10 maggio 2021

Trend costi di trasporto internazionali e materie prime

di lettura

Da qualche mese le aziende stanno affrontando, oltre alla pandemia, l’esplosione dei costi di trasporto internazionali, l’aumento dei costi delle materie prime e l’allungamento dei tempi di consegna.

Image

Cosa sta succedendo? Quanto durerà questa situazione? Vediamo di fare il punto.

Per quanto riguarda la problematica dei costi delle materie prime e dei tempi di consegna allungati dovuti ai ritardi dei trasporti navali è utile analizzare i dati forniti dal “Baltic Dry Index” che indica l'andamento dei costi del trasporto marittimo e dei noli delle principali categorie delle navi cargo che trasportano materiale dry (quindi non liquido come petrolio, materiali chimici, ecc.) e bulk (sfuso), in particolare materie prime. Misura la correlazione tra l'offerta e la domanda di grandi navi da carico e la richiesta delle loro rotte commerciali.

L’indice dell’andamento dei noli marittimi, negli ultimi 3 anni, tranne il picco di metà 2019 non ha superato il valore 2.000. A partire da marzo 2021 ha subito una impennata che lo ha portato al valore di 3.000 (+50%) in cui si trova attualmente, eppure il rialzo dei prezzi dei container e dei noli risale a ben prima, verso settembre 2020.

Circa il 60% delle merci globali si sposta tramite container e il prezzo medio attuale della spedizione a livello globale, circa 4.600 dollari, è balzato a 8.000 dollari per la tratta Asia-Nord Europa e 8.900 dollari per Asia-Mediterraneo un anno fa eravamo sui 1.500 dollari di media.

Prezzo medio in US$ spedizione container

Cause

I dati del Baltic Dry Index evidenziano che il problema principale è l’irregolarità nell’andamento dei trasporti (caduta inizio 2019 - impennata metà 2019 - crollo fine 2019 e inizio 2020 - impennata metà 2020) creando un effetto “stop-and go” che ha portato a una alterazione dei flussi commerciali.

In pratica, le quantità di container e materie prime complessivamente movimentate, dal punto di vista della quantità, non sono sostanzialmente cambiate. Non c’è scarsità di prodotto, ma problemi di movimentazione L’impennata dell’export cinese compensa le quantità non esportate durante la pandemia. I tradizionali flussi commerciali dalla Cina verso l’estero erano alimentati da molti container pieni in uscita e pochi vuoti in entrata, ma con una velocità di rotazione che consentiva un ricambio in tempi congrui.

Flussi commerciali distorti nei mercati di consumo, che importano di più e esportano di meno del normale a causa della pandemia, hanno portato a un accumulo record di container al di fuori della Cina (per ogni 3 container in uscita dalla Cina, ne entra solo uno), creando una carenza che ha portato a una speculazione nel settore. Oggi, chi ha container vuoti se li fa pagare a prezzi elevati. Addirittura le navi con merce proveniente dalla Cina quando scaricano in Europa o USA poi tornano rapidamente vuote in Cina per un nuovo carico (mentre prima tornavano, facendo quanti più scali possibili, per caricare merce e ottimizzare i costi di ritorno). In pratica le aziende cinesi si accollano i costi di trasporto delle navi vuote, costi che poi “scaricano” sul cliente finale.

Le società di trasporto marittimo stanno cercando in tutti i modi di recuperare le perdite subite negli ultimi anni, in particolare durante la pandemia periodo in cui hanno fatto viaggiare le navi con poco carico per rispettare le consegne.

Gli armatori usano attualmente mezzi sempre più grandi (come la “Ever Given” incagliata recentemente nel Canale di Suez, 200mila tonnellate di peso e 400 metri di lunghezza) per ottimizzare i costi lasciando ferme le navi più piccole. Anche in questo caso, complessivamente la quantità di container movimentata è la stessa di prima, ma con meno navi disponibili si è ridotta la flessibilità del sistema di spedizione.

Anche il traffico aereo cargo si è molto ridotto, e considerando che le prime sei compagnie di trasporto navale mondiali (che rappresentano l’85% di tutto il traffico merci) si sono associate in tre consorzi, si capisce che non ci sono molte alternative dal punto di vista logistico a questa situazione, per il momento.

