3 agosto 2022

Germania: nuovi obblighi sugli imballaggi

di lettura

Con decorrenza primo luglio 2022 è stata introdotta in Germania una nuova normativa inerente alla gestione degli imballaggi introdotti sul territorio tedesco.

Germania: nuovi obblighi sugli imballaggi

La normativa appena entrata in vigore interessa diverse aziende europee (tra cui ovviamente anche quelle italiane) in quanto viene estesa anche al settore B2B, coinvolgendo l’intera filiera dell’esportazione e rappresenta un aggiornamento della precedente legge che imponeva adempimenti esclusivamente per gli imballaggi destinati ai consumatori finali (B2C).

La nuova procedura riguarda anche gli imballaggi commerciali riutilizzabili e quelli utilizzati per il trasporto della merce: ogni azienda italiana che movimenta merce in Germania, o che opera come fornitrice di aziende tedesche, risulta quindi potenzialmente coinvolta.

Sintesi degli adempimenti

In particolare, a decorrere dal 1° luglio, sono previsti i seguenti obblighi:

  • obbligo di iscrizione nel registro centrale tedesco “Lucid” per tutti gli imballaggi
  • obbligo di stipulare un contratto di smaltimento degli imballaggi prima della messa in circolazione dei prodotti imballati
  • obbligo di fornire la dichiarazione di partecipazione al sistema di raccolta
  • obbligo degli operatori dei marketplace e dei centri di distribuzione e riempimento di imballaggi di garantire che la merce imballata venduta tramite la loro piattaforma sia conforme agli obblighi previsti dalla legge VerpackG.

Sanzioni

La prima immissione sul mercato senza previa partecipazione al sistema di raccolta è una violazione degli obblighi ed è soggetta a sanzioni pecuniarie. Si sottolinea che le sanzioni possono arrivare ad un massimo di 200.000 euro, oppure comportare un divieto alla vendita dei prodotto sul territorio tedesco.

Differenti adempimenti a seconda della tipologia di imballaggio

A seconda della tipologia dell’imballaggio, possono scaturire adempimenti differenti a carico delle aziende italiane.

Imballaggi introdotti sul territorio tedesco come confezioni per la vendita al minuto, cartoni, buste, pacchi: è indispensabile registrarsi sul portale Lucid. All’interno del portale dovranno essere caricati i dati relativi al contratto di smaltimento dei rifiuti sottoscritto con una delle 10 società attualmente presenti sul territorio tedesco che si occuperà di tale attività

Per gli imballaggi non destinati al consumatore finale come ad esempio imballaggi destinati ad essere rispediti nel Paese del mittente (tipicamente imballaggi a rendere): si deve procedere con la registrazione nel portale Lucid limitandosi ad elencare la tipologia degli imballaggi che formeranno oggetto di spedizione sul territorio tedesco.

Definizione di produttore

Il punto fondamentale della nuova normativa è imperniato sull’obbligo che si assume ciascun produttore di merce imballata introdotta sul territorio tedesco di gestire il ciclo di vita dell’imballaggio

Con il termine produttore (così come definito nella normativa tedesca) si deve fare riferimento al primo soggetto che immette i beni imballati sul mercato tedesco. In particolare, la normativa fa esplicito riferimento al “soggetto che ha la responsabilità legale delle merci al momento dell’attraversamento del confine” in entrata sul territorio della Germania. Ovviamente al fine di individuare il soggetto che assume tale responsabilità sarà fondamentale fare riferimento agli accordi commerciali siglati tra fornitore italiano e cliente tedesco.

Per ulteriori informazioni: https://verpackungsgesetz-info.de

Simone Del Nevo

Altre tematiche
Approvata la “direttiva sul diritto alla riparazione” dei beni di consumo
3 luglio 2024 Approvata la “direttiva sul diritto alla riparazione” dei beni di consumo
Si conclude il percorso legislativo di un atto che promuove l’economia circolare e sostenibile, con enormi ricadute sul mondo delle imprese produttrici e dei consumatori.
Adottata dal Consiglio UE la Direttiva Due Diligence per la sostenibilità aziendale
3 luglio 2024 Adottata dal Consiglio UE la Direttiva Due Diligence per la sostenibilità aziendale
É stata annunciata l'adozione della Direttiva CS3D, che mira ad assicurare il rispetto dei diritti umani e dell'ambiente, non solo all'interno Unione Europea. Sono molte le ricadute per le imprese interessate.
Un quadro generale sul sıstema dı proprıeta’ ıntellettuale turco per le azıende ıtalıane
6 giugno 2024 Un quadro generale sul sistema di proprietà intellettuale turco per le aziende italiane
Italia - Turchia: relazioni commerciali e proprietà intellettuale.
Nuove sanzioni UE contro la Russia
29 maggio 2024 Nuove sanzioni UE contro la Russia
Approvato il Regolamento che sancisce un nuovo e diverso quadro di misure restrittive, non correlate all’aggressione dell’Ucraina, ma alla repressione interna in Russia.
Expo 2025 si avvicina
24 maggio 2024 Expo 2025 si avvicina
Expo 2025, si terrà a Osaka, in Giappone, dal 13 aprile al 13 ottobre 2025
Raccomandazione della Commissione Europea: EU toolbox contro la contraffazione
14 maggio 2024 Raccomandazione della Commissione Europea: "EU toolbox contro la contraffazione"
Si raccomandano azioni per combattere la contraffazione e proteggere meglio i diritti di proprietà intellettuale, che interessano il 50% del PIL dell'UE.
Dhl Express: 5 nuovi voli settimanali Malpensa - Hong Kong
4 aprile 2024 Dhl Express: 5 nuovi voli settimanali Malpensa - Hong Kong
Dhl Express Italy ha inaugurato il nuovo collegamento diretto, con 5 voli settimanali, tra l’aeroporto di Milano Malpensa e quello di Hong Kong
Corridoi ed efficienza logistica dei territori 2024
3 aprile 2024 Corridoi ed efficienza logistica dei territori 2024
Contship Italia e Srm hanno pubblicato i risultati dell'indagine che analizza le scelte logistiche e l’utilizzo dell’intermodalità e delle clausole Incoterms di 400 aziende di Lombardia, Emilia-Romagna e Veneto.
Brevetti in Europa 2023
19 marzo 2024 Brevetti in Europa 2023
L’indice dei brevetti dell’EPO dimostra che l’innovazione è rimasta solida nel 2023, con aziende e inventori che hanno depositato un numero record di domande di brevetto europeo.
Rincari per il trasporto marittimo su grandi navi
20 febbraio 2024 Rincari per il trasporto marittimo su grandi navi
La direttiva UE 2023/959 ha ampliato l'ambito di applicazione del sistema EU ETS estendendo gli obblighi derivanti dalla direttiva 2003/87/CE alle emissioni prodotte dal trasporto marittimo.