7 luglio 2016

Casa e Arredo: i mercati trainanti e frenanti la domanda mondiale nel primo trimestre 2016

di lettura

Secondo il Sistema Informativo Ulisse, nel primo trimestre 2016 la domanda mondiale di Casa e Arredo – misurata in termini di importazioni del campione di paesi Ulisse – ha registrato una crescita nei valori in euro del +5.4% rispetto al primo trimestre 2015 (+10,7 miliardi di euro).

Image

Variazione importazioni Gen-Mar 2016 vs Gen-Mar 2015 (milioni di euro)

CASA E ARREDO: top 10 mercati mondiali per incrementi tendenziali import Gennaio- Settembre 2015 (fonte: Sistema Informativo Ulisse) 

In un simile contesto, gli Stati Uniti sono risultati di gran lunga il principale mercato trainante, con un incremento delle importazioni di Casa e Arredo nel periodo gennaio-marzo 2016 di +5.3 miliardi di euro rispetto al corrispondente periodo 2015 (pari ad un aumento tendenziale del +13.2% in euro). 

Alle loro spalle si posizionano i mercati di Germania (+863.6 milioni di euro tendenziali nelle importazioni di Casa e Arredo, pari ad un aumento del +5.2% in euro) e Francia (+555.8 milioni di euro, pari ad un aumento del +5.5%).

Altri mercati europei presenti nella graduatoria dei top mercati trainanti la domanda mondiale di Casa e Arredo si trovano la Repubblica Ceca (+352 milioni di euro, pari al +15.4%, nei primi tre mesi del 2016 rispetto al corrispondente periodo 2015) e Russia (+249.1 milioni di euro, pari al +8.7%), rispettivamente in 6a e 10a posizione.
 

Per quanto riguarda l’area asiatica, si segnalano le performance positive nei valori tendenziali delle importazioni settoriali di Cina (+489.9 milioni di euro, pari ad un incremento del +5.4%, rispetto al primo trimestre 2015). Corea del Sud (+279.2 milioni di euro, pari al +6.4%) e Filippine (+254.1 milioni di euro, pari ad un aumento del +43.8%), rispettivamente al 4°, 8 °e al 9 ° posto per incrementi tendenziali nel primo trimestre 2016. 

Variazione importazioni Gen-Mar 2016 vs Gen-Mar 2015 (milioni di euro)


CASA E ARREDO: worst 10 mercati mondiali per cali tendenziali import Gennaio- Marzo 2016 (fonte: Sistema Informativo Ulisse)

Di converso, il principale mercato frenante la domanda mondiale nel primo trimestre 2016 è risultato il Brasile (-645.3 milioni di euro nelle importazioni di Casa e Arredo, pari ad un calo tendenziale del -36.6%). Al secondo posto, si segnala come mercato in fase di calo tendenziale quello canadese (-333.3 milioni di euro nelle importazioni di Casa e Arredo nel periodo gennaio-marzo 2016 rispetto al corrispondente periodo 2015, pari al -4.5%).

A seguire, rispettivamente al 3°, 4° e 5° posto della classifica dei mercati che hanno offerto i contributi più negativi alla domanda mondiale di Casa e Arredo nel primo trimestre 2016 rispetto al medesimo periodo del 2015, si posizionano Turchia, che registra una diminuzione di -284.4 milioni di euro rispetto al corrispondente periodo 2015, pari al -11%, Giappone (-259.3 milioni di euro, pari ad un calo del -2.7%) e Norvegia (-181.8 milioni di euro, pari al-9.2%).

Fonte: Sistema Informativo Ulisse

Analisi di mercato
Export italiano dicembre 2023
19 febbraio 2024 Export italiano dicembre 2023
Nel 2023 il valore dell’export italiano è rimasto stazionario rispetto all’anno precedente. L’aumento dei valori medi unitari (+5,3%) è stato pienamente compensato da una riduzione, superiore alle attese dei volumi (-5,1%).
Previsioni export italiano di servizi
19 febbraio 2024 Previsioni export italiano di servizi
Secondo il “Focus on” di SACE, nel 2023 l’export italiano di servizi è cresciuto dell’11,2% a € 135 miliardi; per il 2024 è atteso un incremento del 4,6%.
Turchıa: crescono Aerospazıo e Dıfesa
17 febbraio 2024 Turchıa: crescono Aerospazıo e Dıfesa
Negli ultimi dieci anni, l’industria turca dell’Aerospazio e della Difesa è passata dal semplice approvvigionamento alla progettazione e alla produzione.
Previsioni della Commissione europea inverno 2024
16 febbraio 2024 Previsioni della Commissione europea inverno 2024
Secondo la Commissione europea, l'attività economica è cresciuta solo dello 0,5% nel 2023, sia nell'UE che nella zona euro. Le prospettive per il 2024 sono riviste al ribasso allo 0,9% nell'UE e allo 0,8% nell'area dell'euro.
Ismea: export prodotti lattiero caseari
7 febbraio 2024 Ismea: export prodotti lattiero caseari
Nel periodo gennaio - settembre 2023, le esportazioni di formaggi e latticini italiani sono cresciute del 13,7% in valore e poco meno del 5% in volume, trainate dal mercato tedesco (+10% in volume) e dai freschi (+17% in valore).
Settore calzaturiero: preconsuntivo 2023 e aspettative per il 2024
2 febbraio 2024 Settore calzaturiero: preconsuntivo 2023 e aspettative per il 2024
Area Studi Mediobanca ha pubblicato un report sul settore calzaturiero che, dopo un biennio di crescita a doppia cifra, chiude il 2023 al +2%.
Italia leader nell’industria della pasta
25 gennaio 2024 Italia leader nell’industria della pasta
Secondo un’analisi dell’Area Studi Mediobanca, l’Italia è prima al mondo per produzione di pasta con 3,7 mln di tonnellate (pari al 22,3% del totale).
Bollettino economico Banca d’Italia gennaio 2024
23 gennaio 2024 Bollettino economico Banca d’Italia gennaio 2024
Alla fine del 2023 l’attività economica mondiale si è ulteriormente indebolita. La produzione manifatturiera ha continuato a ristagnare e la dinamica dei servizi ha perso vigore.
Export italiano novembre 2023
16 gennaio 2024 Export italiano novembre 2023
Tra gennaio e novembre 2023, l’export italiano in valore è aumentato dello 0,7% rispetto allo stesso periodo dello scorso anno.
Ismea: export vino primi 9 mesi 2023
15 gennaio 2024 Ismea: export vino primi 9 mesi 2023
Il 2023 del vino è stato caratterizzato da produzione in forte contrazione e riduzione degli scambi internazionali, sia in volume che in valore.