14 novembre 2022

Brief Cdp: il sistema energetico italiano

di lettura

La tenuta del sistema energetico italiano è minacciata dalla tenuta dei bilanci di imprese energetiche e utenti finali e dal rischio relativo allo svuotamento degli stoccaggi.

Image

A partire dalla seconda metà del 2021, il prezzo del gas naturale in Europa è aumentato progressivamente per tre fattori principali:

  • l’andamento congiunturale legato alla ripresa internazionale delle attività economiche, con conseguente rimbalzo della domanda mondiale
  • l’accelerazione nel processo di sostituzione del carbone come vettore energetico dell’economia cinese, con conseguente aumento della richiesta di gas naturale liquefatto
  • le crescenti tensioni geo-politiche generate dal conflitto Russia - Ucraina.

Ad agosto 2022, sotto la spinta di una crescita anomala della domanda di gas per riempire gli stoccaggi in vista dell’inverno, ha toccato i 239 $ per MWh contro una media del primo semestre del 2022 di circa 109,7$, a sua volta il doppio rispetto al livello medio del 2021 (54,9$) e dieci volte quello del 2019 (11,1$). Da settembre, con il progressivo raggiungimento del target europeo del 90% di riempimento degli stoccaggi, il prezzo del gas è iniziato a calare velocemente, rimanendo però sui valori record.

Se l’Europa è il continente più esposto agli aumenti del prezzo del gas naturale, molto eterogenea è la situazione delle singole economie nazionali. L’Italia è il Paese europeo più vulnerabile ai rincari energetici: è maggiore l’incidenza del gas importato sia come fonte di produzione di energia elettrica (il 45%, contro una media UE del 18%), sia come voce di consumo diretto da parte di imprese e famiglie (il 29%, a fronte del 16% europeo).

Decisamente migliore la situazione di Germania, Francia e Spagna (tra gli altri), soprattutto per effetto di una dipendenza dal gas nella generazione di energia elettrica significativamente più contenuta. Nel caso tedesco, ciò è possibile grazie a un massiccio ricorso al carbone oltre che alle fonti rinnovabili, nei casi francese e spagnolo soprattutto grazie al nucleare.

Criticità per il sistema energetico italiano

Per le imprese italiane l’incidenza dei costi energetici sul totale dei costi di produzione è stimata raddoppiare nel 2022 rispetto alla media pre-pandemica (da poco meno del 5% al 10%), con picchi nei settori più energivori, come metallurgia, chimica, minerali non metalliferi, vetro, carta, ma anche per alloggi e ristorazione.

Sono due le principali criticità che minacciano la tenuta del sistema energetico italiano in vista dell’inverno.

  • La prima riguarda la capacità dei bilanci degli operatori energetici e degli utenti finali (famiglie e imprese non energetiche) di assorbire i rincari di gas e elettricità.
  • La seconda riguarda il rischio di svuotamento degli stoccaggi di gas naturale, a fronte dell’elevato costo di riempimento degli stessi, anche in vista del prossimo anno.

Gli stoccaggi costituiscono infrastrutture nevralgiche per garantire la copertura dei picchi di consumo e per affrontare interruzioni negli approvvigionamenti di gas dall’estero.  L’Europa si è dotata di un nuovo regolamento che impone agli Stati Membri il riempimento degli stoccaggi all’80% entro novembre per l’anno in corso e al 90% negli anni successivi .

In Italia, sono attualmente presenti 15 siti di stoccaggio, gestiti in regime di concessione da operatori privati, per una capacità complessiva di circa 18 miliardi di metri cubi, che fanno dell’Italia il secondo paese europeo per capacità di stoccaggio (18% del totale UE) dopo la Germania. La strategia messa in atto dal Governo Draghi ha consentito di raggiungere un elevato grado di riempimento superando l’obiettivo del 90%.

A inizio settembre è stato inoltre pubblicato il Piano Nazionale per il contenimento di consumi di gas naturale, che prevede una riduzione volontaria dei consumi tra agosto 2022 e marzo 2023 fino al 15% rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente (oltre miliardi di metri cubi in meno). Il Piano è cruciale per evitare un eccessivo svuotamento degli stoccaggi nazionali in caso di azzeramento delle forniture dalla Russia.

