17 luglio 2023

Altagamma Consumer & Retail Insight 2023

di lettura

Il 40% dei consumatori più alto-spendenti (circa 20 milioni, su un totale di 370 milioni) si aspetta di spendere di più in beni di lusso il prossimo anno.

Image

Le previsioni sono ottime per Cina (+50% rispetto alla media di propensione all’acquisto True-Luxury) e Stati Uniti (+40%), ma non per l’Europa (-40%).

Dopo che i beni di lusso personali sono tornati ai livelli pre-pandemici, anche il lusso esperienziale (previsto contare nel 2023 per il 57% del valore totale del mercato) si sta riprendendo.

True-Luxury Global Consumer Insight

L’indagine Altagamma, condotta da Boston Consulting Group, quest’anno ha analizzato alcuni elementi che alimentano l'insoddisfazione dei clienti True-Luxury verso l’esperienza digitale. Infatti, mentre il livello di soddisfazione nel canale fisico è nel lusso il doppio rispetto a quello del mass market, le esperienze di acquisto online dei marchi di lusso riscontrano una soddisfazione bassa rispetto al mass retail e ai player solo online.

Per migliorare l'esperienza dell’utente, i marchi possono giocare in difesa con l'iper-specializzazione (ogni touchpoint svolge un ruolo e i clienti sono guidati verso quello ottimale), o in attacco con l'iper-personalizzazione (tutti i touchpoint svolgono ogni ruolo, adattandosi alle esigenze del singolo cliente).

Il 40% dei consumatori più alto-spendenti si aspetta di aumentare la propria spesa durante il prossimo anno.

  • L'euforia post-pandemica della Cina (crescita prevista del 15-20% nel 2023) comporta una notevole propensione all’acquisto di lusso (+50% rispetto alla media True-Luxury) coerente con la riapertura del Paese.
  • Gli Stati Uniti mostrano una propensione del 40% superiore alla media TrueLuxury.
  • Gli Europei, invece, presentano una propensione netta d’acquisto inferiore del 40% alla media True-Luxury, fortemente influenzati dall’incertezza del quadro macro.

In Medio Oriente il mercato del lusso personale è valutato circa 15 miliardi di euro nel 2023 e si attende che raggiunga 30-35 miliardi di euro nel 2030. Gli Emirati Arabi Uniti (EAU) e il Regno dell'Arabia Saudita (KSA) sono i due principali motori della crescita regionale. Il mercato del lusso personale in KSA ha un valore di circa 3 miliardi di euro nel 2023 e si attende che raggiunga circa 6 miliardi di euro nel 2030, raddoppiando la sua dimensione.  

Nel 2022 i giovani (Millennial e Gen Z) hanno rappresentato un valore per il settore di oltre 200 miliardi di euro, il doppio rispetto al 2016. Valore che raddoppierà ancora entro il 2026, quando saranno il 75% del mercato.

I brand dovranno tenere conto delle caratteristiche che distinguono questo target da quello dei “Senior”, studiando strategie di ingaggio diversificate, con una personalizzazione dell’offerta e della comunicazione.

Focus Retail

La rete di negozi dei principali marchi del lusso si è ampliata solo dello 0,5% dal 2019. Il retail di lusso continua a essere concentrato in un numero relativamente ridotto di città internazionali: le 25 più importanti contano circa il 40% dei punti vendita.

I grandi marchi stanno puntando su negozi più grandi e significativi che integrano nella loro architettura elementi del DNA del marchio e del luogo in cui si trovano. Il negozio diventa un luogo “eccezionale” che offre esperienze uniche sempre più personalizzate ed esclusive.

Grazie agli investimenti in comunicazione che li accompagnano, questi nuovi flagship store sono profittevoli, con fatturati di diverse centinaia di milioni di euro e margini elevati.

Ai marchi più piccoli serve inventiva, per allestire negozi diversi che possano fare colpo. Serve pragmatismo, per trovare nuove location che possano costare meno e realismo, per partire piccoli e crescere gradualmente. Avere un grande negozio e poi mancare dei mezzi per fare comunicazione, è una strategia che non paga.

Fonte: Altagamma

Analisi di mercato
Export italiano dicembre 2023
19 febbraio 2024 Export italiano dicembre 2023
Nel 2023 il valore dell’export italiano è rimasto stazionario rispetto all’anno precedente. L’aumento dei valori medi unitari (+5,3%) è stato pienamente compensato da una riduzione, superiore alle attese dei volumi (-5,1%).
Previsioni export italiano di servizi
19 febbraio 2024 Previsioni export italiano di servizi
Secondo il “Focus on” di SACE, nel 2023 l’export italiano di servizi è cresciuto dell’11,2% a € 135 miliardi; per il 2024 è atteso un incremento del 4,6%.
Turchıa: crescono Aerospazıo e Dıfesa
17 febbraio 2024 Turchıa: crescono Aerospazıo e Dıfesa
Negli ultimi dieci anni, l’industria turca dell’Aerospazio e della Difesa è passata dal semplice approvvigionamento alla progettazione e alla produzione.
Previsioni della Commissione europea inverno 2024
16 febbraio 2024 Previsioni della Commissione europea inverno 2024
Secondo la Commissione europea, l'attività economica è cresciuta solo dello 0,5% nel 2023, sia nell'UE che nella zona euro. Le prospettive per il 2024 sono riviste al ribasso allo 0,9% nell'UE e allo 0,8% nell'area dell'euro.
Ismea: export prodotti lattiero caseari
7 febbraio 2024 Ismea: export prodotti lattiero caseari
Nel periodo gennaio - settembre 2023, le esportazioni di formaggi e latticini italiani sono cresciute del 13,7% in valore e poco meno del 5% in volume, trainate dal mercato tedesco (+10% in volume) e dai freschi (+17% in valore).
Settore calzaturiero: preconsuntivo 2023 e aspettative per il 2024
2 febbraio 2024 Settore calzaturiero: preconsuntivo 2023 e aspettative per il 2024
Area Studi Mediobanca ha pubblicato un report sul settore calzaturiero che, dopo un biennio di crescita a doppia cifra, chiude il 2023 al +2%.
Italia leader nell’industria della pasta
25 gennaio 2024 Italia leader nell’industria della pasta
Secondo un’analisi dell’Area Studi Mediobanca, l’Italia è prima al mondo per produzione di pasta con 3,7 mln di tonnellate (pari al 22,3% del totale).
Bollettino economico Banca d’Italia gennaio 2024
23 gennaio 2024 Bollettino economico Banca d’Italia gennaio 2024
Alla fine del 2023 l’attività economica mondiale si è ulteriormente indebolita. La produzione manifatturiera ha continuato a ristagnare e la dinamica dei servizi ha perso vigore.
Export italiano novembre 2023
16 gennaio 2024 Export italiano novembre 2023
Tra gennaio e novembre 2023, l’export italiano in valore è aumentato dello 0,7% rispetto allo stesso periodo dello scorso anno.
Ismea: export vino primi 9 mesi 2023
15 gennaio 2024 Ismea: export vino primi 9 mesi 2023
Il 2023 del vino è stato caratterizzato da produzione in forte contrazione e riduzione degli scambi internazionali, sia in volume che in valore.