1 dicembre 2023

Voto UE sul nuovo regolamento imballaggi (PPWR)

di lettura

La revisione del mercato europeo degli imballaggi e dei rifiuti di imballaggio è essenziale per la competitività e l'innovazione europea e per allineare ambizioni ambientali e realtà industriale.

Voto UE sul nuovo regolamento imballaggi (PPWR)

I principali obiettivi della normativa in discussione sono:

  • ridurre il numero di imballaggi (il 5% entro il 2030, il 10% per il 2035 e il 15% entro il 2040)
  • ridurre i rifiuti per gli imballaggi in plastica (10% entro il 2030, 15% entro il 2035 e 20% entro il 2040)
  • limitare fortemente i formati di imballaggio monouso 
  • eliminare le pellicole termoretraibili per le valigie negli aeroporti
  • vietare l’uso delle cosiddette “sostanze chimiche per sempre” negli imballaggi alimentari.

La proposta di Regolamento UE sugli imballaggi e sui rifiuti di imballaggio nella sua formulazione iniziale avrebbe avuto pesanti ricadute su molte filiere produttive (come il divieto di commercializzazione degli imballaggi monouso per l’ortofrutta, o di articoli monouso riciclabili destinati all’HoReCa…).

Dopo il pressing delle associazioni di categoria, i parlamentari europei il 22 novembre scorso hanno approvato importanti emendamenti al nuovo regolamento imballaggi (PPWR)  trovando un più equo bilanciamento tra riuso e riciclo.

L’esenzione dall’obbligo di riuso è prevista per tutti i paesi che raggiungano una percentuale di riciclo dell’85%. L’Italia, con un tasso di riciclo complessivo degli imballaggi pari al 73,3%, ha già superato nel 2021 l’obiettivo comunitario del 70% entro il 2030.

I prossimi passaggi istituzionali prevedono il vaglio del Consiglio UE. Una volta che il Consiglio avrà adottato la sua posizione, il Parlamento avvierà i colloqui con i governi nazionali.

La soddisfazione del mondo del packaging

Dopo l’approvazione delle modifiche al Regolamento Packaging PPWR , che ha ridimensionato gli aspetti più controversi della proposta, si susseguono i commenti  delle associazioni di categoria e delle realtà coinvolte dagli esiti della votazione.

EUROPEN riconosce che l’eliminazione da parte del Parlamento di alcuni divieti arbitrari e di obiettivi di riutilizzo che non sono basati su adeguate prove scientifiche è un passo nella giusta direzione. Tuttavia, il voto non include un’adeguata armonizzazione dei requisiti di sostenibilità e gestione dei rifiuti e permangono ostacoli che minacciano le catene del valore e rischiano di frammentare il mercato unico.

Secondo FEFCO - European Corrugated Packaging Association, il voto ha definito la strada per un packaging sempre più sostenibile, mantenendo il sistema di gestione dei rifiuti esistente. Questo approccio complementare tra riciclo e riuso è capace di garantire la competitività armonizzando il mercato interno.

Flexible Packaging Europe (FPE), che rappresenta i fornitori di imballaggi flessibili in tutti i materiali, accoglie con favore i miglioramenti su diversi punti, in particolare: le scadenze più chiare per i requisiti di riciclabilità che consentano all’industria di adattare la progettazione degli imballaggi e di adeguare le infrastrutture di raccolta e riciclaggio; le esenzioni dagli obiettivi specifici di riutilizzo per gli imballaggi flessibili fondamentali per il trasporto utilizzati a diretto contatto con gli alimenti.

Secondo l’Associazione Italiana Scatolifici l’Italia è uno dei paesi più virtuosi per ciò che riguarda il riciclo della carta e l’Europa ha capito che questa è la direzione giusta da tenere. È rassicurante notare che il divieto dei contenitori monouso per i prodotti alimentari sia stato scongiurato, prendendo in considerazione la sostenibilità di tali imballaggi e la loro sicurezza alimentare, tutelata da severe normative.

Per Federalimentare con il voto dell’Europarlamento che esenta al riuso degli imballaggi gli Stati membri che abbiano raggiunto una percentuale di riciclo pari all’85%, passa la linea della ragionevolezza e delle evidenze scientifiche dell’Italia che ha opposto, alla visione ideologica emersa in Commissione Ambiente, dati, numeri e analisi a sostegno delle sue tesi.

 

 

Altre tematiche
Un quadro generale sul sıstema dı proprıeta’ ıntellettuale turco per le azıende ıtalıane
6 giugno 2024 Un quadro generale sul sıstema dı proprıetà ıntellettuale turco per le azıende ıtalıane
Italia - Turchia: relazioni commerciali e proprietà intellettuale.
Nuove sanzioni UE contro la Russia
29 maggio 2024 Nuove sanzioni UE contro la Russia
Approvato il Regolamento che sancisce un nuovo e diverso quadro di misure restrittive, non correlate all’aggressione dell’Ucraina, ma alla repressione interna in Russia.
Expo 2025 si avvicina
24 maggio 2024 Expo 2025 si avvicina
Expo 2025, si terrà a Osaka, in Giappone, dal 13 aprile al 13 ottobre 2025
Raccomandazione della Commissione Europea: EU toolbox contro la contraffazione
14 maggio 2024 Raccomandazione della Commissione Europea: "EU toolbox contro la contraffazione"
Si raccomandano azioni per combattere la contraffazione e proteggere meglio i diritti di proprietà intellettuale, che interessano il 50% del PIL dell'UE.
Dhl Express: 5 nuovi voli settimanali Malpensa - Hong Kong
4 aprile 2024 Dhl Express: 5 nuovi voli settimanali Malpensa - Hong Kong
Dhl Express Italy ha inaugurato il nuovo collegamento diretto, con 5 voli settimanali, tra l’aeroporto di Milano Malpensa e quello di Hong Kong
Corridoi ed efficienza logistica dei territori 2024
3 aprile 2024 Corridoi ed efficienza logistica dei territori 2024
Contship Italia e Srm hanno pubblicato i risultati dell'indagine che analizza le scelte logistiche e l’utilizzo dell’intermodalità e delle clausole Incoterms di 400 aziende di Lombardia, Emilia-Romagna e Veneto.
Brevetti in Europa 2023
19 marzo 2024 Brevetti in Europa 2023
L’indice dei brevetti dell’EPO dimostra che l’innovazione è rimasta solida nel 2023, con aziende e inventori che hanno depositato un numero record di domande di brevetto europeo.
Rincari per il trasporto marittimo su grandi navi
20 febbraio 2024 Rincari per il trasporto marittimo su grandi navi
La direttiva UE 2023/959 ha ampliato l'ambito di applicazione del sistema EU ETS estendendo gli obblighi derivanti dalla direttiva 2003/87/CE alle emissioni prodotte dal trasporto marittimo.
Conseguenze della crisi di Suez
22 gennaio 2024 Conseguenze della crisi di Suez
Il Presidente di Promos Italia, Giovanni Da Pozzo, commenta le conseguenze che la “Crisi di Suez” potrebbe avere sul commercio estero delle imprese italiane e le possibili ricadute sull’economia nazionale e internazionale.
Crolla il traffico container nel Mar Rosso a dicembre
18 gennaio 2024 Crolla il traffico container nel Mar Rosso a dicembre
L'indicatore del commercio Kiel a dicembre 2023 registra le gravi conseguenze causate dagli attacchi alle navi mercantili nel Mar Rosso.