10 agosto 2023

Commercio estero e attività internazionali delle imprese 2023

di lettura

L’Annuario statistico di Istat e ICE fornisce un quadro aggiornato sulla struttura e la dinamica dell’interscambio di merci e servizi e sui flussi di investimenti diretti esteri.

Commercio estero e attività internazionali delle imprese 2023

Nel 2022 il commercio mondiale di beni, misurato in dollari ed espresso a prezzi correnti, registra una crescita dell’11,5% rispetto al 2021. Questo risultato è sintesi di un forte aumento dei valori medi unitari (+9,5%) e di un incremento meno ampio dei volumi scambiati (+2,3%). Anche il valore nominale dell’interscambio mondiale di servizi registra un deciso aumento (+15,3%), mentre si riducono gli investimenti diretti esteri (-12,4%).

L’Italia registra, nel 2022, un forte aumento del valore in euro delle merci esportate (+20,0%) e delle merci importate (+36,4%).

La crescita quasi doppia delle importazioni rispetto alle esportazioni determina un deficit della bilancia commerciale di -30,7 miliardi di euro (nel 2021, il saldo commerciale era +40,3 miliardi). A contribuire al disavanzo commerciale è soprattutto la componente energetica, per effetto del forte rincaro dei valori medi unitari dei prodotti energetici, accentuato dal conflitto in Ucraina. Al netto di tale componente, il saldo commerciale si attesta a +80,6 miliardi nel 2022 (+88,7 miliardi nel 2021).

La quota di mercato dell’Italia sulle esportazioni mondiali di merci (misurata in dollari) registra una lieve flessione (2,65%, da 2,79% nel 2021), in particolare:

  • Altri paesi africani (da 1,56% a 1,20%)
  • Unione Europea (da 4,94% a 4,64%)
  • Paesi europei non Ue (da 5,07% a 4,83%)
  • Asia Centrale (da 1,63% a 1,42%)
  • Oceania e altri territori (da 1,98% a 1,77%).

Al contrario, incrementi della quota si rilevano per Africa Settentrionale (da 6,06% a 6,23%) e America Settentrionale (da 1,89% a 1,97%).

Nel 2022, la quota della Lombardia sulle esportazioni nazionali è del 26%; seguono Emilia-Romagna (13,5%), Veneto (13,1%), Piemonte (9,4%) e Toscana (8,8%).

La crescita in valore dell’export nel 2022 interessa tutte le regioni italiane, a eccezione del Molise (-12,1%). Gli incrementi più marcati riguardano Marche (+82%), Sardegna (+61,8%) e Sicilia (+56%), quelli più contenuti Basilicata (+0,4%) e Abruzzo (+2,1%).

Nel 2022 i flussi con l’estero di servizi registrano aumenti particolarmente ampi (+38,5% per le esportazioni, +35,4% per le importazioni).

Principali mercati di sbocco

La Germania si conferma nel 2022 il principale mercato di sbocco delle vendite di merci italiane con una quota del 12,4% delle esportazioni nazionali.

Stati Uniti e Francia al secondo e terzo posto, con quote pari rispettivamente al 10,4% e al 10%.

Seguono Spagna (5,1%), Svizzera (5,0%) e Regno Unito (4,4%). Tra i principali paesi, i mercati di sbocco più dinamici sono Stati Uniti, con un aumento della quota di circa un punto percentuale, e Turchia.

Tra i prodotti manifatturieri in cui l’Italia detiene nel 2022 le maggiori quote sulle esportazioni mondiali di merci si segnalano:

  • materiali da costruzione in terracotta (22,89%)
  • cuoio conciato e lavorato, articoli da viaggio, borse, pelletteria e selleria, pellicce preparate e tinte (13,18%)
  • prodotti da forno e farinacei (13,12%)
  • pietre tagliate, modellate e finite (12,04%)
  • prodotti vegetali di bosco non legnosi (10,38%)
  • tubi, condotti, profilati cavi e relativi accessori in acciaio (10,08%)
  • articoli in pelle, escluso abbigliamento, e simili (9,7%)
  • navi e imbarcazioni (9,43%).

Nel 2022, dopo il deciso rimbalzo registrato l’anno precedente, gli investimenti italiani all’estero scendono a 8,5 miliardi. Quelli esteri in Italia, invece, salgono a 29,2 miliardi, dai 16,1 miliardi del 2021.

Operatori del commercio estero

Nel 2022, 137.664 operatori economici hanno effettuato vendite di beni all’estero (137.220 nel 2021).

Le grandi imprese esportatrici (2.035 unità con almeno 250 addetti) hanno realizzato il 49,6% delle esportazioni italiane (48,8% nel 2020), le medie imprese (50-249 addetti) il 30,3% (31,3% nel 2021) e le piccole (meno di 50 addetti) il 20,1% (19,9% nel 2020).

I micro esportatori con fatturato all’esportazione molto limitato (fino a 75mila euro) sono 75.151 e contribuiscono al valore complessivo delle esportazioni per lo 0,2%. D’altra parte, 5.652 operatori appartengono alle classi di fatturato esportato superiori a 15 milioni di euro e realizzano il 74,3% delle vendite complessive sui mercati esteri.

