1 dicembre 2023

Voto UE sul nuovo regolamento imballaggi (PPWR)

di lettura

La revisione del mercato europeo degli imballaggi e dei rifiuti di imballaggio è essenziale per la competitività e l'innovazione europea e per allineare ambizioni ambientali e realtà industriale.

Image

I principali obiettivi della normativa in discussione sono:

  • ridurre il numero di imballaggi (il 5% entro il 2030, il 10% per il 2035 e il 15% entro il 2040)
  • ridurre i rifiuti per gli imballaggi in plastica (10% entro il 2030, 15% entro il 2035 e 20% entro il 2040)
  • limitare fortemente i formati di imballaggio monouso 
  • eliminare le pellicole termoretraibili per le valigie negli aeroporti
  • vietare l’uso delle cosiddette “sostanze chimiche per sempre” negli imballaggi alimentari.

La proposta di Regolamento UE sugli imballaggi e sui rifiuti di imballaggio nella sua formulazione iniziale avrebbe avuto pesanti ricadute su molte filiere produttive (come il divieto di commercializzazione degli imballaggi monouso per l’ortofrutta, o di articoli monouso riciclabili destinati all’HoReCa…).

Dopo il pressing delle associazioni di categoria, i parlamentari europei il 22 novembre scorso hanno approvato importanti emendamenti al nuovo regolamento imballaggi (PPWR)  trovando un più equo bilanciamento tra riuso e riciclo.

L’esenzione dall’obbligo di riuso è prevista per tutti i paesi che raggiungano una percentuale di riciclo dell’85%. L’Italia, con un tasso di riciclo complessivo degli imballaggi pari al 73,3%, ha già superato nel 2021 l’obiettivo comunitario del 70% entro il 2030.

I prossimi passaggi istituzionali prevedono il vaglio del Consiglio UE. Una volta che il Consiglio avrà adottato la sua posizione, il Parlamento avvierà i colloqui con i governi nazionali.

La soddisfazione del mondo del packaging

Dopo l’approvazione delle modifiche al Regolamento Packaging PPWR , che ha ridimensionato gli aspetti più controversi della proposta, si susseguono i commenti  delle associazioni di categoria e delle realtà coinvolte dagli esiti della votazione.

EUROPEN riconosce che l’eliminazione da parte del Parlamento di alcuni divieti arbitrari e di obiettivi di riutilizzo che non sono basati su adeguate prove scientifiche è un passo nella giusta direzione. Tuttavia, il voto non include un’adeguata armonizzazione dei requisiti di sostenibilità e gestione dei rifiuti e permangono ostacoli che minacciano le catene del valore e rischiano di frammentare il mercato unico.

Secondo FEFCO - European Corrugated Packaging Association, il voto ha definito la strada per un packaging sempre più sostenibile, mantenendo il sistema di gestione dei rifiuti esistente. Questo approccio complementare tra riciclo e riuso è capace di garantire la competitività armonizzando il mercato interno.

Flexible Packaging Europe (FPE), che rappresenta i fornitori di imballaggi flessibili in tutti i materiali, accoglie con favore i miglioramenti su diversi punti, in particolare: le scadenze più chiare per i requisiti di riciclabilità che consentano all’industria di adattare la progettazione degli imballaggi e di adeguare le infrastrutture di raccolta e riciclaggio; le esenzioni dagli obiettivi specifici di riutilizzo per gli imballaggi flessibili fondamentali per il trasporto utilizzati a diretto contatto con gli alimenti.

Secondo l’Associazione Italiana Scatolifici l’Italia è uno dei paesi più virtuosi per ciò che riguarda il riciclo della carta e l’Europa ha capito che questa è la direzione giusta da tenere. È rassicurante notare che il divieto dei contenitori monouso per i prodotti alimentari sia stato scongiurato, prendendo in considerazione la sostenibilità di tali imballaggi e la loro sicurezza alimentare, tutelata da severe normative.

Per Federalimentare con il voto dell’Europarlamento che esenta al riuso degli imballaggi gli Stati membri che abbiano raggiunto una percentuale di riciclo pari all’85%, passa la linea della ragionevolezza e delle evidenze scientifiche dell’Italia che ha opposto, alla visione ideologica emersa in Commissione Ambiente, dati, numeri e analisi a sostegno delle sue tesi.

 

 

Altre tematiche
Rincari per il trasporto marittimo su grandi navi
20 febbraio 2024 Rincari per il trasporto marittimo su grandi navi
La direttiva UE 2023/959 ha ampliato l'ambito di applicazione del sistema EU ETS estendendo gli obblighi derivanti dalla direttiva 2003/87/CE alle emissioni prodotte dal trasporto marittimo.
Conseguenze della crisi di Suez
22 gennaio 2024 Conseguenze della crisi di Suez
Il Presidente di Promos Italia, Giovanni Da Pozzo, commenta le conseguenze che la “Crisi di Suez” potrebbe avere sul commercio estero delle imprese italiane e le possibili ricadute sull’economia nazionale e internazionale.
Crolla il traffico container nel Mar Rosso a dicembre
18 gennaio 2024 Crolla il traffico container nel Mar Rosso a dicembre
L'indicatore del commercio Kiel a dicembre 2023 registra le gravi conseguenze causate dagli attacchi alle navi mercantili nel Mar Rosso.
Come promuovere l’industria robotica sui mercati esteri
22 dicembre 2023 Come promuovere l’industria robotica sui mercati esteri
L’industria italiana della robotica ha recuperato rispetto al 2020 e sta vivendo una fase positiva anche grazie alla transizione 4.0.
Voto UE sul nuovo regolamento imballaggi (PPWR)
1 dicembre 2023 Voto UE sul nuovo regolamento imballaggi (PPWR)
La revisione del mercato europeo degli imballaggi e dei rifiuti di imballaggio è essenziale per la competitività e l'innovazione europea e per allineare ambizioni ambientali e realtà industriale.
Come progettare un piano efficace di vendite all’estero?
24 novembre 2023 Come progettare un piano efficace di vendite all’estero?
Il piano di export deve definire: mercati-obiettivo, canali distributivi, segmentazione clienti locali, promozione dell’offerta pensata per canali / buyer persona.
Infoexport: spedizione via mare Italia - USA
19 novembre 2023 Infoexport: spedizione via mare Italia - USA
Che modalità  di trasporto conviene utilizzare per spedire negli Stati Uniti e in Canada 1.000 forni a pellet  (peso di 30 kg), considerando anche la successiva consegna ai clienti?
Interventi a favore delle imprese toscane colpite dall’alluvione
7 novembre 2023 Interventi a favore delle imprese toscane colpite dall’alluvione
Il ministro degli Affari Esteri Antonio Tajani ha coinvolto Cdp, Ice, Simest e Sace per predisporre un intervento a favore delle aziende vittime del maltempo in Toscana.
Shop Circle raccoglie $120 milioni e costruisce il futuro dell’e-commerce
17 ottobre 2023 Shop Circle raccoglie $120 milioni e costruisce il futuro dell’e-commerce
Shop Circle è una società tecnologica italo-inglese leader nello sviluppo e commercializzazione di app per gli operatori dell’e-commerce.
Emilia Romagna: ristori per perdita di reddito per le imprese colpite dalle alluvioni
15 ottobre 2023 Emilia Romagna: ristori per perdita di reddito per le imprese colpite dalle alluvioni
SIMEST gestirà una nuova misura per le imprese esportatrici delle aree colpite dalle alluvioni dello scorso maggio per le quali è stato dichiarato lo stato di emergenza (all. 1 del DL 61/2023).