19 gennaio 2023

Il rilancio del Porto di Ravenna

di lettura

Il porto di Ravenna è il solo porto commerciale dell’Emilia Romagna e movimenta ogni anno oltre 27 milioni di tonnellate.

Il rilancio del Porto di Ravenna

Rappresenta una piattaforma intermodale per servizi logistici con terminal portuali e scali ferroviari collegata direttamente alla rete autostradale e alla rete ferroviaria per il trasporto merci.

Nel 2022 la movimentazione complessiva si stima abbia raggiunto circa 27,4 milioni di tonnellate (+1,1% rispetto al 2021). Questo nonostante gli effetti del conflitto in Ucraina abbiano penalizzato i traffici del porto di Ravenna che rappresenta il principale riferimento per le importazioni dai Paesi del Mar Nero e per le materie prime di settori altamente energivori come quelli dell’industria ceramica, dei prodotti metallurgici e dei fertilizzanti. Basti pensare che il 40% dell’interscambio commerciale tra Italia e Ucraina passa dal porto di Ravenna.

Progetto Hub Portuale: fase 1

A Ravenna sono in corso da tempo i lavori della prima fase del progetto Hub Portuale (valore di oltre 230 milioni di euro) che prevede di:

  • portare gli attuali fondali fino a -12,5m
  • rifare 6,5 km di banchine
  • costruire una nuova banchina di 1 km per un nuovo terminal destinato anche alla movimentazione dei container
  • urbanizzare oltre 200 ettari di future aree logistiche direttamente collegate alle banchine, ai nuovi scali ferroviari merci e al sistema autostradale.

Grazie ai nuovi spazi a disposizione si potranno insediare nuove attività, anche industriali, che godranno del vantaggio competitivo dell’intermodalità e delle soluzioni altamente tecnologiche messe a loro disposizione.

Oltre al potenziamento infrastrutturale e logistico e alla disponibilità di nuove aree a ridosso delle banchine, le imprese potranno sfruttare la digitalizzazione di molte procedure legate alla movimentazione delle merci.

Hub Portuale: fase 2

Sono già stati assegnati i lavori della seconda fase del progetto (valore di 250 milioni), legati in parte a fondi del PNRR che devono essere spesi entro il 2026.

Al termine della seconda fase, il porto disporrà di fondali a -14,5m e di un innovativo impianto per la gestione dei sedimenti che servirà, in una ottica di economia circolare, al recupero dei materiali risultanti dall’escavo e ai periodici interventi di manutenzione del canale.

Attualmente, in virtù della sua posizione geografica strategica, il porto di Ravenna serve Nord Italia ed Europa centrale, ed è un porto di riferimento per i mercati del Mediterraneo orientale e del Mar Nero, oltre a svolgere un ruolo importante anche per quanto riguarda gli scambi con i mercati di Medio ed Estremo Oriente. Una volta conclusi i lavori del progetto Hub Portuale, il porto di Ravenna avrà acquisito maggiore competitività e attrattività rispetto a molti altri porti adriatici.

In cifre

  • Lunghezza porto canale: 14 km
  • Banchine operative: 10,5 km
  • Binari ferroviari: 35 km
  • Silos/serbatoi: 1.018.000 m3
  • Piazzali: 1.414.000 m2
  • Magazzini: 846.000 m2
  • Occupati: +15.000
  • Profondità attuale: -11.5 m - Profondità Fase I: -12.5 m - Profondità Fase II: -14.5 m.

Porto Ravenna

Sostenibilità ambientale e nuova stazione marittima

L’Autorità Portuale realizzerà direttamente un grande parco fotovoltaico della potenza complessiva di 20MW, che unito ad altri investimenti privati - SNAM realizzerà a Ravenna un rigassificatore, ENI un impianto per la cattura, il trasporto e lo stoccaggio di CO2, SAIPEM e QINT’X due impianti eolici offshore e un impianto fotovoltaico galleggiante – permetterà di produrre energia pulita che sarà messa a disposizione di tutti i membri della Comunità Energetica Portuale a prezzi estremamente competitivi.

E’ in corso di pubblicazione anche il Bando per l’elettrificazione delle banchine del terminal crociere. A fine marzo dovrebbero essere aggiudicati i lavori. Un investimento di 35 milioni (con fondi PNRR) che consentirà alle navi di spegnere i motori e di prendere energia dalle apposite colonnine.

