29 giugno 2023

Le imprese coesive esportano di più

di lettura

La crisi ambientale, economica e sanitaria, le conseguenze dell’invasione Russa in Ucraina, l’aumento dei prezzi dell’energia e delle materie prime, hanno dimostrato la necessità di risposte collettive.

Image

Le “reti di scopo” mettono insieme soggetti differenti e generano un tessuto di relazioni che abilita lo scambio virtuoso di conoscenze, buone pratiche e valori condivisi.

L’impresa coesiva è un’impresa che mette al centro del proprio modello di business le relazioni, riconoscendo il valore dell’interdipendenza con tutti i soggetti coinvolti (solo insieme agli altri è possibile rendere circolari le proprie filiere, adattarsi ai cambiamenti, innovare e competere).

La coesione nelle imprese migliora il radicamento nei territori, accresce il senso di appartenenza e soddisfazione dei dipendenti, migliora il dialogo con i clienti, rafforza le relazioni di filiera e distrettuali, generando effetti positivi sulla competitività. Queste le conclusioni del Report recentemente pubblicato da Fondazione Symbola, Unioncamere e Intesa Sanpaolo in collaborazione con AICCON, IPSOS e Centro Studi delle Camere di commercio Guglielmo Tagliacarne.

Vantaggi dei modelli di business fondati sulle relazioni

Oggi la coesione per le imprese non è solo una tendenza etica, ma un ingrediente fondamentale per essere più competitive. Le imprese coesive:

  • collaborano con università, artisti, designer per accelerare l’innovazione o scoprire nuove applicazioni di materiali e prodotti
  • rafforzano le proprie comunità insieme al terzo settore e coinvolgono la società civile in progetti sociali o ambientali
  • approfondiscono il dialogo e l’ascolto con i propri clienti per intercettare tendenze e bisogni della comunità che diventa testimonial e portavoce dei valori dell’azienda
  • riorganizzano e rafforzano la propria filiera, migliorando le proprie performance e quelle dei fornitori
  • aumentano il valore dell’azienda coinvolgendo i lavoratori negli obiettivi di business
  • collaborano con le istituzioni per potenziare i servizi locali, co-investendo insieme in progettualità di interesse per la comunità
  • si alleano con altre imprese, che siano della filiera o addirittura competitor, per dare vita a ecosistemi di qualità, sostenibili e più resilienti, oppure per scambiare materie prime e conoscenze aumentando insieme il fatturato.

Secondo il report cresce in Italia il numero di imprese coesive: la quota 2022 è pari al 43%, superiore a quella del 2020 (37%, anno condizionato dalla pandemia) e a quella del 2018 (32%).

I territori con un maggior grado di coesione si concentrano principalmente nel Nord Italia: le due province del Trentino-Alto Adige, Bolzano e Trento; Aosta; Pordenone, Udine e Gorizia del Friuli-Venezia Giulia; Verona, Rovigo, Treviso e Padova del Veneto; Modena, Rimini e Ravenna dell’Emilia-Romagna; Bergamo, Sondrio, Cremona, Brescia, Monza e Milano della Lombardia; Cuneo, Asti, Biella e Vercelli del Piemonte. Nel Mezzogiorno spiccano invece le province di Oristano in Sardegna, Campobasso in Molise, Bari in Puglia e Salerno in Campania.

Fatturato, occupazione e esportazioni

Le imprese coesive hanno la capacità di ottenere risultati migliori rispetto alle altre imprese:

  • il 55,3% delle imprese coesive stima per quest’anno aumenti di fatturato rispetto al 2022 (contro il 42,3% delle altre imprese)
  • il 34,1% prevede di incrementare l’occupazione nel 2023 (rispetto al 24,8% delle altre imprese)
  • il 42,7% incrementerà le esportazioni (contro il 32,5% delle altre imprese); inoltre il 22% delle imprese coesive ha dichiarato un aumento delle quote di export nel biennio 2021-2022 (vs il 14% delle non coesive).

Il 26% delle imprese coesive punterà nei prossimi tre anni ad aumentare la quota di fornitori locali e/o nazionali rispetto a quelli esteri per migliorare la qualità dei prodotti, per contenere i prezzi di acquisto ed evitare problemi di approvvigionamento legati a tensioni sanitarie, ambientali e geopolitiche.

Transizione green e digitalizzazione

Si conferma la propensione al green delle imprese coesive: quasi due su tre hanno investito/investiranno in sostenibilità ambientale (62,1%) per le altre imprese il valore è 33,2%. Il 16,9% ha messo in atto attività di rendicontazione di sostenibilità (bilancio sociale, rating ESG, ecc.) rispetto all’8,8% delle altre imprese.

