17 marzo 2023

Bio Made in Italy in Giappone

di lettura

Nomisma ha condotto un’analisi sulle opportunità commerciali dei prodotti biologici italiani nel mercato giapponese.

Image

Le vendite di bio in Giappone valgono 2 miliardi di euro, ma l’incidenza complessiva del bio sul totale del carrello alimentare è ancora marginale. Il trend è molto positivo, come confermato anche dal panel di imprese alimentari e vitivinicole italiane intervistate da Nomisma.

Nei prossimi anni in Giappone la superficie coltivata secondo il metodo biologico - grazie al piano di sviluppo del Ministero dell’agricoltura giapponese “Organic Village” - arriverà al 25% dei terreni coltivati entro il 2050.

Il mercato degli alimenti «naturali» – healthy, naturali, sostenibili e vegetariani/vegani – è stimato oggi in circa 6 miliardi euro, suggerendo l’enorme potenziale di crescita del mercato biologico.

Pasta, olio extra-vergine, formaggi e vino sono i prodotti italiani a marchio bio più acquistati dai consumatori giapponesi.

L’interesse per il bio è però ancora molto concentrato sulla fascia medio-alta della popolazione: famiglie abbienti con figli piccoli residenti prevalentemente nella regione di Tokyo, fortemente interessate ai prodotti di importazione.

Ma il graduale cambiamento delle famiglie giapponesi verso uno stile di vita più sano pare irreversibile, anche grazie ai programmi educativi introdotti nelle scuole per promuovere lo sviluppo sostenibile.

Nel consumo domestico vi sono due leve che guidano le scelte del consumatore giapponese: l’origine nazionale del prodotto e il prezzo. Solo l’8% sceglie come primo criterio di scelta per la spesa alimentare il marchio biologico: i consumatori hanno una forte sensibilità al prezzo e, al tempo stesso, forti difficoltà a riconoscere i reali valori sottostanti alle produzioni biologiche.

Oltre 1 consumatore su 3 dichiara di non aver informazioni sufficienti sulle caratteristiche e i valori degli alimenti biologici (quota che supera il 70% per i non user di bio). Più di 1 consumatore su 2 vorrebbe avere informazioni più dettagliate sul contributo alla sostenibilità (ambientale, sociale ed economica), sui benefici salutistici e sulla distintività del biologico rispetto al convenzionale.

A differenza di quanto accade in altri mercati, i consumatori giapponesi non scelgono il biologico per motivi legati alla sostenibilità ambientale di questo metodo produttivo, quanto piuttosto per la sicurezza e la qualità del bio (il 64% afferma di scegliere prodotti biologici perché più sicuri per la salute)

Nel percepito dei consumatori giapponesi, l’Italia si posiziona al terzo posto, dopo Francia e Australia, tra i Paesi che producono i prodotti bio di maggiore qualità. Il 13% dei consumatori si dice interessato all’acquisto di un prodotto alimentare italiano a marchio bio. 

La survey sui consumatori giapponesi è stata presentata in occasione del forum ITA.BIO, la piattaforma online di dati e informazioni per l’internazionalizzazione del biologico Made in Italy curata da Nomisma e promossa da ICE Agenzia e FederBio.

Come promuovere il bio

  • Sfruttare la ristorazione fuori casa, da sempre ambito di forte sperimentazione per il consumatore
  • Offrire la possibilità di conoscere i prodotti tramite assaggi e materiali nei punti vendita
  • Usare packaging riciclabile, di alta qualità sia nella grafica che nella precisione del confezionamento.

Fonte: Nomisma

Analisi di mercato
Trend quote export di Italia, Germania, Francia e Spagna
27 febbraio 2024 Trend quote export di Italia, Germania, Francia e Spagna
Agenzia ICE ha pubblicato un documento che analizza l’evoluzione delle quote di mercato dell’Italia, rispetto ai principali competitor europei, dal 2010 al 2022.
Export italiano dicembre 2023
19 febbraio 2024 Export italiano dicembre 2023
Nel 2023 il valore dell’export italiano è rimasto stazionario rispetto all’anno precedente. L’aumento dei valori medi unitari (+5,3%) è stato pienamente compensato da una riduzione, superiore alle attese dei volumi (-5,1%).
Previsioni export italiano di servizi
19 febbraio 2024 Previsioni export italiano di servizi
Secondo il “Focus on” di SACE, nel 2023 l’export italiano di servizi è cresciuto dell’11,2% a € 135 miliardi; per il 2024 è atteso un incremento del 4,6%.
Turchıa: crescono Aerospazıo e Dıfesa
17 febbraio 2024 Turchıa: crescono Aerospazıo e Dıfesa
Negli ultimi dieci anni, l’industria turca dell’Aerospazio e della Difesa è passata dal semplice approvvigionamento alla progettazione e alla produzione.
Previsioni della Commissione europea inverno 2024
16 febbraio 2024 Previsioni della Commissione europea inverno 2024
Secondo la Commissione europea, l'attività economica è cresciuta solo dello 0,5% nel 2023, sia nell'UE che nella zona euro. Le prospettive per il 2024 sono riviste al ribasso allo 0,9% nell'UE e allo 0,8% nell'area dell'euro.
Ismea: export prodotti lattiero caseari
7 febbraio 2024 Ismea: export prodotti lattiero caseari
Nel periodo gennaio - settembre 2023, le esportazioni di formaggi e latticini italiani sono cresciute del 13,7% in valore e poco meno del 5% in volume, trainate dal mercato tedesco (+10% in volume) e dai freschi (+17% in valore).
Settore calzaturiero: preconsuntivo 2023 e aspettative per il 2024
2 febbraio 2024 Settore calzaturiero: preconsuntivo 2023 e aspettative per il 2024
Area Studi Mediobanca ha pubblicato un report sul settore calzaturiero che, dopo un biennio di crescita a doppia cifra, chiude il 2023 al +2%.
Italia leader nell’industria della pasta
25 gennaio 2024 Italia leader nell’industria della pasta
Secondo un’analisi dell’Area Studi Mediobanca, l’Italia è prima al mondo per produzione di pasta con 3,7 mln di tonnellate (pari al 22,3% del totale).
Bollettino economico Banca d’Italia gennaio 2024
23 gennaio 2024 Bollettino economico Banca d’Italia gennaio 2024
Alla fine del 2023 l’attività economica mondiale si è ulteriormente indebolita. La produzione manifatturiera ha continuato a ristagnare e la dinamica dei servizi ha perso vigore.
Export italiano novembre 2023
16 gennaio 2024 Export italiano novembre 2023
Tra gennaio e novembre 2023, l’export italiano in valore è aumentato dello 0,7% rispetto allo stesso periodo dello scorso anno.