Grazie all’accordo siglato tra Autorità Portuale e Royal Caribbean, a partire dal marzo 2022 Ravenna è divenuta un porto di arrivo/partenza dei crocieristi e ha raggiunto il record storico di passeggeri movimentati presso il Terminal di Porto Corsini (a regime sono previsti 300.000 passeggeri all’anno).

Nella primavera avanzata, inizieranno i lavori per la costruzione della nuova stazione marittima, con un investimento di 26 milioni di euro: 20 da parte di Royal Caribbean e 6 dell’Autorità Portuale, la quale realizzerà anche il confinante “Parco delle dune”.

Stazione marittima Ravenna

Infine sono previsti anche i lavori per la realizzazione di un’area attrezzata per l’autotrasporto - con 199 stalli per mezzi pesanti e 130 per auto, oltre a numerosi servizi a disposizione degli autotrasportatori - che sorgerà su una superficie complessiva di circa 10 ettari in uno snodo strategico dell’ambito portuale.

Il progetto proposto prevede un investimento dell’Autorità Portuale di quasi 4 milioni di euro, a fronte di circa 15 milioni investiti dal privato proponente.

Altre tematiche
Expo 2025 si avvicina
24 maggio 2024 Expo 2025 si avvicina
Expo 2025, si terrà a Osaka, in Giappone, dal 13 aprile al 13 ottobre 2025
Raccomandazione della Commissione Europea: EU toolbox contro la contraffazione
14 maggio 2024 Raccomandazione della Commissione Europea: "EU toolbox contro la contraffazione"
Si raccomandano azioni per combattere la contraffazione e proteggere meglio i diritti di proprietà intellettuale, che interessano il 50% del PIL dell'UE.
Dhl Express: 5 nuovi voli settimanali Malpensa - Hong Kong
4 aprile 2024 Dhl Express: 5 nuovi voli settimanali Malpensa - Hong Kong
Dhl Express Italy ha inaugurato il nuovo collegamento diretto, con 5 voli settimanali, tra l’aeroporto di Milano Malpensa e quello di Hong Kong
Corridoi ed efficienza logistica dei territori 2024
3 aprile 2024 Corridoi ed efficienza logistica dei territori 2024
Contship Italia e Srm hanno pubblicato i risultati dell'indagine che analizza le scelte logistiche e l’utilizzo dell’intermodalità e delle clausole Incoterms di 400 aziende di Lombardia, Emilia-Romagna e Veneto.
Brevetti in Europa 2023
19 marzo 2024 Brevetti in Europa 2023
L’indice dei brevetti dell’EPO dimostra che l’innovazione è rimasta solida nel 2023, con aziende e inventori che hanno depositato un numero record di domande di brevetto europeo.
Rincari per il trasporto marittimo su grandi navi
20 febbraio 2024 Rincari per il trasporto marittimo su grandi navi
La direttiva UE 2023/959 ha ampliato l'ambito di applicazione del sistema EU ETS estendendo gli obblighi derivanti dalla direttiva 2003/87/CE alle emissioni prodotte dal trasporto marittimo.
Conseguenze della crisi di Suez
22 gennaio 2024 Conseguenze della crisi di Suez
Il Presidente di Promos Italia, Giovanni Da Pozzo, commenta le conseguenze che la “Crisi di Suez” potrebbe avere sul commercio estero delle imprese italiane e le possibili ricadute sull’economia nazionale e internazionale.
Crolla il traffico container nel Mar Rosso a dicembre
18 gennaio 2024 Crolla il traffico container nel Mar Rosso a dicembre
L'indicatore del commercio Kiel a dicembre 2023 registra le gravi conseguenze causate dagli attacchi alle navi mercantili nel Mar Rosso.
Come promuovere l’industria robotica sui mercati esteri
22 dicembre 2023 Come promuovere l’industria robotica sui mercati esteri
L’industria italiana della robotica ha recuperato rispetto al 2020 e sta vivendo una fase positiva anche grazie alla transizione 4.0.
Voto UE sul nuovo regolamento imballaggi (PPWR)
1 dicembre 2023 Voto UE sul nuovo regolamento imballaggi (PPWR)
La revisione del mercato europeo degli imballaggi e dei rifiuti di imballaggio è essenziale per la competitività e l'innovazione europea e per allineare ambizioni ambientali e realtà industriale.