A breve termine la situazione è destinata, nella migliore delle ipotesi, a rimanere stabile. Ma l’impennata del 50% del “Baltic Dry Index” avvenuta negli ultimi 2 mesi significa che la carenza di navi e container è destinata a peggiorare almeno nel breve periodo. I flussi di merci probabilmente non si stabilizzeranno prima della fine dell’estate. Se la pandemia sarà tenuta sotto controllo e non ci saranno altri lockdown la situazione dovrebbe migliorare.

Questa complessa situazione, dovuta alla combinazione di flussi commerciali irregolari che hanno creato il collo di bottiglia e attività speculative, spingono molti grandi operatori commerciali internazionali ad acquistare solo quanto strettamente necessario, senza fare scorte, in attesa che tra qualche mese i prezzi calino. Ma si tratta sempre di una scommessa perché, se la speculazione dovesse perdurare, allora le aziende dovrebbero, già da adesso, rivedere la loro “supply-chain” e trovare fornitori in paesi più vicini dove si possa lavorare con altri mezzi di trasporto (gomma, treno).

Michele Lenoci

Altre tematiche
Rincari per il trasporto marittimo su grandi navi
20 febbraio 2024 Rincari per il trasporto marittimo su grandi navi
La direttiva UE 2023/959 ha ampliato l'ambito di applicazione del sistema EU ETS estendendo gli obblighi derivanti dalla direttiva 2003/87/CE alle emissioni prodotte dal trasporto marittimo.
Conseguenze della crisi di Suez
22 gennaio 2024 Conseguenze della crisi di Suez
Il Presidente di Promos Italia, Giovanni Da Pozzo, commenta le conseguenze che la “Crisi di Suez” potrebbe avere sul commercio estero delle imprese italiane e le possibili ricadute sull’economia nazionale e internazionale.
Crolla il traffico container nel Mar Rosso a dicembre
18 gennaio 2024 Crolla il traffico container nel Mar Rosso a dicembre
L'indicatore del commercio Kiel a dicembre 2023 registra le gravi conseguenze causate dagli attacchi alle navi mercantili nel Mar Rosso.
Come promuovere l’industria robotica sui mercati esteri
22 dicembre 2023 Come promuovere l’industria robotica sui mercati esteri
L’industria italiana della robotica ha recuperato rispetto al 2020 e sta vivendo una fase positiva anche grazie alla transizione 4.0.
Voto UE sul nuovo regolamento imballaggi (PPWR)
1 dicembre 2023 Voto UE sul nuovo regolamento imballaggi (PPWR)
La revisione del mercato europeo degli imballaggi e dei rifiuti di imballaggio è essenziale per la competitività e l'innovazione europea e per allineare ambizioni ambientali e realtà industriale.
Come progettare un piano efficace di vendite all’estero?
24 novembre 2023 Come progettare un piano efficace di vendite all’estero?
Il piano di export deve definire: mercati-obiettivo, canali distributivi, segmentazione clienti locali, promozione dell’offerta pensata per canali / buyer persona.
Infoexport: spedizione via mare Italia - USA
19 novembre 2023 Infoexport: spedizione via mare Italia - USA
Che modalità  di trasporto conviene utilizzare per spedire negli Stati Uniti e in Canada 1.000 forni a pellet  (peso di 30 kg), considerando anche la successiva consegna ai clienti?
Interventi a favore delle imprese toscane colpite dall’alluvione
7 novembre 2023 Interventi a favore delle imprese toscane colpite dall’alluvione
Il ministro degli Affari Esteri Antonio Tajani ha coinvolto Cdp, Ice, Simest e Sace per predisporre un intervento a favore delle aziende vittime del maltempo in Toscana.
Shop Circle raccoglie $120 milioni e costruisce il futuro dell’e-commerce
17 ottobre 2023 Shop Circle raccoglie $120 milioni e costruisce il futuro dell’e-commerce
Shop Circle è una società tecnologica italo-inglese leader nello sviluppo e commercializzazione di app per gli operatori dell’e-commerce.
Emilia Romagna: ristori per perdita di reddito per le imprese colpite dalle alluvioni
15 ottobre 2023 Emilia Romagna: ristori per perdita di reddito per le imprese colpite dalle alluvioni
SIMEST gestirà una nuova misura per le imprese esportatrici delle aree colpite dalle alluvioni dello scorso maggio per le quali è stato dichiarato lo stato di emergenza (all. 1 del DL 61/2023).