Rispetto al 2021, l’export degli operatori appartenenti alla classe di fatturato estero inferiore a 50 milioni di euro cresce in valore dell’8,3%. Aumentano in particolare le vendite all’estero degli operatori appartenenti alla classe di fatturato estero compresa tra 5 e 50 milioni di euro (+10,8%).

Considerando gli operatori secondo i mercati di sbocco:

  • il 46,4% esporta merci verso un unico mercato
  • il 17,5% opera in oltre 10 mercati.

La presenza degli operatori nelle principali aree di scambio è diffusa: 47.723 in America settentrionale, 39.822 in Asia orientale, 33.022 in Medio Oriente, 31.694 nell’area Ue, 25.226 in America centro-meridionale, 21.220 in Africa settentrionale, 19.773 negli Altri paesi africani, 18.614 in Oceania e altri territori e 16.983 in Asia centrale.

I primi cinque paesi per numero di presenze di operatori commerciali italiani sono Svizzera (circa 52mila), Stati Uniti (oltre 43mila), Regno Unito (circa 36mila), Francia (circa 30mila) e Germania (oltre 29mila). Un numero elevato di operatori è presente anche in Spagna (circa 26mila), Polonia (oltre 21mila) e Paesi Bassi (oltre 20mila).

Con 38.761 presenze all’estero, il settore dei macchinari e apparecchi n.c.a. (non codificati altrove) è quello con il numero più elevato di operatori all’export nel 2022.

Seguono i settori articoli in gomma e materie plastiche, altri prodotti della lavorazione di minerali non metalliferi con 29.903 presenze; metalli di base e prodotti in metallo, esclusi macchine e impianti, con 28.943 presenze; prodotti tessili, abbigliamento, pelli e accessori con 28.745.

Le regioni con il maggior numero di operatori all’export sono Lombardia (oltre 58mila), Veneto (circa 25mila), Emilia-Romagna (oltre 19mila), Toscana (oltre 18mila) e Piemonte (oltre 16mila).

Fonte: Istat

Analisi di mercato
Buone prospettive per l’export di vino italiano
15 aprile 2024 Buone prospettive per l’export di vino italiano
Nel 2023 le esportazioni enologiche italiane, che rappresentano più del 20% dell’export totale del settore alimentari e bevande, hanno raggiunto € 7,8 miliardi (in leggera flessione rispetto al 2022).
Proiezioni per l’economia italiana 2024 – 2026
11 aprile 2024 Proiezioni per l’economia italiana 2024 – 2026
Secondo le proiezioni macroeconomiche elaborate dalla Banca d’Italia, il PIL nazionale aumenterebbe dello 0,6% nel 2024, dell’1% nel 2025 e dell’1,2% nel 2026.
Bilancia agroalimentare italiana 2023
8 aprile 2024 Bilancia agroalimentare italiana 2023
Nel 2023 le esportazioni italiane di prodotti agroalimentari hanno registrato una crescita del 5,7% rispetto al 2022, raggiungendo i 64 miliardi di euro (prodotti trasformati 55,3 miliardi, prodotti agricoli 8,8 miliardi).
Istat: Rapporto sulla competitività dei settori produttivi 2024
2 aprile 2024 Istat: Rapporto sulla competitività dei settori produttivi 2024
Il XII Rapporto sulla competitività dei settori produttivi analizza gli shock che dal 2020 hanno colpito l’economia italiana e valuta le conseguenze sulla performance del sistema e sui comportamenti d’impresa.
Export prodotti cosmetici nel 2023
25 marzo 2024 Export prodotti cosmetici nel 2023
Centro Studi di Cosmetica Italia ha presentato al Cosmoprof Worldwide Bologna 2024 i dati congiunturali e l’andamento dell'export del settore cosmetico nazionale.
Geografia produttiva delle rinnovabili in Italia 2024
21 marzo 2024 Geografia produttiva delle rinnovabili in Italia 2024
Fondazione Symbola racconta il futuro delle energie rinnovabili da qui al 2030 e aggiorna la geografia delle imprese attive nelle filiere del fotovoltaico, eolico, idroelettrico, geotermico e bioenergie.
Export italiano gennaio 2024
20 marzo 2024 Export italiano gennaio 2024
A gennaio il valore dell’export italiano è rimasto pressoché stabile su base annua (-0,2%). L’incremento dei valori medi unitari (+1,7%) è stato compensato da una simile riduzione del dato in volume (-1,8%).
Where to Export Map 2024
15 marzo 2024 Where to Export Map 2024
SACE ha pubblicato un aggiornamento, dedicato alle imprese che guardano alle opportunità provenienti dai mercati esteri, che analizza come si sta muovendo la domanda mondiale.
Mercato globale dei beni di lusso 2024
14 marzo 2024 Mercato globale dei beni di lusso 2024
Secondo il report di RetailX “Global Luxury” nel 2023 il mercato mondiale dei beni di lusso ha raggiunto i 354,81 miliardi di dollari (erano 312,63 nel 2022).
Esportazioni delle regioni italiane 2023
12 marzo 2024 Esportazioni delle regioni italiane 2023
Nel 2023, rispetto all’anno precedente, l’export nazionale in valore risulta stazionario e riflette dinamiche territoriali molto differenziate.