Russia è inviato in Brasile e USA; decisamente più polverizzate le esportazioni verso le altre destinazioni.

Ol mercato mondiale del frumento tenero è fortemente influenzato dalla Russia (21% delle esportazioni global e 10% dei raccolti mondiali). Le esportazioni di frumento tenero sono indirizzate in maggior misura verso Egitto, Tunisia, Turchia, alcuni paesi asiatici e alcuni africani.

La Russia è anche il primo produttore mondiale di orzo e il secondo esportatore (principale sbocco commerciale è l’Arabia Saudita).

Le esportazioni di prodotti agroalimentari dell’Ucraina rappresentano l’1,4% di quelle mondiali; circa il 28% viene destinato al mercato dell’UE-27, per un valore di 5,3 miliardi di euro (soprattutto mais, olio di girasole e semi di colza).

L’Ucraina detiene un ruolo rilevante nel mercato mondiale del mais, non in termini produttivi (rappresenta solo il 3% dell’offerta mondiale), ma perché è quarto esportatore mondiale soddisfacendo il 15% delle richieste globali. Le esportazioni sono destinate soprattutto in Cina, Paesi Bassi e Spagna.

Le importazioni di mais dell’Italia dall’Ucraina rappresentavano nel 2020 il 13% dei volumi complessivamente importati (prima del 2020 il peso del mais ucraino arrivava al 20%).

Fonte: Report Agrimercati 1/2022

Analisi di mercato
Trend quote export di Italia, Germania, Francia e Spagna
27 febbraio 2024 Trend quote export di Italia, Germania, Francia e Spagna
Agenzia ICE ha pubblicato un documento che analizza l’evoluzione delle quote di mercato dell’Italia, rispetto ai principali competitor europei, dal 2010 al 2022.
Export italiano dicembre 2023
19 febbraio 2024 Export italiano dicembre 2023
Nel 2023 il valore dell’export italiano è rimasto stazionario rispetto all’anno precedente. L’aumento dei valori medi unitari (+5,3%) è stato pienamente compensato da una riduzione, superiore alle attese dei volumi (-5,1%).
Previsioni export italiano di servizi
19 febbraio 2024 Previsioni export italiano di servizi
Secondo il “Focus on” di SACE, nel 2023 l’export italiano di servizi è cresciuto dell’11,2% a € 135 miliardi; per il 2024 è atteso un incremento del 4,6%.
Turchıa: crescono Aerospazıo e Dıfesa
17 febbraio 2024 Turchıa: crescono Aerospazıo e Dıfesa
Negli ultimi dieci anni, l’industria turca dell’Aerospazio e della Difesa è passata dal semplice approvvigionamento alla progettazione e alla produzione.
Previsioni della Commissione europea inverno 2024
16 febbraio 2024 Previsioni della Commissione europea inverno 2024
Secondo la Commissione europea, l'attività economica è cresciuta solo dello 0,5% nel 2023, sia nell'UE che nella zona euro. Le prospettive per il 2024 sono riviste al ribasso allo 0,9% nell'UE e allo 0,8% nell'area dell'euro.
Ismea: export prodotti lattiero caseari
7 febbraio 2024 Ismea: export prodotti lattiero caseari
Nel periodo gennaio - settembre 2023, le esportazioni di formaggi e latticini italiani sono cresciute del 13,7% in valore e poco meno del 5% in volume, trainate dal mercato tedesco (+10% in volume) e dai freschi (+17% in valore).
Settore calzaturiero: preconsuntivo 2023 e aspettative per il 2024
2 febbraio 2024 Settore calzaturiero: preconsuntivo 2023 e aspettative per il 2024
Area Studi Mediobanca ha pubblicato un report sul settore calzaturiero che, dopo un biennio di crescita a doppia cifra, chiude il 2023 al +2%.
Italia leader nell’industria della pasta
25 gennaio 2024 Italia leader nell’industria della pasta
Secondo un’analisi dell’Area Studi Mediobanca, l’Italia è prima al mondo per produzione di pasta con 3,7 mln di tonnellate (pari al 22,3% del totale).
Bollettino economico Banca d’Italia gennaio 2024
23 gennaio 2024 Bollettino economico Banca d’Italia gennaio 2024
Alla fine del 2023 l’attività economica mondiale si è ulteriormente indebolita. La produzione manifatturiera ha continuato a ristagnare e la dinamica dei servizi ha perso vigore.
Export italiano novembre 2023
16 gennaio 2024 Export italiano novembre 2023
Tra gennaio e novembre 2023, l’export italiano in valore è aumentato dello 0,7% rispetto allo stesso periodo dello scorso anno.