Le imprese coesive sono consapevoli che i propri clienti sono interessati a comprendere l’effettiva qualità della proposta, non solo legata al prodotto, ma anche al comportamento complessivo dell’impresa rispetto ad ambiente, società, salute, territorio e comunità. Inoltre i consumatori oggi sono disposti a spendere di più per brand in cui credono e per prodotti che lo meritano.

È fondamentale che le aziende si impegnino maggiormente non solo nella promozione dei propri prodotti e servizi, ma anche nella divulgazione delle motivazioni che guidano le loro azioni dato che i cittadini dimostrano sensibilità per il tema e riconoscono il valore dell’elemento coesivo.

Anche dal punto di vista della transizione digitale, le imprese coesive nel 46,9% dei casi hanno adottato o stanno adottando tecnologie digitali nel periodo 2022-2024 (la quota è del 24,4% nelle altre imprese) e in tre casi su quattro hanno introdotto o stanno introducendo innovazioni (nelle altre imprese non si arriva alla metà del totale).

Fonte: Unioncamere (ISBN 978-88-99265-93-9)

Analisi di mercato
Trend quote export di Italia, Germania, Francia e Spagna
27 febbraio 2024 Trend quote export di Italia, Germania, Francia e Spagna
Agenzia ICE ha pubblicato un documento che analizza l’evoluzione delle quote di mercato dell’Italia, rispetto ai principali competitor europei, dal 2010 al 2022.
Export italiano dicembre 2023
19 febbraio 2024 Export italiano dicembre 2023
Nel 2023 il valore dell’export italiano è rimasto stazionario rispetto all’anno precedente. L’aumento dei valori medi unitari (+5,3%) è stato pienamente compensato da una riduzione, superiore alle attese dei volumi (-5,1%).
Previsioni export italiano di servizi
19 febbraio 2024 Previsioni export italiano di servizi
Secondo il “Focus on” di SACE, nel 2023 l’export italiano di servizi è cresciuto dell’11,2% a € 135 miliardi; per il 2024 è atteso un incremento del 4,6%.
Turchıa: crescono Aerospazıo e Dıfesa
17 febbraio 2024 Turchıa: crescono Aerospazıo e Dıfesa
Negli ultimi dieci anni, l’industria turca dell’Aerospazio e della Difesa è passata dal semplice approvvigionamento alla progettazione e alla produzione.
Previsioni della Commissione europea inverno 2024
16 febbraio 2024 Previsioni della Commissione europea inverno 2024
Secondo la Commissione europea, l'attività economica è cresciuta solo dello 0,5% nel 2023, sia nell'UE che nella zona euro. Le prospettive per il 2024 sono riviste al ribasso allo 0,9% nell'UE e allo 0,8% nell'area dell'euro.
Ismea: export prodotti lattiero caseari
7 febbraio 2024 Ismea: export prodotti lattiero caseari
Nel periodo gennaio - settembre 2023, le esportazioni di formaggi e latticini italiani sono cresciute del 13,7% in valore e poco meno del 5% in volume, trainate dal mercato tedesco (+10% in volume) e dai freschi (+17% in valore).
Settore calzaturiero: preconsuntivo 2023 e aspettative per il 2024
2 febbraio 2024 Settore calzaturiero: preconsuntivo 2023 e aspettative per il 2024
Area Studi Mediobanca ha pubblicato un report sul settore calzaturiero che, dopo un biennio di crescita a doppia cifra, chiude il 2023 al +2%.
Italia leader nell’industria della pasta
25 gennaio 2024 Italia leader nell’industria della pasta
Secondo un’analisi dell’Area Studi Mediobanca, l’Italia è prima al mondo per produzione di pasta con 3,7 mln di tonnellate (pari al 22,3% del totale).
Bollettino economico Banca d’Italia gennaio 2024
23 gennaio 2024 Bollettino economico Banca d’Italia gennaio 2024
Alla fine del 2023 l’attività economica mondiale si è ulteriormente indebolita. La produzione manifatturiera ha continuato a ristagnare e la dinamica dei servizi ha perso vigore.
Export italiano novembre 2023
16 gennaio 2024 Export italiano novembre 2023
Tra gennaio e novembre 2023, l’export italiano in valore è aumentato dello 0,7% rispetto allo stesso periodo dello scorso anno.