L’elevato tasso di riempimento degli stoccaggi e la riduzione volontaria dei consumi permetterebbero all’Italia di far fronte al blocco totale del gas russo nell’immediato futuro. Rimangono tuttavia due punti di attenzione:

  • la possibilità che l’inverno si riveli più rigido e lungo del previsto, rendendo necessari ulteriori tagli ai consumi
  • la necessità di provvedere al riempimento degli stoccaggi al termine della stagione invernale, in un contesto in cui i prezzi del gas potrebbero rimanere soggetti a elevata volatilità, rendendo l’accumulo di riserve per  l’inverno 2023-2024 ancora più critico.

È attualmente in discussione una nuova proposta di regolamento europeo che prevede, per un periodo limitato di tempo, l’obbligo di acquisti congiunti di gas, per un valore almeno pari al 15% degli stoccaggi. La proposta include anche la possibilità di imporre un limite temporaneo alla volatilità di breve periodo dell’indice della borsa europea del gas, così da ridurne l’impatto sui contratti di fornitura indicizzati.

Il documento è stato coordinato da Andrea Montanino e Simona Camerano e predisposto da: Alberto Carriero, Livio Romano, Benedetta Scotti e Sofia Torreggiani con le informazioni disponibili al 26 ottobre 2022.

Fonte: Cdp - Brief “Il sistema energetico italiano alla prova dell’inverno

Analisi di mercato
Export italiano dicembre 2023
19 febbraio 2024 Export italiano dicembre 2023
Nel 2023 il valore dell’export italiano è rimasto stazionario rispetto all’anno precedente. L’aumento dei valori medi unitari (+5,3%) è stato pienamente compensato da una riduzione, superiore alle attese dei volumi (-5,1%).
Previsioni export italiano di servizi
19 febbraio 2024 Previsioni export italiano di servizi
Secondo il “Focus on” di SACE, nel 2023 l’export italiano di servizi è cresciuto dell’11,2% a € 135 miliardi; per il 2024 è atteso un incremento del 4,6%.
Turchıa: crescono Aerospazıo e Dıfesa
17 febbraio 2024 Turchıa: crescono Aerospazıo e Dıfesa
Negli ultimi dieci anni, l’industria turca dell’Aerospazio e della Difesa è passata dal semplice approvvigionamento alla progettazione e alla produzione.
Previsioni della Commissione europea inverno 2024
16 febbraio 2024 Previsioni della Commissione europea inverno 2024
Secondo la Commissione europea, l'attività economica è cresciuta solo dello 0,5% nel 2023, sia nell'UE che nella zona euro. Le prospettive per il 2024 sono riviste al ribasso allo 0,9% nell'UE e allo 0,8% nell'area dell'euro.
Ismea: export prodotti lattiero caseari
7 febbraio 2024 Ismea: export prodotti lattiero caseari
Nel periodo gennaio - settembre 2023, le esportazioni di formaggi e latticini italiani sono cresciute del 13,7% in valore e poco meno del 5% in volume, trainate dal mercato tedesco (+10% in volume) e dai freschi (+17% in valore).
Settore calzaturiero: preconsuntivo 2023 e aspettative per il 2024
2 febbraio 2024 Settore calzaturiero: preconsuntivo 2023 e aspettative per il 2024
Area Studi Mediobanca ha pubblicato un report sul settore calzaturiero che, dopo un biennio di crescita a doppia cifra, chiude il 2023 al +2%.
Italia leader nell’industria della pasta
25 gennaio 2024 Italia leader nell’industria della pasta
Secondo un’analisi dell’Area Studi Mediobanca, l’Italia è prima al mondo per produzione di pasta con 3,7 mln di tonnellate (pari al 22,3% del totale).
Bollettino economico Banca d’Italia gennaio 2024
23 gennaio 2024 Bollettino economico Banca d’Italia gennaio 2024
Alla fine del 2023 l’attività economica mondiale si è ulteriormente indebolita. La produzione manifatturiera ha continuato a ristagnare e la dinamica dei servizi ha perso vigore.
Export italiano novembre 2023
16 gennaio 2024 Export italiano novembre 2023
Tra gennaio e novembre 2023, l’export italiano in valore è aumentato dello 0,7% rispetto allo stesso periodo dello scorso anno.
Ismea: export vino primi 9 mesi 2023
15 gennaio 2024 Ismea: export vino primi 9 mesi 2023
Il 2023 del vino è stato caratterizzato da produzione in forte contrazione e riduzione degli scambi internazionali, sia in volume che in valore.