3 luglio 2024

Adottata dal Consiglio UE la Direttiva Due Diligence per la sostenibilità aziendale

di lettura

É stata annunciata l'adozione della Direttiva CS3D, che mira ad assicurare il rispetto dei diritti umani e dell'ambiente, non solo all'interno Unione Europea. Sono molte le ricadute per le imprese interessate.

Adottata dal Consiglio UE la Direttiva Due Diligence per la sostenibilità aziendale

Il Consiglio UE, con comunicato stampa del 24 maggio 2024, ha annunciato l’adozione della Direttiva Due Diligence, detta anche CSDDD o anche CS3D, per via dell'acronimo di “Corporate sustainability due diligence Directive”.

“Corporate" implica responsabilità delle imprese per il loro impatto sulla società, mentre l'espressione “due diligence" trasporta questa responsabilità su una dimensione legale, con obblighi per gli attori privati.
Lo scopo della Direttiva è incentivare l'adozione di procedure aziendali responsabili e sostenibili, in grado di condizionare anche i comportamenti di filiere e catene di approvvigionamento globali.
Le aziende interessate dovranno, in base alle nuove regole, identificare e affrontare gli impatti negativi sui diritti umani e sull’ambiente delle loro azioni, sia all’interno che all’esterno dell’Europa. Oggetto della Direttiva sono, infatti, non solo le attività delle imprese nella loro sede, ma anche quelle delle loro filiali e dei loro partner commerciali.
L'input per una Direttiva di questo genere è pervenuto da una pluralità di soggetti: un’ampia gamma di parti interessate, tra cui rappresentanti della società civile, cittadini dell’UE, imprese e associazioni imprenditoriali, hanno chiesto con forza norme obbligatorie in questo ambito. Importante è che il 70% delle imprese che hanno risposto alla consultazione pubblica dedicata all'argomento abbia ritenuto come necessaria un’azione dell’UE in materia di due diligence per la sostenibilità.

La Direttiva è il risultato di un compromesso. La misura prevede infatti una differenziazione di responsabilità tra le aziende in base alle loro dimensioni: maggiori responsabilità per le grandi società (europee e non), nessuna per le piccole e medie imprese.
Le aziende interessate saranno quindi presto chiamate ad applicare le linee guida fornite dalla Direttiva: dal 2027, saranno interessate solo le aziende con oltre 5.000 dipendenti e un fatturato globale superiore a 1.500 milioni di EURO, dal 2028 la platea sarà allargata alle imprese con più di 3.000 dipendenti e un fatturato globale superiore a 900 milioni di EURO e solo dal 2029 l'azione della Direttiva sarà estesa a tutte le circa 6900 aziende da essa interessate.

Le aziende saranno quindi responsabili per i danni causati a persone e ambiente, quando non avranno rispettato, intenzionalmente o per negligenza, i propri obblighi di due diligence riguardanti la prevenzione e la mitigazione degli impatti negativi delle loro attività.
Gli Stati Membri, che hanno ora due anni per tradurre questi provvedimenti legislativi in leggi nazionali, dovranno designare un'autorità preposta alla supervisione e all'applicazione delle norme, anche mediante ordinanze ingiuntive e sanzioni (in particolare, ammende), proporzionate e dissuasive. Alla Commissione Europea spetta, invece, il compito di creare una rete europea delle autorità di vigilanza, per garantire un approccio sempre coordinato a livello europeo.

Fonti:

Altre tematiche
Approvata la “direttiva sul diritto alla riparazione” dei beni di consumo
3 luglio 2024 Approvata la “direttiva sul diritto alla riparazione” dei beni di consumo
Si conclude il percorso legislativo di un atto che promuove l’economia circolare e sostenibile, con enormi ricadute sul mondo delle imprese produttrici e dei consumatori.
Adottata dal Consiglio UE la Direttiva Due Diligence per la sostenibilità aziendale
3 luglio 2024 Adottata dal Consiglio UE la Direttiva Due Diligence per la sostenibilità aziendale
É stata annunciata l'adozione della Direttiva CS3D, che mira ad assicurare il rispetto dei diritti umani e dell'ambiente, non solo all'interno Unione Europea. Sono molte le ricadute per le imprese interessate.
Un quadro generale sul sıstema dı proprıeta’ ıntellettuale turco per le azıende ıtalıane
6 giugno 2024 Un quadro generale sul sistema di proprietà intellettuale turco per le aziende italiane
Italia - Turchia: relazioni commerciali e proprietà intellettuale.
Nuove sanzioni UE contro la Russia
29 maggio 2024 Nuove sanzioni UE contro la Russia
Approvato il Regolamento che sancisce un nuovo e diverso quadro di misure restrittive, non correlate all’aggressione dell’Ucraina, ma alla repressione interna in Russia.
Expo 2025 si avvicina
24 maggio 2024 Expo 2025 si avvicina
Expo 2025, si terrà a Osaka, in Giappone, dal 13 aprile al 13 ottobre 2025
Raccomandazione della Commissione Europea: EU toolbox contro la contraffazione
14 maggio 2024 Raccomandazione della Commissione Europea: "EU toolbox contro la contraffazione"
Si raccomandano azioni per combattere la contraffazione e proteggere meglio i diritti di proprietà intellettuale, che interessano il 50% del PIL dell'UE.
Dhl Express: 5 nuovi voli settimanali Malpensa - Hong Kong
4 aprile 2024 Dhl Express: 5 nuovi voli settimanali Malpensa - Hong Kong
Dhl Express Italy ha inaugurato il nuovo collegamento diretto, con 5 voli settimanali, tra l’aeroporto di Milano Malpensa e quello di Hong Kong
Corridoi ed efficienza logistica dei territori 2024
3 aprile 2024 Corridoi ed efficienza logistica dei territori 2024
Contship Italia e Srm hanno pubblicato i risultati dell'indagine che analizza le scelte logistiche e l’utilizzo dell’intermodalità e delle clausole Incoterms di 400 aziende di Lombardia, Emilia-Romagna e Veneto.
Brevetti in Europa 2023
19 marzo 2024 Brevetti in Europa 2023
L’indice dei brevetti dell’EPO dimostra che l’innovazione è rimasta solida nel 2023, con aziende e inventori che hanno depositato un numero record di domande di brevetto europeo.
Rincari per il trasporto marittimo su grandi navi
20 febbraio 2024 Rincari per il trasporto marittimo su grandi navi
La direttiva UE 2023/959 ha ampliato l'ambito di applicazione del sistema EU ETS estendendo gli obblighi derivanti dalla direttiva 2003/87/CE alle emissioni prodotte dal trasporto marittimo.